Effetto Fognini in Abruzzo, giovani italiani sugli scudi a Francavilla

di - 22 Aprile 2019

L’effetto Fognini irrompe sugli Internazionali di Tennis d’Abruzzo | GoldBet Tennis Cup. Nella prima giornata del torneo ATP Challenger al Circolo Tennis Francavilla al Mare Sporting Club sono 7 i giocatori italiani che hanno ottenuto il successo per la soddisfazione del folto pubblico di appassionati e addetti ai lavori sugli spalti. Vittorie che arrivano nel lunedì in cui “Fogna” torna numero 1 azzurro e si piazza al dodicesimo posto della classifica mondiale, grazie al sorprendente trionfo nel Masters 1000 di Monte Carlo. “Fabio ha compiuto un’impresa storica, anche perché era reduce da un periodo difficile – ha dichiarato il tecnico federale Umberto Rianna -. Il suo esempio deve far capire ai giovani talenti del nostro Paese che quello del tennista è un percorso lungo e complicato. Ora che non è più un giovanotto, Fognini ha raggiunto il miglior risultato della carriera”.

Effetto Fognini – “Sono veramente felice per Fabio – il commento di Lorenzo Musetti – e spero che entrerà tra i primi 10 del mondo. È un ragazzo molto simpatico e genuino: mi ha dato tanti consigli e mi ha aiutato nel percorso vincente agli Australian Open Junior”. Entusiasta anche Julian Ocleppo: “Vedere un italiano vincere un torneo del genere è qualcosa di unico. Fabio sulla terra rossa è uno dei migliori giocatori del mondo, inoltre è un ragazzo simpatico e sempre allegro. Sono davvero contento per lui e gli auguro il meglio da qui in avanti”. E poi i ricordi di Matteo Viola, amico e avversario di Fognini da piccolo: “Fabio merita questo successo. Mi sono emozionato quando ha abbracciato il papà, che ha sempre creduto in lui. Spero che questo risultato possa essere d’aiuto per la nuova generazione azzurra. Le mie sfide con Fabio? Secoli fa, ma negli scontri diretti credo di essere in vantaggio (ride, ndr)”.

Avanzano Musetti e Moroni – Nel match di giornata Lorenzo Musetti l’ha spuntata su Gianluca Di Nicola (wild card grazie alla vittoria del torneo della Race to MEF Challenger) con il punteggio di 6-3 3-6 6-4 in quasi due ore di gioco. Non una prestazione straordinaria quella del numero 2 del mondo under 18, che ha però dimostrato grande freddezza nei momenti chiave dell’incontro, a dispetto della giovane età: “Il mio 2019 è partito con il boom di Melbourne, in seguito nella mia testa è arrivata un po’ di confusione per qualche sconfitta al primo turno. La prima vittoria in un main draw challenger a Sophia Antipolis mi ha sbloccato mentalmente e adesso sono pronto per giocare a questo livello. La pressione sui giovani? Siamo tanti e forti, considerando Sinner, Zeppieri e tanti altri, quindi riusciamo a dividerla equamente”. Buona la prima per Gian Marco Moroni, giustiziere del russo Ivan Nedelko con un netto 6-3 6-2: “Sono molto contento, sto esprimendo un tennis che mi piace. È sempre una bella sensazione riuscire a riportare nel match quello che si prova in allenamento. Mi fa piacere giocare qui per il terzo anno consecutivo, il pubblico è sempre dalla mia parte. Ho superato un periodo negativo in campo e fuori, nel Challenger di Tunisi mi sono ritrovato e adesso non voglio fermarmi”. Vincono e convincono i rispettivi match di primo turno Matteo Viola, Julian Ocleppo, Federico Gaio e Riccardo Bonadio, mentre superano le qualificazioni Andrea Vavassori e il vietnamita Nam Hoang Ly. Domani l’esordio di gran parte delle teste di serie, tra cui il campione in carica Gianluigi Quinzi.

I risultati di lunedì 22 aprile

Main draw
Kotov (RUS) d G. Sakharov (FRA) 64 62
M. Viola (ITA) d C. Boluda-Purkiss (ESP) 63 62
G. Moroni (ITA) d [ITF] I. Nedelko (RUS) 63 62
[WC] J. Ocleppo (ITA) d J. Tatlot (FRA) 63 36 62
F. Gaio (ITA) d E. Couacaud (FRA) 76 46 60
N. Gombos (SVK) d S. Darcis (BEL) 46 62 63
[ITF] R. Bonadio (ITA) d [WC] J. Berrettini (ITA) 75 36 63
[WC] L. Musetti (ITA) d [WC] G. Di Nicola (ITA) 63 36 64
T. Brkic (BIH) d [ITF] R. Brancaccio (ITA) 26 61 62

Qualificazioni
A. Vavassori (ITA) d [WC] A. Del Federico (ITA) 61 61
N. Ly (VIE) d G. Granollers (ESP) 76 67 75

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *