Prequalificazioni IBI 2017, Daniele Capecchi: “Obiettivo continuità, al Foro arrivo in ottima forma”

di - 4 maggio 2017
Daniele Capecchi

Ancora qualche giorno d’attesa e poi il Foro Italico si accenderà. Partono le prequalificazioni degli Internazionali BNL d’Italia, che assegnano le wild card per “quali” e main draw del torneo ATP Masters 1000 e del WTA Premier 5.

Da Firenze si presenterà Daniele Capecchi, pronto a dar battaglia agli avversari per migliorare i risultati ottenuti negli ultimi anni nel tempio del tennis italiano e puntare, perché no, il pass per la settimana successiva.

Ciao Daniele, ti ritrovi a fare le valige per il Foro da numero 831 del mondo: cosa ti aspetti da questa nuova avventura agli Internazionali?
“È sempre molto bello tornare al Foro Italico. Le prequalificazioni danno la possibilità a noi ‘umani’ di scendere in campo anziché vivere gli Internazionali esclusivamente da spettatori. Quest’anno spero di far bene, magari più degli anni passati…”.

Dal punto di vista emotivo, credi che sarà più facile affrontare il prestigio dello scenario non trattandosi per te di un esordio?
“Sicuramente. Nel 2015, la mia prima volta in questa competizione, entrai in campo emozionatissimo, mi guardavo attorno, quasi non mi sentivo a mio agio. Quest’anno sarà diverso, lo vivrò come un torneo normale non essendo per me un esordio”.

Come arrivi a questo appuntamento? Hai incentrato le ultime settimane sulla preparazione in vista delle prequalificazioni?
“No, quest’ultimo periodo non è stato determinato dalle prequalificazioni. Ho giocato due Futures a Santa Margherita di Pula e in questi giorni, a ridosso della partenza per Roma, un torneo open a Pistoia. Arrivo in forma, voglio dire la mia”.

È la tua quarta stagione da professionista: cosa vuoi ottenere principalmente nel 2017?
“Per quanto riguarda la classifica, non mi sono posto traguardi. Il mio obiettivo è giocare un anno completo, come non mi succede da un paio di stagioni. Voglio evitare problemi, che siano fisici o di qualunque altro genere”.

Senti di dover migliorare in qualcosa in particolare?
“Devo ancora lavorare tanto sul diritto, che ultimamente va molto meglio, e poi sulla gestione dei momenti chiave del match. Sono i due aspetti nei quali posso migliorare molto”.

Dopo il Foro Italico, dove proseguirà la tua attività?
“Giocherò il Futures di Vigevano e forse quello di Frascati. Proseguirò l’attività in Italia alternando i Futures e i Challenger”.

Parlando di uno che gioca un pochino meglio di te, ti aspettavi un avvio di stagione di Federer così devastante?
“Onestamente no. Dopo esser stato fuori sei mesi, il fatto che giochi in questo modo è incredibile. Ma in fondo parliamo di un dio, lui può far tutto”.

In assenza di Roger, chi vince gli Internazionali? Vedi Nadal favorito o credi nella reazione di Djokovic e Murray?
“Secondo me a Roma Djokovic può dare una svolta alla propria stagione. È lui il mio favorito”.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *