Lemon Bowl: Tutto pronto per i quarti

di - 3 Gennaio 2013


(Flavio Cobolli – Foto Andrea Ranalli/Mosquitos)

dal Lemon Bowl, Alessandro Nizegorodcew

LEMON BOWL 2013: TUTTO PRONTO PER I QUARTI DI FINALE

IL TALENT SCOUT FABIO DELLA VIDA PRESENTE AL NEW PENTA 2000: “NEI GIOVANI RAGAZZI ANALIZZO PRIMA L’ATTEGGIAMENTO FUORI DAL CAMPO E POI IL LORO TENNIS”

Il tabellone principale del Lemon Bowl Babolat 2013 si è allineato ai quarti di finale. Partite sempre più emozionanti e di alto livello si alternano sui campi di New Penta 2000 ed Eschilo 2, dalla categoria under 8 sino ai più grandi under 16. Nella giornata di domani si tornerà in campo per il terzultimo atto del torneo a partire dalle ore 10.30. Lo spettacolo è assicurato.

I talenti under 12. Nel torneo under 12 maschile avanza la prima testa di serie Andrea Fiorentini, allievo di Daniel Panajotti e Giovanni Valchera, abile a superare 63 46 63 il piemontese Gabriele Felline. Bene anche Michele Vianello, testa di serie numero 2, che ha battuto 62 75 Alessandro Pecci. Continua a vincere e a convincere Flavio Cobolli, classe 2002 e figlio d’arte. Il giovane romano ha superato Sangiuolo 75 62 mettendo in mostra la sua grande varietà di colpi oltre alla solita grinta e determinazione. Nel femminile avanzano senza problemi le favorite Alessia Truden e Giorgia Di Muzio.

Gli under 14 vanno “veloce”. Si qualificano per i quarti Francesco Liucci ed Emidio De Cola, teste di serie numero 1 e 2 del main draw. Bella vittoria del classe 2000 Riccardo Perin, che è riuscito nell’impresa di superare 63 57 64 il modenese Mangiafico. Sui campi in cemento del circolo Eschilo 2 avanza anche Susanna Giovanardi del TC Parioli, prima favorita del torneo femminile.

L’under 10 parla straniero. Il main draw maschile del torneo under 10 è popolato da tennisti provenienti dall’estero. Continuano a vincere e a dimostrare interessanti qualità il mancino giordano Shelbayh e i serbi Mededovic e Popovic. Tra le ragazze sembra invece non avere avversarie Matilde Paoletti, alla seconda vittoria per 60 60 consecutiva.

Fabio Della Vida racconta. Il famoso agente e talent scout Fabio Della Vida, presente oggi sui campi del New Penta 2000 al seguito di Karolayne Alexandre Da Rosa (figlia di Emerson, ex calciatore di Roma e Juventus), ha raccontato quali sono le caratteristiche che vanno analizzate per capire il potenziale di un giovane tennista. “La prima cosa che guardo” – ha spiegato – “è l’atteggiamento fuori dal campo. Uno come Quinzi si capiva subito che sarebbe diventato forte analizzando come si comportava prima e dopo gli incontri. E’ fondamentale analizzare la personalità del ragazzo, per poi ovviamente concentrarsi sulle abilità tennistiche.” I tempi di “esplosione” sono cambiati nel corso degli anni e, soprattutto nel maschile, bisogna avere più pazienza e tentare di costruire il giocatore. “Tra gli uomini ormai non si arriva nei top-100 prima dei 21-22 anni” – ha concluso Della Vida – “e bisogna lavorare molto affinché ciò avvenga. Per le ragazze è diverso: il potenziale è chiaro anche a 15-16 anni. “

La Partita del giorno. Il match più bello della giornata si è giocato sul campo 15 del New Penta 2000, tra due dei migliori under 12 presenti al Lemon Bowl. Il sardo Nicolò Pes ha incrociato la racchetta con Lorenzo Musetti di Carrara. Il toscano, classe 2002, è partito meglio salendo 6-4 4-1 prima di subire la rimonta dell’indomito Pes, più piccolo fisicamente nonostante l’anagrafe (classe 2001) dica il contrario. Musetti si è ritrovato sotto d’un tratto 3-1 al terzo ma non ha lasciato andare un singolo punto, chiudendo 7-5 al terzo.


(Matilde Ercoli – Foto Andrea Ranalli/Mosquitos)

Radio Manà Manà Media Partner. L’edizione 2013 del Lemon Bowl Babolat sarà seguita giornalmente in diretta dalle emittenti capitoline Radio Manà Manà Sport (90.9 in Fm a Roma) e Radio Manà Manà All News 24 (89.10 in Fm a Roma). Il servizio fotografico è invece gestito dall’equipe di Andrea Ranalli, dislocata in tutti i circoli della manifestazione. Il sito per acquistare le foto è: www.sportsshots.it

Tutte le informazioni, le foto, le interviste, i podcast degli interventi di Radio Manà Manà e i commenti delle passate edizioni del torneo sono disponibili sul sito web ufficiale: www.lemonbowl.it

© riproduzione riservata

4 commenti

  1. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Aggiungo la bella prova di una “figlia del blog” come la Occhipinti, che ha vinto un match tiratissimo 76 64 contro la testa di serie numero 7. Anzi vorrei che il papà raccontasse il primo set ahahahaha e il modo in cui è sopravvissuto!

  2. daniele occhipinti

    Grazie Alessandro per esserti ricordato anche di noi.
    Qualcuno ha detto che il tennis lo ha inventato il diavolo…. mai citazione così veritiera.
    Sarebbe forse troppo bello (ma noioso) se le partite finissero tutte 62 62 (vinte o perse). Non avremmo il fattore mentale che nel tennis è preponderante.
    Succede così che mia figlia (3.4 contro una 3.1) parte 1-0 sopra, si trova sotto 2-1, recupera e va sopra 52. Va a servire per il set sul 53 ma si trova improvvisamente sotto 65 e setpoint contro. Recupera e va al tie-break e si porta subito 6-3 sopra (…io ho pensato che poteva essere fatta….), ma si ritrova 7-6 sotto con altro setpoint contro. Dopo 1h e 30’ finisce per vincere il T.B. 9-7. Al cambio di campo vado in cerca di un cardiologo, ma l’organizzazione mette a disposizione solo il fisioterapista per gli atleti. Magari per le prossime edizioni sarebbe utile considerare l’eventualità della presenza di un cardiologo per i genitori.
    Alla fine comunque emilia ha vinto anche il secondo per 6-4 al quarto matchpoint.
    Domani in campo contro la testa di serie 2 che è una 2.8 per l’accesso alle semifinali

  3. vanacker

    eheheee, bene sapere rischi…in cu—o- la balena Daniele per domani…ti conviene prendere prima un tranquilante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *