Abdul, I Giudici e Le Palette

di - 5 Agosto 2011

SAGHE MENTALI IN STATO DI GRAZIA
La Rubrica dell’(In)Esperto di Stefano Grazia

Episode 8_Giocando col Negro Abdul …

Anche questo e’ stato scritto tempo fa …. ma  oggi,domenica 31 luglio  gli ho rifilato un passante lungo  linea vincente con un colpo da sotto  le gambe e non  potevo mica non dirvelo …E si, lui ci ha provato a giocare con quel cappellino ma io mi sono rifiutato …

Prima di tutto lasciatemi subito controbattere l’eventuale storcere del naso alla parola Negro del politically correct antirazzista ad litteram: la mia e’ una licenza letteraria da Mark Twain (il Negro Jim…) ma soprattutto un retaggio dall’Angola dove s’incazzavano se li chiamavi invece Neri osservando giustamente che il nero e’ un colore e il negro una razza … Ma giocando l’altro week end, come tutti i week ends, col Negro Abdul, un ragazzotto di 18 anni che sei mesi fa non sapeva in pratica giocare e non aveva ne’ rovescio ne’ servizio ma che gia’ correva come bee-beep, il Road Runner dei cartoni animati (quello inseguito inutilmente dal Vil Coyote), giocando con lui appunto il giorno di Pasqua mi veniva in mente, fra un colpo e l’altro, la diatriba innestata dall’articolo di Marta Polidori, sul fatto cioe’, sostenuto soprattutto da Barbara, che a tennis devono fare I tornei solo quelli che sanno giocare e non quelli che …vincono!, no, scherzo, quelli che fanno la palletta (e spesso comunque vincono). Dunque, sono li’ che gioco e le sto buscando: di solito vincevo 4 volte su cinque, magari al terzo o anche al quinto (si, lo so, difficile da credere ma qui giochiamo 4 ore di seguito…) ma diverse volte anche in straight sets…poi qualche volta ci avevo perso, qui e la’, magari il giorno che a lui entravano gli aces di seconda o il dritto da tutte le parti del campo, ma di solito fra doppi falli, errori forzati e un rovescio inesistente, riuscivo sempre a trovare il modo di portare a casa il match: all’inizio attaccando il rovescio e scendendo a rete magari mettendoci 5-6 smashes prima di riuscire a chiudere, alter volte semplicemente aspettando che passasse la buriana, hang in hang on, quando lui inventava quei 5-10’ in cui gli riusciva di tutto … Ma quell giorno il Negro Abdul aveva cambiato tattica e faceva il pallettaro e non solo: anche il junkie player, avete presente quei giocatori che sembrano camminare, arrivano sulla linea del servizio e ti giocano sciabolate in back e side spin e smorzate e pallonetti e non c’e’ verso di passarli perche’, diciamolo francamente, non siamo capaci di generare power e nemmeno di accelerare indovinando gli angoli stretti … E quindi non ci resta che piangere, ma che dico piangere… insultare il Negro Abdul che invece di giocare a tennis vuole, ma guarda un po’ che pretesa, vincere la partita nonostante, sia ben chiaro, io poi lo paghi anche (ed e’ per questo che gli ho detto chiaro e tondo: con quel cappellino non giochi, se vuoi che alla fine ti paghi anche…)…  E mentre fra me e me, o anche ad alta voce in italiano, gliene dico di tutti I colori provando anche qualche mental game , mi viene in mente l’articolo di Marta e I posts di Barbara … E mi vergogno. Alla fine del match perso 76 75 dico all’altro ragazzino, Kabirou, che era venuto a vedere la parte finale: He played like a sissy against a 56 years old man…(pausa sapiente)…I like that! (Ha giocato come una ragazzina contro un vecchio di 56 anni…BRAVO!, ha fatto bene, mi e’ piaciuto!)

Eccoli qua sotto, con mio figlio, i miei ragazzotti nigeriani: Abdul e Kabirou che, sia ben chiaro, quando giocano con Nicholas non chiedono soldi ma io poi gli do lo stesso qualcosa…

Kabirou e’ un giocatore superiore, da lui becco regolarmente 61 senza sforzo e infatti preferisco giocarci I doppi e in singolo ci gioco ogni tanto giusto per fare ritmo ma non e’ la stessa cosa che giocare un match e avere la possibilita’ di vincerlo … C’era un mio amico, un managing director della Saipem, che aveva dritto e rovescio strepitosi, due cannonate,vero fanatico di tennis MA col terrore della partita: o meglio, a lui piaceva eccome giocare ma solo con giocatori di due categorie superiori alla sua… cosi’ da poter fare il corri e tira e perdere senza vergogna e senza pensarci troppo 61 62 e magari farsi dire dal seconda categoria o dal Maestro di turno: Pero’, ma sai che giochi davvero bene? Poi scendeva in campo con gente che da me prendeva 60 60 e perdeva ignomignosamente non solo cagandosi letteralmente addosso ma anche essendo completamente incapace di andare oltre al colpire la pallina da tennis.Che e’ cosa ben diversa dal giocare una partita di tennis. E non e’ solo una questione di ‘cojones’, come da un po’ di tempo stiamo dissertando, ma anche di geometrie e strategie e di Senso di Smilla per la neve, che c’e’ chi ce l’ha e chi no, fermo restando poi che chi e’ tecnicamente piu’ completo ha anche piu’ opzioni, chiaro, non diciamo banalita’ … Un mio Coach era solito urlare(non a me ovviamente….): Se sei stupido non giocare a rugby!!!! e si potrebbe stare qui a discutere per ore e a spiegarsi E allora Totti, Balottelli o Cassano che ci azzeccano? Per poi concludere che l’intelligenza nello sport e’ spesso animalesca, piu’istinto e intuizione, e poi dipende dagli sport che a volte, anche nel tennis forse, come nel golf, essere stupidi non e’ indispensabile, pero’ aiuta … Ma non era questo il punto, non di questo articolo, perlomeno. E’ che prendendo in prestito lo sport di Barbara, la scherma, m’immaginavo un duello all’ultimo sangue fra un rappresentante del Pianeta Terra e un Alieno e in palio c’e’ il Destino dell’Universo… Chi scegliamo a rappresentarci, quello che ci piace di piu’ come tipo di gioco o…Nadal? … Come dicevo in uno dei posts,ci sono sport e sport e fortunatamente, non ancora almeno, il tennis non e’ uno di quegli sports coi giudici e la paletta.

© riproduzione riservata

106 commenti

  1. atti

    Doc anche questo è un vecchio cavallo di battaglia by G&F…

    Il rispetto dell ‘avversario passa anche nel rispettare.. come gioca.
    Che ci piaccia a no lo stile, dalla sua parte di campo decide lui come e dove indirizzare la pallina.
    Poi Doc, bisognerebbe anche capire, e qui’ confesso che il dubbio mi pervade…se il tuo sparring nigeriano perde spesso per sua incapacità. e tua bravura. …oppure solo per far contento il ricco e generoso buana bianco targato Nike …ahahah…
    Perché le illusioni…aiutano a vivere come diceva Oscar Wilde.
    A parte la battutaccia al Doc, …dicevo che è tipicamente una considerazione italiana, quella di giudicare meno grave una sconfitta subito da uno che palletta…
    Piu’ una mezza vittoria, non essersi abbassati al suo livello…
    E il problema è che al ragazzino ripetono le stesse considerazioni che lui si fa.. sia i genitori e sia qualche maestro.

    Per me sempre sconfitta rimane. punto. Hai perso e basta.
    Il saper lottare e superare un avversario in situazioni snervanti e logoranti è un ottimo strumento di crescita caratteriale.
    Mollare spesso le partite a uno che alza e/o che non spinge… perché tanto alla lunga quell’altro non farà strada.. e io invece si….non è mai un messaggio positivo. Mio parere.

  2. Che se no, mi rendo conto, non si capisce, l’articolo di marta e i post di barbara a cui mi riferisco sono riferiti a l’Osteria dell’Oste, dello scorso aprile ( addirittura) che suscito’ una valanga di commenti( 146) piu’ o meno sul tema riproposto da Atti ( con cui ovviamente concordo) e di questi posts ne cito due, uno di Agatone e uno mio, tamto per far capire meglio:

    16.
    19 aprile 2011 alle 09:28 
    Agatone says:
    Una volta avevo letto di Del Potro che molto giovane faceva i tornei di terza e quarta anche in Italia. Aveva forse 13/14 anni, giocava quindi anche con i vecchi matusa. Mi ricordo di uno che raccontava che una volta DelPotro si era messo a piangere durante un incontro.
    Però è diventato Del Potro.
    io personalmente sono sempre un po’ diffidente quando sento le scuse dei tennisti. Ci sono sempre delle buone scuse per perdere o non giocare bene o non aver voglia. Le corde, il campo, la luce che non è buona, il vento, l’atmosfera, le scarpe consumate, la racchetta da cambiare, l’altro che gioca solo pallonetti, la concentrazione che non c’è perché Oggi ci ho troppi pensieri mannaggia a chi me li ha fatti venire, le gambe che non si muovono, l’avversario che parla troppo, che non parla per niente, che è troppo piccolo, è troppo vecchio, ha troppa pancia, fa troppe palle corte e così non si può giocare, e mi tira solo sul rovescio, fa delle volée che non sa neanche lui come, tira troppo piano, ruba i punti, ha gia preso dieci nastri e quindici righe, e poi che posto è, ci sono quattro vecchi che giocano a briscola fanno un casino della madonna, i bambini gridano, le mamme urlano.

    Si scherza naturalmente, ma fare una lista delle scuse dei tennisti sarebbe molto divertente

    29.
    19 aprile 2011 alle 16:29 
    Stefano Grazia says:
    C’e’ qualcosa che mi sfugge, Marta (e Barbara…): Che soluzione proponete?

    Avevo scritto in un primo tempo a mo’ di commento: “Per quanto molto divertente e forse illuminante, faccio fatica a condividere…nessuno obbliga il bambino a fare i quarta o i terza: puo’ giocare solo i tornei junior e li’ non incontra piu’ la signora Maria … e questo e’ solo il primo argomento che mi viene in mente…” Poi qualche paziente, la fuga dall’Ufficio per via di notizie di riots post elettorali, poi altre cose…me n’ero dimenticato e quando ho riaperto il computer ho visto che altri piu’ o meno avevano scritto le mie stesse cose… Avrei voluto aggiungere che tutto cio’ mi ricordava il nostro approccio al Tennis Tristonazzo quando nei Tornei a Lagos chi perdeva da mia moglie, che non e’ certo una pallettara, diceva poi: eh, ma sai, io sono abituata a giocare coi maschi…E mia moglie: ok, ma i tornei con chi li giochi? Cone le donne…e allora you are in trouble, my friend! (o le penose scuse di chi perde dai cosiddetti pallettari: ma insomma, prima di tutto uno gioca come puo’…se io perdo da un pallettaro o da un tristonazzo prima di tutto m’incazzo con me stesso che evidentemente sono piu’ tristonazzo di loro e non ho la chiave di volta per risolvere il problema e non mi trovo le scuse elencate da Agatone…

    Ma Marta, e le possiamo credere, dice che non e’ questione di vincere o di perdere ma di ambiente…cioe’, non ho capito: vuoi proibire a chi non gioca il tennis dei gesti bianchi il diritto di partecipare a un torneo?

    Sulle scuse, e tutte quelle elencate da Agatone (Thumb Ups!!!) le abbiamo provate almeno una volta,per me sono come l’inferno ed esistono solo per chi me ha paura, per chi e’ un perdente…Meglio tenersele per se’ e poi ragionarci sopra e non stare a compatirsi che se avesse perso tempo a compatirsi sai dove sarebbe Armstrong a quest’ora?
    Quindi per me:
    : 1) mica tutte le partite devono essere divertenti: il divertimento in realta’ consiste nella risoluzione del problema;
    2)quando si perde poche scuse
    3)se e’ un problema di mancanza di motivazioni…be’, e’ un pregio anche quello, saper trovare la motivazione giusta, saper concentrarsi, isolarsi, fare focus…saper vincere anche facendo schifo senza pudore e senza vergogna …Agassi che va a giocare i challengers e il primo lo perde pure …

  3. Atti, i due ragazzotti con cui gioco non credo mi regalino nulls: kabirou mi da sempre 61 62′ spesso anche 60… l’altro sta diventando forte anche e soprattutto grazie a me!!! Vabbe’, forte per modo di dire, ma i suoi miglioramenti sono stati impressionanti…. Credo che giochi sempre per vincere anche se a volte magari visto che sono 6-7 ore che gioca ( magari prima ha giocato con altri clienti…) e’ un po’ stanco anche lui…c’e’ poi rivalita’ fra di loro e comunque con gli altri palleggiatori…perdere non gli piace, lo prendono in giro… poi nei doppi e’ lotta sll’ultimo sangue…
    Comunque, certo, e’ un problema che ogni tanto mi son posto anch’io…in passato io pagavo certi coach in base al risultato, se vincevo io una miseria, se facevo tot games tot money..Con alcuni bsllboys che volevano a tutti i costi giocare con me pensando di guadagnare qualche ghello, per togliermeli dai maroni,imponevo la legge del 60…se ti do 60 non ti pago … ( poi gli davo lo stesso qualcosa ma almeno me li ero tolti dai maroni…)
    Ma adesso non direi che io sono cosi’ forte, direi che lui, Abdul, era davvero molto tristo ‘tennisticamente parlando’ ma estremamente esuberante dal punto di vista atletico, anche se con footwork inadeguati per il tennis….in 9 mesi a 19 anni ha bruciato le tappe in un modo impensabile per un adulto over 30 o 40… certo, forse non avra’ mai la coordinazione timing di chi ha cominciato a 3-5 anni, ma sicuramente si arrampica sui muri per andare a prendere smash e volley ….Quando magari faccio un punto dopo avergli fatto fare il tergicristallo 7-8 volte, la mia nattuta preferita ovviamente e’ urlargli un C’Mom! Run, lazy piece of…are you tired???, ovviamente in senso sarcastico… E’ impressionante…ma certo, gioca contro di me, uno che magari fa il passante vincente col colpo sotto le gambe, ma che non riesce a rompere un uovo con la racchetta, come si dice in gergo…la miaalla non ha power, almeno sul dritto, e nemmeno troppa profondita’ ( in pratica col forehand non riesco a colpire piatto… ) e questo magnifica e gigantizza la sua abilita’ nei recuperi …Se incontra uno di voi Ernesto Sparaesto, magari di recuperi ne fa meno…. Comunque anche con mio figlio, che pare avesse un dritto da 2.4-2.8, di palle ne andava a prendere parecchio facendolo innervosire non poco… poi perdeva 61 60, eppero’….
    Comunque, chissa’, non escludo al 1000per1000 che non sia un attore consumato, il tutto per carpirmi qualche soldo in piu’….ma il fatto e’ che se fa cagare, lo pago di meno!

  4. molto interessante, come sempre, al di fuori di esagerazioni “politically correct” vorrei però precisare che con le parole come razza e negro o anche nero è consigliabile fare attenzione.

    Sarà anche vero che chi legge qui normalmente ha una certo grado di educazione alle spalle e quindi non è facilmente influenzabile, ma trovandoci nella rete è possibile anche che chi legga sia un teenager magari anche con cattive influenze, tipo influenze di tifosi calcidioti razzisti.

    Scordiamoci la parola razza perché tutti apparteniamo alla stessa razza, se mai di una altra raza era l’uomo neanderthal estinto ca 20 o 30 mila anni fa…

    poi personalmente penso sia sbagliato utilizzare la parola negro anche in assenza di sottotoni razzisti, più giusto sarebbe africano, magari africano nero se si vuole specificare il colore della pelle visto che ci sono anche africani con la pelle più chiara

    segnalo un ottimo documentario della tv svizzera e arte sul tema influenza del razzismo sui giovani, il documentario è del 2005 intitolato WHITE TERROR e facilmente reperibile su youtube e in francese su dailymotion . com

  5. be’, capisco il tuo punto di vista, ma credo che accusare me di razzismo sarebbe veramente un assurdo … pero’ capisco di non meritarmi il diritto di usare le stesse parle che dette fra due neri non avrebbero nessun secondo significato…vedi tutti i film di Spike Lee ma anche quelli di Tarantino ( e infatti Spike Lee s’incazzo’ pure perche’ riteneva che Quentin, bianco, esagerasse nell’infarcire ogni dialofo fra neri con la parola nigger …Anche li’ ci fu chi diede ragione all’uno e chi, Samuel Jackson per esempio, che bianco non e’, di Tarantino… Insomma, capisco che il politically correct sia un terreno minato ma la storia dell’angola e’ vera, li’ si offendono se gli dai del ‘preto’ … Da cui capite poi da dove derivi la parolapreti per indicare i religiosi…incredibile quante cose si imparino su questo blog, eh?

  6. nicoxia

    Non tutti i giocatori hanno la fortuna di aver avuto ottimi insegnanti e si arrangiano come possono per questo vanno rispettati.
    Parlando con il padre della vincitrice del master il giorno prima,mi diceva che i suoi maestri gli davano quantità ma poca qualità,infatti non sa servire non tira una palla ma è un muro di gomma Alexia a cercato in tutte le maniere di sfondarla ma è finita 6 2 6 3 così come con tutte le avversarie precedenti,la ragazza ha ottime qualità ma se non si ha la fortuna di avere insegnanti lungimiranti di sicuro la colpa non è sua.
    Siamo partiti per Castel di sangro con Simply dopo 2 giorni da Federico ed altri 3 giorni con il proff buzzelli il bugget di 800 euro è finito tutti spesi con gran godimento in compagnia,Simply è tornato in treno e i 3 giorni rimanenti sono rimasto con 17 euro senza hotel,relazionando la situazione a mia figlia mi ha detto,potevi risparmiare prima,io gli ho detto che nella vita uno deve scegliere quello che è giusto per lui fare in quel momento l’importante è assumersene le responsabilità e pagarne le eventuali conseguenze,così nonostante Simply si fosse offerto di pagarmi l’hotel a distanza con la carta di credito io ho preferito dormire in macchina e mangiare in 3 giorni con 17 euro.
    Ma sentire mia figlia durante la passegiata serale per Castel di sangro rifiutare il gelato lei che ne mangerebbe a chili mi ha ripagato di tutto.
    Secondo me l’esempio vale più dell’insegnamento verbale.
    Max con questo capirai che il tennis costa,ma da 800 euro in 5 giorni a 17 euro in 3 giorni ci sono tante vie di mezzo in base alle propie possibilità.

  7. grande nicox, un esempio per tutti noi e non lo divo con sarcasmo…pero’ permettimi di sottolineare l’umorismo involontario della frase in cui riferendoti alla ragazza che ha appena vinto il katers rifilando 62 63 a tutte le avversarie, in pratica hai detto: poverina, non e’ colpa sua se nessuno le ha insegnato a giocare … Estrapolata cosi’ e’ un piccolo capolavoro, tipo l’allenatore di boxe che ricevendo il suo pupillo all’angolo dopo il primo round gli dice: bravissimo, gli hai fatto paura: credeva di averti ammazzato!!!

  8. nicoxia

    Stefano io l’ho detto con gran rispetto per la ragazza,ma dormivano in stanza insieme e ha chiesto ad Alexia non hai paura a tirare la prima di battuta così forte?
    Ora non è per dare ragione a Max ma lui lo ha sempre detto fino ad una certa età è dura batterle.

  9. Madmax

    Nico..

    Grandissimo..

    Ecco questa mi piace e d’ora in poi dormiremo sempre in macchina!! 🙂

    Ora poi che i campi gratis li ho trovati, manca solo che qualcuno mi paghi per non andare a lavorare e poi sono a cavallo!! ah ah

    e sulla ragione.. Ma sai andando avanti quante volte ancora si dirà che Max aveva ragione??

  10. nicoxia

    Max l’importante è che passi il messaggio del lavorare di più e meglio per poter vincere la prossima volta e che non sia un alibi,quindi onore a chi vince.

  11. ivano

    nicoxia
    Gran post il numero 8……….
    L’unica obiezione è che quella povera crista che ha vinto il torneo qualche caratteristica buona ce la deve avere per forza……….non mi piace il fatto di dire che uno vince perchè alza………sono scuse……………….articolo quinto dice che la ragione è sempre di chi ha vinto…………………

  12. Madmax

    Nico..

    Ma questo è scontato, anzi se si segue questo percorso è forse meglio perdere che vincere…

    Alessia è così che sta migliorando giorno dopo giorno.. 🙂

    Tanto il tempo per far crescere l’autostima c’è poi tra l’altro se giochi bene cmq molte partite le vinci lo stesso, quindi poco importa se ne perdi qualcuna..

    D’altronde inculcare un certo tipo di mentalità e renderla poi produttiva in campo è un percorso lunghissimo oltre che difficile, perciò se non si sa aspettare meglio lasciar perdere subito..

    Ovviamente questo non significa dimenticare completamente che poi le partite si devono anche vincere, ma il come adesso è assolutamente molto più importante del vincerle e basta..

  13. nicoxia

    Ivano ne ha molte e gli auguro di diventare fortissima non è il mio percorso ma può darsi abbiano ragione i suoi maestri,ho espresso solo il mio parere che come ripeto spesso è solo il mio senza nulla a pretendere.

  14. nicoxia

    Comunque il master è stato organizzato molto bene un maestro ogni campo col vincitore precedente da arbitro,il giudice in giro per i campi discussini tra genitori quasi nulle.

  15. ivano

    nicoxia
    Ti ho risposto al post seguente…………….
    Quello che volevo dire io è che ogniuno poi giochera’ anche secondo quelle che sono le proprie caratteristiche………….
    Secondo me generalizzare facendo soltanto spingere un allievo non è proprio conforme a far esprimere la propria personalita…….
    Credo che si puo’ giocare in tanti modi alla fine quello che conta è la classifica wta……….(se devo dare una preferenza dico kvitova)ma se pero’ mi trovo un allieva che non arriva a 1,75 che caxxo la faccio spingere………mi tocca tra virgolette ripiegare su un’altro tipo di gioco(Schiavone)

  16. ivano

    Stefano
    Ritengo che per eccellere in qualsiasi sport come in qualsiasi lavoro si debba avere un inteligenza sopra la media……………
    La gestione di tutte la variabili e le condizioni che ci sono nel tennis necessitano di un cervello che va “Oltre” la media…………
    Ora si puo’ disquisire su cosa voglia dire essere inteligenti sopra la media……………..

  17. Luca

    @ivano
    E se uno non eccelle (per es. come te che non riuscivi nemmeno a qualificarti per un future o satellite che dir si voglia e non hai mai avuto una classifica Atp) nel tennis che cervello ha?

  18. ivano

    Basta avere l’umilta’ di capire dove uno sbaglia o ha sbagliato…………per poi magari essere utile ad altri cercando di non far commettere i tuoi stessi errori………….

  19. grande donald young in semifinale a washington… l’ho appena visto vincere 63 76 contro un Baghdatis in look pelato … quanto sara’ alto young? uno e quindici? no, dai, sara’ al massimo uno e settanta…chang, rios, i rochus, hewitt, davidenko, clement, grosjean,ferrer of course… insomma, c’era proprio una domanda nella mailbag di Wertheim oggi che suonava cosi’: scomparira’ prima il giocatore sotto i 6 foot (183cm) o il rovescio a una mano?

  20. Luca

    Sì, bella vittoria di Young che é già sicuro di avere ottenuto (almeno) 180 Atp in questo torneo.

  21. Maurizio

    Turno mattiniero…..
    Max, non mi hai ancora risposto sulla pedana vibrante, guarda che ti curo…
    Ovviamente la domanda vale per tutti quelli che ne sanno qualche cosa.

  22. bogar67

    Grande Nicoxia post 8.
    Grazie anche a Ivano che ha ribadito un concetto fonte di discussione in qualche ultimno artitcolo sparso per il blog sul modo di impostare il gioco delle nostre figlie a secondo la caretteristice fisica.

  23. sono qui all’alba(non esageriamo, ma abbiamo un’ora in meno) ad aspettare AllBlacks Wallabies, un match che promette di essere spettacolare e che potrebbe essere la finale nella prossima World Cup ad zottobre …non so nemmeno per chi tifare…allblacks, certo, con Dan Carter Ma Nonu e Richie McCaw e l’Haka all’inizio del match, ma nell’australia ci sono un psio di giocatori che mi entusiasmano, Quade Cooper e Will Genia…Quindi leggo sta cosa della pedana vibrante e confesso di averla sempre voluta comprare ma…per dimagrire!!! O per aiutarmi a dare forma agli addominali….stiamo parlamdo della stessa cosa?

  24. bogar67

    Verificate prima di tutto che la pedana che state per acquistare sia adatta a voi:
    chiedi un parere e prendetevi l’impegno di una visita preventiva dal vostro medico, specialmente per chi è fermo da parecchio tempo, oppure se siete avanti con l’età.

    Casi in cui è assolutamente necessaria una attenta valutazione medica prima di utilizzare la pedana:

    Aritmia cardiaca
    Artrosi reumatica acuta
    Calcoli biliari, calcoli renali, calcoli alla cistifellea
    Cardiopatia
    Condromalacia delle articolazioni alle estremità inferiori, osteonecrosi e condrosi
    Diabete Mellitus grave con patologie vascolari periferiche o neuropatia
    Disturbi cardiaci (Post MI)
    Disturbi della circolazione arteriosa
    Disturbi motori e Parkinson
    Edema linfatico
    Epilessia
    Gravidanza
    Insufficienza venosa con ulcus cruris
    Lesioni postoperatorie
    Mal di schiena cronico (post frattura, disturbi discali o spondilosi)
    Protesi metalliche o sintetiche (ad es. pacemaker, valvole cardiache artificiali, impianto recente di stent o impianti cerebrali)
    Reumatismi articolari e artrosi
    Spondilolistesi senza scivolamento
    Tumore (senza metastasi nel sistema muscoloscheletrico)

    Casi in cui è fortemente sconsigliato l’uso della pedana:

    Artropatia o artrosi acuta
    Disturbi discali acuti, spondilosi, spondilolistesi o fratture
    Emicrania acuta
    Ferite (chirurgiche) recenti
    Impianti spinali
    Infarto miocardico acuto
    Infiammazioni acute, infezioni e/o febbre
    Osteoporosi grave con BMD < 70mg/ml
    Spasticismo (in seguito a lesioni spinali, ecc.)
    Trombosi venosa profonda (TVP) acuta o cronica o altre patologie trombotiche
    Tumore con metastasi nel sistema muscoloscheletrico
    Vertigini o capogiri

    NAUSEA

    Un tipico equivoco in cui si può incorrere con l'utilizzo non appropriato della pedana vibrante è la nausea che si può sperimentare a certe frequenze in alcune condizioni. Sempre legato al fattore dei protocolli troppo lunghi, ci risulta (da resoconti dei nostri utenti web) un utilizzo per più di 60 secondi a delle frequenze di 10-15 Hz su delle basculanti nei centri estetici con alcune macchine. Questa condizione ha un alto fattore di sbilanciamento ed è normale che se si allungano i tempi oltre al minuto è possibile provare il mal di mare. Basta attenersi a dei protocolli collaudati e sicuri, sviluppati da produttori competenti e che operano nel settore riabilitazione da tempo.
    SVENIMENTI

    Un'altra situazione possibile per chi ha un approccio superficiale con l'allenamento a vibrazione integrale è lo svenimento. L'esercizio con la pedana vibrante, a detta dei produttori, provoca una vasodilatazione immediata (con un calo di pressione) e un rapido calo dei glucidi. Come ben sappiamo, dall'ambito nutrizionale, alle volte si fa colazione con un caffè ed una fetta biscottata alle 8 di mattina. Poi si va al centro estetico o fitness alle 13 senza aver mangiato nulla (nella falsa speranza di dimagrire più in fretta). Questa è la tipica situazione a rischio svenimento. Se uniamo questo fattore a soggetti che soffrono di bassa pressione il rischio è ancora più alto. Se non volete preoccupazioni cercate di fare una merenda o una colazione adeguata e fate uno spuntino mezz'ora prima dell'allenamento. L'esercizio con la pedana, anche se non sembra, può risultare comunque molto impegnativo per il metabolismo.
    POSTURE SCORRETTE
    Molti soggetti, specialmente agli inizi, non riescono a mantenere la postura corretta per l'intero esercizio. Per esempio, se la sessione di lavoro dura 60 secondi, riescono a stare piegati bene sulle gambe per 15 secondi e terminano l'esercizio eretti, con le gambe completamente distese (dritte), scaricando l'energia della spinta verticale sulle articolazioni. In questo modo si trasmettono tutte le vibrazioni alla testa. Si devono evitare posizioni rigide che trasmettano le vibrazioni alla testa o che carichino troppo le articolazioni, quindi se il soggetto non è in grado di tenere la postura corretta deve terminare l'esercizio o scendere dalla pedana vibrante.

  25. bogar67

    sempre per nicoxia post 8
    800 euro di badget pe un lombardo? ed un sardo quanto avrebbe dovuto spendere? infatti nessuno dell’isola ammesso al master è andato!!!
    Nicoxia anche al master avevi rimborso in parte se arrivavi ai quarti?

  26. Maurizio

    So che la pedana la usa nadal e altri atleti, volevo il parere di Catizone e magari Buzzelli ed altri, in particolare pro e contro nell’applicazione sugli adolescenti.

  27. bogar67

    @Stefano Grazia
    ovviamente Maurizio si riferiva pro e contro nell’applicazione sugli adolescenti e a cosa potesse essere utile, applicata a me ex giocatore 4.3 sarebbe dal copia ed incolla fatto fortemente sconsigliato in quanto sono affetto da disturbi discali acuti, spondilosi!!!

  28. @ Maurizio ed interessati alle pedane a vibrazioni

    Per prima cosa bisogna chiedersi per quale motivo e per quale uso sono state introdotte , le pedane vibranti.
    Ho collaborato fattivamente col prof. Carmelo Bosco per una decina d’anni, e qualcosa ho visto e saputo.
    Nei primi anni 90 il grande scienziato, ritirò fuori un vecchio progetto utilizzato in germania negli anni 60 per conbattere l’osteoporosi, che non aveva dato risultati significativi per quel fine.
    Il principio di utilizzazione si basava sull’applicazione di vibrazioni al sistema muscolo-scheletrico, che provocassero risposte riflessogene da parte di particolari recettori del sistema propriocettivo, al fine di costringere il muscolo a contrarsi per ristabilire il microequilibrio intramusscolare che con le vibrazioni veniva destabilizzato. Le contrazioni muscolari riflesse, ottenute tramite l’apposita pedana, stimolavano l’incremento della forza della muscolatura sottoposta a vibrazione e secondo la teoria dei primi approcci metodologici, avrebbero dovuto stimolare una risposta anche sul sistema osseo, sollecitando una maggiore produzione di osteoblasti in soggetti osteoporotici.
    Come dicevo la cosa fu abbandonata per le troppe controindicazioni cui si andava incontro, in relazione ai scarsi benefici ottenuti.
    Veniamo quindi al perchè Bosco le ha reintrodotte nell’allenamento sportivo.
    Il prof. Bosco, che negli anni 90 vantava una reputazione di grandissimo prestigio nel campo dello studio dell’esercizio fisico e dello studio dei fenomeni biologici legati alla sua applicazione in campo sportivo, fu interpellato dalla NASA al fine di studiare una metodologia efficace nello spazio, per mantenere tonica ed efficiente la muscolatura degli astronauti in orbita, lui ripensò a quella macchina abbandonata per la terapia medica, ci fece alcuni studi e la propose. Credo che alla fine con la NASA non se ne sia fatto niente, ma intanto era stato studiato ed introdotto un nuovo metodo allenante che poteva essere utile per gli atleti(da quegli studi, risultava tra le altre cose che le esercitazioni protratte per una trentina di secondi a determinate frequenze di vibrazione ottenibili sulla pedana NEMES(l’acronimo di Esercitazioni Neuro Muscolari), scatenassero una increzione di testosterone pari a quello che si produce dopo una seduta strenua di pesi).
    E’ intuitivo capirne i vantaggi che l’atleta potrebbe riceverne.
    Sinceramente io personalmente, pur avendolo provato, non ho mai utilizzato quel metodo per i miei allievi, visti anche i costi iniziali di quelle pedane (circa 12 milioni di lire!!!)e come ho fatto pure per l’elettrostimolazione, ho preferito un approccio metodologico più consono alla mia filosofia di allenatore oltre che ad altri tipi di approfondimenti che ho potuto sperimentare.

    Sicuramente una propria funzionalità le vibrazioni le hanno, infatti vengono utilizzate in vari campi, soprattutto nel fitness e nella riabilitazione, anche se non mi risulta che atleti di atletica leggera di alto livello le utilizzino, e per me questo è un indice di notevole importanza.
    Se Nadal utilizzi le ped. a vibr., bisognerebbe chiedere a qualcuno del suo staff, quale è il vero motivo, ma credo che non lo sapremo almeno per ora. Sicuramente non è metodica da utilizzare con i bambini per i quali è consigliabile tuttaltro genere di esercitazioni.

  29. off topic

    un complimento particolare ad Alexia per il risultato ottenuto a castel di sangro, ed un caro saluto ai due nostri bloggers Nicoxia e Symply miei occasionali “compagni di merende” insieme al presidente Crespi di tradate, con cui ho passato tre giorni veramente simpatici e spensierati.

  30. ale’, e adesso come la mettiamo fra nicoxia & simply e madmax? ci sarebbe materia legale per gridare al tradimento…
    scherzo, ma per esempio un commento sincero da parte di nicoxia sul sensobuzz non l’ho ancora letto…cos’e’, ti vergogni? scherzi a parte, mi piacerebbe davvero avere una opinione visto che la mia e’ sempre stata considerata di parte e non terza ( come invece era…)

  31. Madmax

    Maurizio..

    Non lo so cosa ne pensi Giovanni, sempilcemente non me ne ha mai parlato.. (probabilmente è già questa una risposta..)

    Appena lo sento glielo chiederò..

    Stefano..

    Ancora con la storia di sto cazzo di Sensobuzz..

    Io mai ne ho parlato male, anzi ho detto che interpellato Giovanni me ne aveva ben parlato.. (anche qui però sono stato io a doverne parlare perchè lui non è mai andato nemmeno sul discoorso mentre normalmente parliamo di tutto..)

    Detto questo mai però (nonostante me ne abbia come detto poi parlato bene) mi ha consigliato di acquistarlo o di usarlo, perciò non so se me ne abbia parlato bene per essere gentile nei confronti di Buzzelli o semplicemente perchè (come credo io) lo consideri sinceramente un valido aiuto senza però assolutamente considerarlo indispensabile..

    Devo dire che io non ci penso nemmen piùo mentre a leggerti sembra che tu non dorma la notte pensando a certe cagate.. boh..

  32. Madmax

    L’unica cosa certa e credo anche l’unica importante è che Alessia non sembra soffrire molto a livello fisico di tale mancanza… 🙂

    Al contrario altri..

    Perciò mi viene da pensare che anche nel caso il Sensobuzz fosse realmente un ottimo strumento (e non ho difficoltà a credervi) che non sia la soluzione a tutti i problemi di PA che abbiamo in Italia..

  33. secondo ,e invece sei tu ad essere particolarmente sensibile sull’argomento perche’ cadi sempre nella trappola, scherzosa, e ti accendi subito cominciando subito a ribadire che alessia non ne ha mai avuto bisogno ,etc etc e invece mi sembri una delle tre jene del Lion Kin, quella che g al solo sentire il nome di Mufasa cominciava ad agitarsi, tbrrr brrr brrr…e lo stesso tu appena si cita Buzzelli, il giavellotto o il SensoBuzz quasi che citando lui si metta in dubbio te o J.C Superstar ( che beninteso noi non abbiamo kai e poi mai messo in dubbio, semplicemente fidandoci di te…)Comunque fino all’anno scorso ti agitavi di brutto, altro che… adesso che sei invece un coach rinomato e stimato pares inter pares ti puoi permettere una distaccata benevolenza… Ma su che sto scherzando, permalosone, ma potrei copioincollarti( se soloavessi la voglia di andarmeli a cercare) diversi posts in cui molto poditivo non srmbravi e anche nel post 43 magari fingendo di essere possibilista invece tendi a sminuirlo… E’ vero che hai sempre detto quello che dici ora, cioe’ che ‘ lo consideri sinceramente un valido aiuto senza però assolutamente considerarlo indispensabile..’… ma scusa, io ( o noi o lo stesso Buzzelli) che cosa mai abbiamo detto? A me e’ invece parso che si fosse a un certo punto creato un po’ di scetticismo/ ostruzionismo se non proprio irrisione nei confronti dello strumento e di chi lo usava, riducendolo a trovata pubblicitaria ( e qualcuno accusandomi anche di averne un ricavo…)… invece l’unica e vera obiezione e’ quella riguardante il costo, troppo elevato per il privato che non sia gia’ un professionista… Io invece ho continuato a ritenerlo molto utile in chiave Centri Periferici per una sorta di standardizzazione …cioe’ se il Tennis Coach al CP e ai vari Raduni Federali o in giro per tornei usassero il SensoBuzz…be’, quello potrebbe essere itile… Quindi, secondo me potrebbe essere un utile acquisto , ma non indispensabile, per certe piccole academies, per certi Coaches con un Team di 4-5 giocatori, che non possonoermettersi un PA al seguito tutta la settimana, etc etc…certo, si puo’ aspettare che esca in software formato dischetto da infilare nel computer oppure fare alla Pat Etcheberry che fa alcuni degli stessi esercizi a voce o come Paleni che usa i cartelli di diverso colore …Perche’ io l’ho comprato allora? Perche’ io so io e voi non siete un cazzo? No, ovviamente, semplicemente perche’ prima di tutto me lo potevo permettere, poi per via della mia particolare situazione logistica, e poi perche’ poteva essere comunque un buon affare visto che io di soldi per un preparatore atletico non ne ho mai spesi ( in africa non ce ne sono…)

  34. Madmax

    Stefano, come sempri ti fai dei film..

    Ma che cazzo vuoi che ti possa dire io che prima di tutto non l’ho mai visto, secondo non l’ho mai usato e terzo probabilemnte farei fatica a valutarne la reale efficcia..

    E qui non è ingrando di farlo nessuno, perchè un conto è dire che è bello e fa divertire i ragazzi tutt’altro che ia efficace..

    Pertanto io non ho mai nemmeno pensato nulla di diverso semplicemente perchè ho riportato pari pari quello che mi è stato detto, non avendo io nessuna idea al riguardo..

    Ma d’altronde io dal primo giorno ho sempre detto che per la parte atletica se ne sarebbe occupato solo Giovanni..

    I risultati d’altronde li vedo tutti i gg perciò non vedo perchè dovrei non dico cambiare che non mi passa nemmeno per l’anticamera del cervello, ma nemmeno solo preoccuparmi o pensare a cose che non mi competono.. Domani mattina Giovanni mi dicesse che serve il SensoBuzz e domani sera lo userei…

    Forse non hai capito che io non faccio le Crociate, io cerco di far diventare forte mia figlia, stop..

    E sul fatto che non hai mai speso soldi per il PA posso dire che si vede benissimo e che forse avresti fatto meglio a spenderne.. Forse dopo un giorno se il tuo pA te l’avesse consigliato allora potevi pensare al Senso BUzz… ma non prima..

  35. Madmax

    Rileggendoti..

    Infatti la pazzia assoluta è solo il pensiero che si possa sostituire un PA con un macchinario!!!

    Semmai il macchinario può essere utile per fare un certo tipo di lavoro una volta contestualizzato in un programma di lavoro.. stop..

  36. bogar67

    @Nicoxia
    ma con Buzzelli hai programmato qualcosa con tua figlia oppure era solo un incontro per conoscervi? Nella prima ipotesi potresti spiegare cosa?

  37. Madmax

    Maurizio..

    Ci ho parlato cinque minuti fa..

    Mi ha detto che è una (non l’unica) delle ultime frontiere..

    Ora è un po’ che vengono usate e sembrerebbe senza controindicazioni, ma secondo lui è ancora presto per dirlo con certezza e preferisce aspettare ancora prima di farne uso..

    Uso che però non se ne fa in nessun caso all’età delle nostre figlie..

  38. nicoxia

    Bogar a me piace confrontarmi con chiunque,e come mi ha sempre detto Catizone il confronto con persone competenti e sempre positivo i problemi ci sono con quelle incompetenti,e Buzzelli competente lo è di sicuro.
    Stefano il senso l’ho provato a Padova e a castel di sangro,secondo me sviluppa molto l’attenzione e la rapidità dei piedi e ha capacità allenanti purtroppo per qualcuno,secondo me c’è bisogno anche dell’allievo giusto perchè se l’allievo non ha voglia il senso non lo fa diventare atleta,perchè è vero che si potrebbe fare da soli ma si dovrebbero già fare i movimenti giusti.
    Io se costasse meno lo prenderei subito e sarebbe una parte integrante della preparazione ,e sopratutto allieverebbe il mio lavoro.

  39. max, inutile davvero parlare con te…continui a dire che io ti traviso e modifico quando chiedi in giro a tutti quelli che leggono il blog se hanno avuto da te l’impressione che non lo hai stroncato fin dal suo apparire solo e in qusnto opera del demoniaco buzzelli… quando un commento possibilista o la curiosita’ di provarlo( in fondo fatti non foste a viver come bruti…) uno che dice di essere sempre in giro ad aggiornarsi magari avrebbe potuto/ dovuto farlo… per es, un commento come quello di nicoxia mi trova perfettamente in linea ( rileggetevi tutti i miri articoli e post sul sensobuzz e sfido qualcuno a trovare che io abbia mai detto qualcosa di diverso, compreso che ovviamente e’ uno strumento e dipende quindi molto dall’utente…)
    Infine, e chi ha mai detto che io non ho usato un PA? ho detto che non l’ho pagato, eventualmente, visto che il Prof e’ sempre stato un signore nei miei confronti visto che ci si vedeva poche volte all’anno… Che si veda o meno, be’, e’ una questione di opinioni ed e’ facile per te maramaldeggiare con la tua completa assenza di classe e stile che ti ha meritato il mio soprannome, ma non e’ questo il punto… io ovviamente sono sempre stato convinto di non avere nulla da imparare da te ne’ sul campo da tennis ne’ sul piano della preparazione atletica fatta fare e da far fare e magari mi sbaglio, chi lo sa, ma questo non significa che non abbia ascoltato altri preparatori atletici, che non abbia letto libri e non abbia fatto fare esercizi che forse tu credi di essere l’unico a far fare a tua figlia… forse sarai l’unico in brianza o nell’area del lago d’iseo, non so, ma credimi, non fai nulla di nuovo .. quello che hai e’ una bravissima figlia e puo’ darsi che sia merito della educazione che tu le hai dato, non posso certo escluderlo, ma stai tranquillo, rilassati e vola basso che non hai ancora fatto nulla che non abbiano fatto altre decine di genitori e coaches che si sono trovati nella tua stessa posizione, pronti a spiccare un volo che poi non hanno mai iniziato davvero o portato a termine… stai tranquillino, su, che nessuno ha mai detto di sostituire il PA con un macchinario… ma che il macchinario puo’ aiutare un Coach di Tennis a far svolgere un certo lavoro standard possibilmente impostato da un Preparatore Atletico… Che poi il Prof, Baraldo e non so chi altri vogliano ricavare gloria o denaro, ma questo e’ anche normale, ma a me e a noi checcifrega, l’argomento semplicissimo era: uheila’, c’e’ un nuovo macchinario, un device che potrebbe essere utile, che ne pensate…? tutto qua,punto e a capo. Secondo me un post come quello di Nicoxia rende giustizia a quanto da me scritto piu’ volte in passato…

  40. Madmax

    Stefano..

    Non li aiuti di certo i tuoi amici tu.. E volevi anche pagarlo?? ah ah ah

    No ma tranquillo certo che è solo culo e che tanti altri… lo so lo so nulla di nuovo, stai tranquillo e dormi sereno.. ah ah non smetto più di ridere uaah ah ah ah uaah ah ah

  41. Madmax

    Ah dimenticavo…

    E per la cronaca nessuno qui ha mai avuto dubbi sul fatto che non pensi di avere qualcosa da imparare…

    come anche che tu ti sbagli di grosso però uaaah uaah uaah..(la U significa che rido sguaiatamente)

    Sono sdraiato e mi piscio addosso dalle risate..

  42. Madmax

    E visto che il genio incompreso e sfortunato lo tira in mezzo ne ho anche per Nico nonostante che poi mi dica che lo tratto male.. Ma stavolta lo merita però..

    O io nn sono a conoscenza di nuovi sviluppi o mi sa che sei diventato matto anche te..

    Cosa significa scusa che il Sensobuzz SECONDO TE…

    Perchè tu hai le conoscenze riguardo alla PA per capire se..?

    Beato te perchè io no…

    E poi vai avanti dicendo che se potessi comprarlo lo prenderesti subito e sarebbe parte integrante della preparazione..

    Ma scusa non ti da i programmi Giovanni?? E se si all’interno dei suoi programmi dice di usare l’attrezzo??

    O tu di testa tua così decideresti di usarlo a caso come MIster Q??
    (o Steve Mc Grace che dir si voglia)

    Ma come qui tutti dite di seguire Tizio e Caio di fare stages a dx e a manca ma poi fate come cazzo vi pare… Bohhhh

  43. Madmax

    E perchè sia chiaro a tutti non è che perchè io seguo uno devo morire con lui, ma finchè lo seguo DEVO attenermi al 100% al suo programma anche solo per potergli dire un giorno che è un testa di cazzo..

    Ma come si può seguire un programma inserendoci dell’altro di propria testa, senza poi essere dei professionisti del settore??

    Giuro che sta cosa non riesco a concepirla proprio come ragionamento di fondo..

    Molto differente invece è il discorso a livello tecnico perchè girando per stages puoi “rubare” esercizi che poi potrai inserire nel TUO programma continuando a perseguire gli obiettivi che TI sei prefissato ma variando e quindi riuscendo meglio a tenere alta l’attenzione dell’allievo..

    Tra l’altro in questo modo è possibile anche trovare un esercizio con cui lo stesso allievo apprende maggiormente visto e considerato che non tutti sono uguali..

    Ma anche qui però massima attenzione agli obiettivi e quindi anche alla metodologia perchè poi è questo che conta non gli esercizi in se che non contano niente..

  44. nicoxia

    Max dico secondo me perchè io ho una testa con cui ragiono autonomamente con la mia logica secondo le mie conoscenze io non dirò mai a Catizone un giorno quello che hai detto tu perchè sono io il responsabile delle mie scelte per ciò che riguarda i miei figli.

  45. nicoxia

    PER TUTTI,secondo me Catizone è una persona inteligentissima e si relaziona in base chi ha di fronte.

  46. nicoxia

    Bogar67,il master secondo me è stato organizzato in maniera superiore a qualsiasi eta,ospitalità gratuita iscrizione gratis 10 campi a disposizione un’ora e mezzo per il pre partita e più di tre ore per gli allenamenti,un maestro per campo più un giudice di sedia il vincitore precedente,il giudice arbitro che girava per i campi per fermare sul nascere qualsiasi problematica che infatti sono state inesistenti.
    L’unica pecca la presenza di pochi allievi convocati a tirrenia di cui Del’edera si è assunto la responsabilità per la concomitanza di altri tornei con rappresentativa Italiana ,anche se secondo me avrebbero come hanno fatto i non convocati altre scelte su altri tornei,per carità legittimamente,l’importante è non lamentarsi della mancata intraprendenza della federazione.

  47. nicoxia

    Volevo fare un ringraziamento a Federico di Carlo,per la disponibilità dimostrata a me e Simply personalmente sono tornato casa più arrichito e con molta carne da mettere sul fuoco.

  48. nicoxia

    Ora finalmente vado in spiaggia anche se stasera Alexia gioca il secondo turno dell’open di Albenga dopo aver superato brillantemente il primo con una sua pari categoria.
    Max e Stefano litigate pure ma fatelo come amici con il muso duro ma con il sorriso nel cuore.

  49. mi sa che abbiamo toccato un nervo scoperto… quando l’odio o la superbia accecano, c’e’ poco da ribattere … mi ritengo soddisfatto che altri, oltre al sottoscritto e ad atti, abbiano potuto verificare di persona che il SensoBuzz e’ un ottimo ‘device’, tra l’altro mi dicono usato regolarmente dalla Capogrosso vincitrice di 6,dico 6,eta di fila ( e in un altro e’ andata in finale), quindi almeno sappiamo che chi si allena col Prof e col SensoBuzz non necessariamente ottiene risultati inferiori a quelli dell’Allieva del Principe Buzzurro, ma anzi…qualche volta anche superiori!!!! Incredibile, ma sara’ un caso, figuriamoci …

    Cosa intendi nicoxia col post 57? che catizone a max gli dice sempre di si per toglierselo in fretta di torno? 🙂
    Ovviamente scherzo… purtroppo Catizone non l’ho mai conosciuto ma non credo di aver mai messo in dubbio le sue capacita’ … che questo sia ben chiaro e non si cerchi di farmi dire quel che non ho mai detto… Ma anche se l’avessi conosciuto, per me e per noi non sarebbe, ahime’, cambiato nulla, vista la nostra historia e situazione logistica…mi pare lapalissiano… In piu’ essendo di Bologna e avendo conosciuto il Prof, avessi mai avuto bisogno, certamente non avrei preso sunper andare a Milano…allo stesso modo nicoxia & co non devono mica venire a Bologna, avendo gia’ Catizone nella loro area… Diverso e’ il discorso sul SensoBuzz, che e’ un macchinario, e quindi puo’ essere comprato per integrare quel che si fa o comunque essere provato per poter dare una opinione… E’ lo stesso discorso delle pedane…o di panche coi pesi o di treadmill o di tavolette e palle mediche e agility ladders etc etc …Poi il Prof fa anche quello che fa Catizone, fornisce a richiesta il suo programma, quello e’ un altro discorso…eventualmente sarebbero da comparare… magari si scopre che le differenze…sono minime!!!

  50. infatti, rileggendoti 🙂 credo che lo stesso Prof Buzzelli non potrebbe che quotarti quando scrivi al post 47:

    Infatti la pazzia assoluta è solo il pensiero che si possa sostituire un PA con un macchinario!!!
    Semmai il macchinario può essere utile per fare un certo tipo di lavoro una volta contestualizzato in un programma di lavoro.. stop..

    E allora, mi verrebbe da dire, visto che io non ho mai detto il contrario, di cosa stiamo a litigare? Tra l’altro tu stesso hai sempre detto che da J.Ch, ci vai una volta sola al mese…E allora, non e’ un qualcosa di simile andare dal Prof, farsi dare un Programma che prevede l’uso del Sendozbuzz ( ma non solo) e poi per il mese a casa usare il SensoBuzz da soli, poi tornare dal Prof, controllare quel che si e’ fatto, etc etc…direi anzi che in un sistema tipo questo, un apparecchio come il SejsoTraining possa aiutare soprattutto chi non ha dimestichezza con lo sport o la PA e voglia o debba seguire il percorso dei propri figli… nel tuo perverso e subliminale rifiuto del Senso A PRIORI mi sembri uno di quegli Integralisti re
    igiosi che nei secoli scorsi rifiutavano ogni nuova invenzione come una diavoleria, un prodotto derivante direttamente dalla fucina del demonio … rifiutare il progresso un po’ per partito preso, un po’ per pigrizia mentale, soprattutto per pregiudizio concettuale …Poi, certo, magari hai ragione tu, non serve un cazzo… ma tu manco l’hai visto, mai provato, ti fidi di quel che ti ha detto il tuo mentore, e qui sta il capolavoro, perche’ da un lato scrivi che lui ha detto che non e’ male ma dall’altro lascii intendere sottilmente che non serve un cazzo e anzi t’incazzi con nicoxia che se potesse lo vorrebbe usare…Cioe’, tu credi che se uno ai CP usasse due volte a sett il SensoBuzz, gli rovina la preparazione atletica? Delle due, gliela migliora, ma da quel che scrivi, sembra quasi che tu pensi il contrario…
    Alla fine poi sembra che noi si usi il SensoBuzz a colazione,pranzo e cena e purtroppo non e’ cosi’ perche’ siccome come dice Nicoxia dipende soprattutto dall’utente, in america Nicky in pratica non l’ha mai usato, ed e’ stato un vero peccato…Avesse continuato a giocare e fosse venuto qui ad Abuja con l’intenzione di riprendere, il SensoBuzz avrebbe senz’altro fatto parte del Programma di PA, intendendo con questo che avremmo fatto 3-4 sedute di 45-60′ a settimana ma avremmo fattoanche tante altre cose, implementando per esempio una serie di esercizi tratti di peso da Pat Etcheberry e continuando con tutto quello che gia’ facevamo, inclusi i circuit training famigerati e vilipesi di 2-3 anni fa, quelli poco intensi jella prima fase della periodizzazione, quelli brevi e secchi di 6-8-10 secondi dopo, insieme con gli esercizi del Dr Chu sulla pliometria, i drills dell’usta, quelli della federazione tedesca, etc etc etc… Ma non credo che alla fine ci sia molto di diverso e di nuovo da quello che fanno i bravi preparatori aggiornati o da quello che fai tu cosi’ come non credo che in giro si faccia molto di diverso o di meglio da quello che facevamo noi. O almeno io ho questa presunzione. Certo, se abitassi in Italia, mi farei sempre controllare, ma purtroppo ero in africa ( l’hai capita la harzelletta di atti sulle brioches?)

  51. bogar67

    nicoxia post 58
    grazie, sono un pò amareggiato che dalla sardegna non sia venuto nessuno, dei dodici junior ammessi un paio forse non avrebbero sfigurato.
    In Sardegna tranne qualche genitore facoltoso o appassionato tutti ragionano sul fatto che se non ci sta un corposo aiuto logistico ed economico da parte di FIT Sardegna o del circolo di appartenenza non ci si smuove. Credo che una delle concause a parte ferie e vacanze sia stata proprio questo, incertezza fino alla fine e quando gli si è stato detto di arrangiarsi si sono trovati impreparati e da qui la rinuncia. Per conto mio mi organizzerò sempre da me se poi viene qualche aiuto bene ma non ci conto a priori, sapendo ad esempio di essere stato ammesso al master sarai andato alla vandermer nell’ultimo turno, avrei fatto stessa settimana torneo under 10 femminile a mezzolombardo con le migliori della macroarea nord est e poi sarei sceso a Castel Di Sangro e dopo torneo sarei venuto qui in sicilia per le ferie con i miei.
    Bssta organzizarsi e mettere qualche risparmio da parte durante l’inverno, certo chi non ha una minima possibilità è già sconfitto in partenza.

  52. nicoxia

    Stefano ognuno puo pensare quello che vuole,probabilmente anche Max quando ho scritto che il senso non fa l’atleta ha pensato al tuo Nicholas però non l’ha scritto,io ho solo esposto il mio modo di vedere se poi volete usarlo per farvi la guerra è un problema non mio.
    Catizone dall’alto della sua esperienza è in grado di valutare le cose,monitorando un ragazzo giornalmente si può individuare i carichi e gli scarichi per supercompensare correttamente.
    Io vedendo Catizone una volta al mese non ho la certezza di fare tutto giusto diverso sarebbe se li vedesse tutti i giorni.
    Ci sono studi e macchinari in grado di determinare i giusti carichi e i giusti scarichi applicati al programma sarebbero sinonimo di corretto allenamento in assenza di quotidiana supervisione,sono da verificare ma non si può non prenderli in considerazione.

  53. andrew

    …la nuova frontiera dell’allenamento è LA CENTRIFUGA!!

    Si prende il soggetto e lo si infila in una grossa lavatrice, stile laundry americana.

    1. Selezionare “Centrifuga”.
    2. Impostare il tempo di centrifuga (non superare la soglia di respirazione del soggetto).
    3. Attendere il completamento dell’operazione, eventualmente salutando con la manina il soggetto attraverso l’oblò.
    4. Estrarre il soggetto dalla lavatrice, schiaffeggiandolo leggermente per farlo rinvenire.
    5. Il vostro soggetto risulterà perfettamente allenato per ogni tipo di movimento.

  54. Madmax

    Effettivamente sto esagerando perchè con voi è come sparare sulla Crocerossa e quessto non si fa.. 🙂

    Io è da anni che vi dico le cose, ma ora mi metto sulla riva del fiume (rotolandomi dalle risate) e aspetterò..

    Caspita ma nemmeno spirito di osservazione avete, perchè besterebbe guardare i fisici per rendersene conto..

    Singolare poi come Nico da una parte non è sicuro di fare tutto giusto vedendo Giovanni solo una volta al mese ma riesce però a valutare il valore del Senso.. Misteri del millennio…

    Cmq non esiste nessuna contraddizione tra il penare che una cosa non è male e poi credere che non serva un cazzo..

    Voglio dire una Mercedes è molto più di non male ma a Roma ci arrivo anche con la Croma.. Stesso tempo (oggi tutte le macchine vanno forte il limite è uguale per tutti e sulla Cisa volare non si può), stessa comodità..

    Una però costa 30 mila l’altra 60/70…

    Certo la Mercedes è molto più affascinante e prestigiosa se uno può va benissimo, anzi perchè no..

    Ma gli stessi obiettivi li raggiungi con la Croma..

    Beh forse caricare una bella gnocca no ma se sei un figo come Steve Mc Grace rimorchi anche in bici.. ah ah

    E ribadisco il fatto che mi fido e non voglio nemmeno vederlo.. Perchè nella mia mente malata penso che Giovanni ne sappia molto più di me ed io potrei farmi fuorviare dai lustrini, dalle luci e dalle sirene..

    In campo so benissimo ora di poterci stare per la PA penso propio di no..

    E forse sarebbe ora che cominciaste a pensarlo anche voi..

  55. nicoxia

    Max ma il punto è propio questo se dici di non poterci stare per la pa,come puoi pensare che se Catizone non è presente qutidianamente di dare tu la stessa qualità.

  56. nicoxia

    Poi mi vien da ridere perchè tu puoi valutarlo senza averlo visto e io non posso neanche dare una mia opinione avendolo provato,e ripeto opinione non sono mica l’esaminatore che deve dare il voto di ammissione.

  57. Madmax

    Nico..

    Mia moglie ha SEMPRE fatto PA ai bambini e in più è stata un atleta che si è sempre allenata.. E quando cinque anni fa abbiamo cominciato con Giò abbiamo fatto nonostante questo uno mini stage con lui di un mese circa..

    E un fatto è far fare degli esercizi che sai come si fanno e come devi farli fare tutt’altro è sapere come metterli insieme e che accade dopo ch sono stati fatti..

    E tutt’altro ancora è saper valutare cosa serve e cosa no..

    Però oh magari voi siete più bravi di me e andate pure avanti, io di certo non ci penso nemmeno a prendere l’iniziativa..

    Quello che mi competeva l’ho fatto quando una volta che l’ho conosciuto e che mi ha soddisfatto, ho scelto Giovanni..

    Cosa che al contrario non sono ancora riuscito a fare a livello tecnico..

    E poi è Giovanni che dice che tutto sta andando per il meglio e che tutto è stato fatto come meglio non si poteva, mica io..

    Io al massimo posso rendermene conto vedendo ciò che fa Alessia ma poi sono i test e l’opinione di Giovanni che contano..

    Ovvio che dopo cinque anni un po’ d’esperienza me la sono fatta ma da lì a dire di sapere le cose ce ne passa..

  58. Madmax

    Nico ma bevi già al mattino tu??

    Quando mai io l’avrei valutato??

    Anzi ho ben specificato che appunto NON sono in grado di farlo e che lo faccio fare a Giovanni!!

  59. Madmax

    E poi cazzo vuol dire dare un opinion, mica è un albergo o una programma televisivo che deve piacere..

    Qui bisogna sapere se e quanto serve non se è bello e/o divertente..

    E se anche servisse bisogna capire quanto è importante rispetto al suo costo..

    Serve così così e costa poco l’acquisto, costa molto no…

    E’ fondamentale e costa molto faccio i debiti ma lo acquisto lo stesso..

    Epure mi sembra di parlare un italiano sufficientemente comprensibile..

  60. bogar67

    Io penso di testarlo il sensotraining e di fare quattro chiacchere di approfondimento cultural tennistico con il Professor Buzzelli tuttavia le ultime opinioni ricevute qua e la sulla condizione atletica di mia figlia, in particolare sulla velocità dei piedi in campo o alle prese con esercizi ad esempio alla scaletta mi fanno pensare che potrei farne anche a meno in virtù anche dei costi che essendo un prodotto di nicchia non certo alla portata per un genitore normale. Ad averne tanti magari…….
    Anche sul grado di attenzione, dicono che mia figlia è un peperino e mi pare che in campo a parte lo spaesamento delle prima gare quando aveva 4 anni per cui comprensibile adesso sa il fatto suo ed è sempre attenta sia in ricezione che durante la gara.
    Secondo me andrebbe bene per chi ha la figlia piede 42 🙂 🙂 o per la Burnett 🙂

  61. Ciao Nico,
    è stato mio piacere trascorrere un po di tempo con te, Max ed i ragazzi. Spero che i ragazzi siano contenti, soddisfatti e soprattutto motivati dal lavoro svolto.

  62. nicoxia

    Max puoi avere ragione però ricordati che sei in un blog non in università,Stefano mi ha chiesto esplicitamente un opinione e io cortesemente gliel’ho data,poi con le tue ultime considerazioni posso essere daccordo.
    Tua moglie sicuramente sarà meglio del nostro laureato fresco ma quanti professionisti ha creato?

  63. Madmax

    Nico

    Non ha creato professionisti ed infatti il suo compito non è creare campioni, semplicemente monitorare che gli esercizi di chi è preposto a questo vengano fatti a regola d’arte e per far questo non devi essere un fenomeno basta che sia il tuo lavoro e possibilmente che sia laureato..

    E sul fatto delle opinioni stare molto attento, perchè qui ci sono anche genitori di bambini piccoli e proprio ieri mi sono dovuto sentir dire dal genitore di un bambino di 5 anni che lo fa correre trenta minuti sulla spiaggia perchè lo faceva fare lo Steve Mc Queen de noatri..

    Perciò prima di pigiare i tasti vediamo di contare fino a dieci almeno..

    Senti, ma quando torni dal mare?? Ed eventualmente hai ha disposizione campi sul veloce?

  64. nicoxia

    Max così facciamo anche noi,ma l’esperienza di Catizone poterla avere tutti i giorni per me è meglio,la sua professionalità non è replicabile così facilmente possiamo fare del nostro meglio ma non sarà mai uguale.
    Quest’anno ci siamo organizzati per andare 2 volte la settimana.
    Torniamo il 30 quì in liguria facciamo 2 open e un quarta,da noi abbiamo 2 campi veloci quelli che conosci già.

  65. nicoxia

    Max in molti posti che tu conosci già fanno correre per trenta minuti,non Buzzelli infatti le linee non sono così differenti da quelle di Catizone anche se differenti ma non nella sostanza,Buzzelli sta lavorando in collaborazione con professionisti,non dirmi sminuendolo che infati non sono nei primi 10 perchè se no sminuisci anche il nostro Catizone.

  66. Madmax

    Nico..

    Dammi retta che è uguale..

    Certo sarebbe certamente meglio se fosse lì tutti i gg solo per noi, ma dato che è pura utopia è perfetto così..

    Sarebbe come avere Piatti o Gilbert in campo..

    Si certo se uno di loro venisse tutti i gg solo per noi sarebbe fantastico, ma è possibile?? No quindi..

    Ma poi ripeto va benissimo così e te lo dice uno che di sedute con Giò ne ha fatte tante..

    Nel senso che a far fare il programma dopo che l’hai eseguito insieme a lui una volta basta e avanza ed anzi ora Alessia potrebbe quasi farlo anche da sola.. Questo chiaramente perchè sono cinque anni che ormai lavoriamo insieme a lui..

    E infatti di problemi non ce ne sono mai stati..

    Come vedi tutte le volte alla fine ci ritroviamo dopo decine di post passati a spiegare..

    Ma caxxo saltale subito le cose impossibili, tanto non sono fattibili, perciò di che cosa parliamo..

    Il 30 di agosto??

    Ahhh ma allora non avevo capito, io pensavo ora.. Quindi ci vedremo dopo e chissà quando perchè noi torniamo il 29 da Cagliari il 31 andiamo a Vercelli per il Macroarea a squadre, poi dobbiamo andare a Mlano Marittima per il Master e se riusciamo dobbiamo giocare i Provinciali a Bergamo..

    Se non salta fuori un ETA penso che potremmo riuscire a vederci la settimana dal 5 all’11 settembre, se a voi va bene..

  67. monet

    giocare i provinciali a bergamo? ….ossignur ci credo che tua figlia non perde un match !!!!!

  68. Madmax

    Ma perchè continuate a dire che io voglio sminuire uno che nemmeno conosco??

    Io ho solo de sempre detto che mi fido di un altro e che i risultati sono visibili, punto..

    Poi cosa fanno gli altri a me sinceramente poco importa, so solo che chi vede giocatori under e non in giro per il mondo mi dice da un po’ di tempo fai quel che vuoi basta che non cambi il PA..

    (onestamente mi dice anche di continuare ad allenare io Alessia per ora, ma capisco che per voi questo è troppo 🙂 )

    Quindi la questione è che andando momentaneamente tutto per il meglio, non ho bisogno di cercare altro se poi un giorno vedessi che qualcosa non funziona allora prenderei certamente provvedimenti e mi guarderei in giro..

    Ma fin dall’inizio vi ho sempre detto che di errori come tutti ne faccio molti, difficile però che sbagli con le persone..

    Certo che se poi uno mi dice che ha seguito atleticamente chi io dico da due anni che fisicamente è allenato male, le conclusioni sono ovvie..

    Ma immagino e me lo auguro per il Prof che il programma non sia stato seguito alla lettera o che non ci sia mai nemeno stato un vero e proprio programma e che di quello se ne sia occupato in prima persona Scienza..

  69. Madmax

    Monet ormai intervieni solo per attaccarmi estrapolando l’1 % di quello che scrivo..

    Capisco il bruciore del derby, ma quest’anno ti conviene farci la bocca.. ah ah

    E stai tranquillo che se li faccio (e non è nemmeno sicuro) c’è un buonisssimo motivo.. 😉

    Sai a me non ha lasciato i soldi nessuno, anzi quelli che dovevo ricevere li ho regalati.. io…

    Perchè vedi a me non può e deve dirmi un caxxo NESSUNO… ne padre ne madre.. nessuno…

    Tanto li ho sempre trovati e guadagnati perciò anche stavolta sarà lo stesso, come sempre..

    Che tra l’altro è anche più bello…

  70. bogar67

    Scusa Mad max, ma allora sei sicuro di fermarti fino al 29? se così ti fai anche una vacanza. 🙂 toccati!! 🙂 Io sinceramente non ho capito come organizzate le trasferte, avevo chiesto ad un genitore di questo blog come faceva con gli eta e mi ha risposto, prenoto tempo prima per risparmiare l’andata ed il ritorno con low cost, l’andata era sicura perchè inizio torneo si sapeva mentre al ritorno prenotava il mercoledì tanto il figlio massimo due turni ed era fuori.
    Il problema è si se arrivava fino in fondo o si passava il mercoledì di aereo erano un sacco di soldi di aereo spesi per tornare.

  71. Madmax

    Tra l’altro sarà il caldo o non so cosa ma ultimamente faccio fatica a sopportare le cagate..

    Come sarebbe a dire che per forza non perde una partita??

    Gli assoluti provinciali sono un Open (mi sembra 1000 euro di omntepremi) dove l’unica cosa che Alessia non potrà fare è vincere visto che giocheranno le seconda categoria..

    Due anni fa (forse tre non ricordo) li ha vinti la Moroni tanto per dire (350 wta)..

    Tre anni fa (quindi a 18/19 anni) i Bresciani li ha vinti la Remondina..

    Perciò cmq non fare un Open a 4 km da dove ci alleniamo sarebbe una pazzia..

    Sisben..

    Perchè?? Vuoi mettere la soddisfazione?? Tra la’ltro la mia è stata ben più di una scelta per cui mica vorrai che ora me ne penta??

    No no va benissimo così.. Poi ognuno ovviamente è diverso ma…

  72. Madmax

    Bogar…

    Noi abbiamo preso la casa per una settimana, abbiamo le date dell’aereo fisse perciò anche Alessia dovesse perdere al primo turno ci fermeremmo tutta la settimana a fare vacanza.. Tra l’altro voglio andare in Costa Rey dove non sono mai stato.. 🙂

  73. bogar67

    Mad Max
    Costa Rey è bellissima, quest’anno non sono mai andato neanche una volta ma anno scorso oogni week end cmq da dove sei ti consiglio la spiaggia di tuarredda che dista meno.

  74. nicoxia

    Max forse ti sei perso il post di Buzzelli,l’impossibile è fattibile sui miracoli ci stiamo lavorando,mi sa che è unpo che non parli con Catizone.

  75. nicoxia

    Max ragiona un po secondo te tutti i sacrifici che sta facendo Catizone e noi con lui visto quanto poco lo abbiamo visto ultimamente,li sta facendo per niente.

  76. monet

    sorry Max io credevo che gli assoluti provinciali fossero un torneo under di categoria,se è cosi chiedo venia!!eppoi fattela una risata,io sono ancora uno di quelli che il giorno che tua figlia entrerà nelle top 10 stapperò una bottiglia alla faccia dei gufi che ti martellano quotidianamewnte……….

  77. Madmax

    Monet..

    Quest’anno Alessia a parte i Regionali e un altro torneo all’inizio della stagione di tornei facili non ne ha fatti..

    Per il resta ha giocato solo terza (ha vinto solo l’ultimo che era più di basso livello sennò ha fatto semi) e ETA

    Maurizio..

    Figurati.. Anzi dicci che ne pensi tu o cosa ti avevano detto..

    Nico..

    Tu forse lo vedi poco io sono stato anche tre gg da lui al Brallo e la prossima settimana staremo insieme ancora qualche gg..

    Anche perchè forse…. 🙂 E no, non se po’ dì…

  78. Madmax

    Monet..

    Lo so, lo so..

    Il guaio è che in quel momento tanti saranno lì, il problema è chi ci sta vicino or e solo quelli potranno stappare insieme…

  79. atti

    Scusate il ritardo…
    Vedo che continua serrato il dibattito su chi ce l’ha piu’ lungo… il se(s)so training…..

    Sullo strumento ho già detto, e ribadisco ….

    Per me è utilissimo se abbina la motivazione e l’impegno dell’atleta, con qualcuno che lo segua costantemente e massimizzi i benefici (che sappia cioè usare e dosare i vari esercizi). Si puo’ fare senza, certo ….ma per vari motivi, chi l’ha provato, lo ritiene un concentrato tascabile di un metodo tecnologico applicato al lavoro quotidiano..

    Percio’ lo vedrei ottimo per accademie, circoli, CP e/o per il professionista che gira il circuito (con o senza PA al seguito… ma meglio con).
    Oggettivamente ottimo oggetto.

    Nel caso di ragazzini piu’ o meno piccoli, dipende molto da come è impostato il lavoro, se non sono seguiti costantemente con un occhio clinico e competente, temo serva a poco sia il sensotraining ma anche qualsiasi programma o scheda mensile fornita dal luminare di turno.
    Quindi diventa soggettivo e non piu’ oggettivo….

    Che poi le fortune di un coach, maestro, genitore/coach o PA… le fa la qualità dell’allievo.
    Senza questo piccolo particolare, non c’è trippa…..

    Magari ci sono (o ci saranno) genitori lungimiranti, maestri motivati…. che senza quel piccolo particolare… nessuno citerà mai come esempio….

    Visto che stamane c’è Monet con noi… gli chiederei conferma su questo punto; anche lui ad un certo punto, se non ricordo male, ha detto che fra figlio e figlia, entrambi discreti da junior.. la figlia ha poi smesso.
    Eppure il padre disposto ad assecondarli ero lo stesso.. o no ?

  80. Leo

    Vola alto max che in basso ci volano gia’ in troppi…e’ troppo trafficato in basso…:)

  81. pulsatilla

    Sono d’accordo con chi sostiene l’utilità del sensotraining ai CP. Perchè è uno strumento valido anche per misurare le qualità atletiche dell’under.
    Ai CP, ogni 2-3 mesi, si potrebbero fare dei test su una lista più ampia di convocati.
    Ci sarebbero due effetti positivi:
    prendere in considerazione anche le qualità atletiche nella selezione degli atleti(vengono prese in considerazione dai tecnici?) e misurarle in maniera oggettiva (così da fugare eventuali dubbi di genitori di under non convocati).

  82. Madmax

    Atti…

    Io continuo a spiegarlo, ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.. E poi invece ci sono anche gli stupidi che non capiscono nemmeno ascoltando..

    Intanto anche tu come gli altri (che infatti non hanno risposto a parte uno che mi ha dato ragione) mi spieghi con quali competenze mi dici che è un buono strumento..

    Io ad esempio non ne ho e mi guardo bene dal dire se serve o meno..

    Ho chiesto a chi ne ha (di competenze) e ho riportato, stop..

    Dopo di che cazzo c’entrate voi o Monet con me??

    A parte che già in partenza le esperienze/competenze lavorative erano/sono diverse, ma facciamo finta di niente..

    Voi tutti ad un certo punto a 4/5/6/7 anni avete portato vs figlio al circolo, a loro non dispiaceva giocare o non hanno saputo dirvi di no ed è cominciato il ballo seguendo poi il percorso tipo, ognuno ovviamente secondo le proprie possibilità..

    Chi come Stefano è andato dal Bolletta, chi come Fulvio ha preso il coach (dopo mi sembra) chi al circolo sotto casa..

    Ed il PA invece non se l’è cagato nessuno ed infatti ora siamo alla ricerca dei Santi, di Wanna Marchi e delle sue invenzioni (si perchè per buono che sia, anche il Senso o qualunque altro strumento ormai è come il sale che non si scioglie..) etc etc

    Ma io a quel punto (4-5-6-7 anni) la maggior parte del lavoro e soprattutto quello più importante l’avevo già fatto.. Ed infatti certi problemi (di non aver voglia di fare un cazzo) noi non li abbiamo proprio..

    Dopo è troppo facile parlare del materiale umano.

    Ma scusa, come facevo io già a saperlo e a dirlo (che sarebbe diventata forte) a mia moglie quando Alessia ancora non era nata??

    Tra qualche anno poi quando anche TUTTE le altre cose che ho scritto diventeranno realtà chissà che mi direte..

    Diego..

    Che palle enormi mi stai facendo venire…

  83. Madmax

    Leo..

    Vai tranquillo, il traffico non mi è mai piaciuto!! ah ah

    Pulsatilla..

    Ecco si ai CP per tenerli ipegnati un po’ e per farli divertire uno strumento rilevatore va benissimo..

    Mia figlia però PA ai CP non la fa.. 🙂

  84. atti

    Max… e ogni volta la metti sempre sul personale…vabbe!
    Divertiti….

    Dicevo, che non ci vuole un genio per capire l’utilità del sensotraining….applicata ad esercizi di coordinazione, rapidità, rersistenza ed esplosività.
    Ma in questo non è che ci serva il parere tuo o di altri… è già molto evidente di per se….basta osseervare.
    Molto, ma molto diverso è saperlo utilizzare per costruire un atleta…e infatti ho detto che comprarlo per poi utilizzarlo male sono soldi sprecati.

    Cmq se costasse un po meno… te lo ritroveresti ad ogni angolo o circolo che vai…
    ma non per questo risolve i problemi di tutti…

    Portavo e riporto Monet come esempio per dire che …aveva maschio e femmina di discreto livello… ma poi uno è dipentato un Pro e la figlia invece ha smesso…e si è dedicata allo studio.

    Domanda :
    è o non è lo stesso genitore lungimirante che abbiam sempre portato come esempio ? e come mai allora ? Stessa educazione, stesse risorse, competenze, conoscenze e bla,bla,bla….
    Monet…è perchè sei un maschilista ? scherzo…..

    …l’ha già ben spiegato il perchè..ma repetita juvant…

  85. monet

    atti il perchè è presto detto: mia figlòia non aveva ne la capacità ne la voglia di continuare.l’avrei dovuta dare in pasto al caperchi della situazione,ma siccome aveva e ha la stessa testa di cazzo del padre ho capito che era meglio non…sforzare.e al momento del suo diniego nel continuare l’attività agonistica,giuro che ho stappato un amgnum da 5 lt di champagne contento come una pasqua che aveese amminato bandiera bianca.ho la fortuna di capire se uno è o era portato per uno sport,eppoi un laureato in casa non è che faccia tanto schifo 🙂

  86. bogar67

    @monet
    ma la figlia è più grande di Fabio?
    io ho una bimba di 7 (quasi) e un bimbo di un anno e mezzo purtroppo già con la racchetta in mano.
    Per la bimba sto seguendo percorso che esce dalle conoscenze acquisite sul blog ma per il maschietto vorrei far fare altro o cmq se tennis senza dannarmi la vita come adesso.

  87. Leo

    Confermo il bottiglione di monet allo stop della figlia 🙂 storia vera…ma perche’ discutete di mezzi come il senso training,si può anche allenarsi e arrivare in maniere diverse,e arrivare entrambi a giocare,mica si ha ragione.ha ragione chi arriva…

  88. atti

    Grazie Monet … l’avevi già detto…era per dire che il risultato è ANCHE un mix di piu’ fattori non replicabili.

    …e a volte le cose vanno come devono andare….altrimenti non sbaglieremmo mai !!!

    “ho la fortuna di capire se uno è o era portato per uno sport”…

    Interessante concetto “pratico”….

    Ora passo…sul nuovo articolo del Doc…. per rimanere… “in tema”.

  89. Madmax

    Atti..

    Ecco ora ho capito perchè arrivano in pochissimi..

    Io cmq sono un deficiente perchè non la so valutare la grande utilità..

    Per me grande utilità signifca quando è pressochè indispensabile..

    Perciò continuate pure ad osservare che hai voglia quanta strada….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *