ATP Challenger San Benedetto del Tronto, Berrettini vola in finale e “vede” gli US Open

di - 23 Luglio 2017

Matteo Berrettini conquista la terza finale della sua giovane carriera a livello Challenger, dopo quelle in Cina e ad Andria, dove è stato sconfitto in finale rispettivamente da Fabbiano e Vanni. Al CT Maggioni per la San Benedetto Tennis Cup 2017 è andata prima in scena la semifinale tra lo spagnolo Carlos Taberner e il lanciatissimo serbo Laslo Djere, al nono successo consecutivo in Italia, visto che viene dal vittorioso torneo Challenger a Perugia e che ha superato lo spagnolo in due set mostrando una tenuta atletica invidiabile. Certamente il lavoro svolto con Alberto Castellani lo scorso anno a Bettona ha dato i suoi frutti, soprattutto sul piano della consistenza e dell’atteggiamento sempre propositivo e voglioso, ma altrettanto certamente domani sarà atteso da una prova complicata contro il nostro giovane più in evidenza in questi ultimi mesi, Matteo Berrettini, da Roma, allenato da Vincenzo Santopadre che nel match successivo ha sconfitto nettamente il combattivo argentino Coria. Non è stata la migliore prestazione di Matteo, a nostro modesto parere, ma ci sono da dire due cose: innanzitutto in una serata meno brillante ha dominato il rivale, e poi Coria ha un gioco complicato da affrontare perché è molto solido e “addormenta” un po’ la tensione agonistica. Più di qualche tennista ci ha confidato che l’argentino rimanda di là una palla non pesantissima, ma si muove bene, trova angolazioni precise, e soprattutto è paziente nell’attendere che qualcosa cambi se vede l’avversario dominare. Quindi Matteo ha vinto una partita che è nelle sue corde, non è un miracolo, ma avrebbe potuto complicarsi, sarebbero bastati 8 minuti di passaggi a vuoto, non di più. E al terzo set sarebbe stata una gara da moneta, un terno a lotto, visto la buona resistenza di Coria. Oggi non benissimo Berrettini al servizio, con poche prime palle (59%) sebbene abbia fatto 9 punti su 10 con la prima di servizio e lo schema col susseguente diritto. Come sta capitando spesso determinato e sicuro l’azzurro nei cosiddetti momenti chiave del match, ha annullato 4 palle break su 5, e tolto il servizio all’avversario alla prima occasione. Con Djere sarà una sfida affascinante.

Risultati semifinali

[4/SE] L. Djere b. C. Taberner 6-4 6-3

Berrettini b. F. Coria 6-2 6-4

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *