ITF: Volano Burzi e Galovic

di - 13 marzo 2012


(Enrico Burzi – Foto Nizegorodcew)

di Giacomo Bertolini

APPLAUSI PER ENRICO BURZI, OTTIMA FINALE DI VIKTOR GALOVIC

Settimana ancora positiva per i colori azzurri protagonisti finora di un avvio di stagione decisamente convincente.
Non si ferma il buon momento di forma di Enrico Burzi che dopo il successo di Kish Island a fine 2011 torna a colpire a Reus dopo una serie di risultati soddisfacenti nelle passate settimane. E se il veterano Burzi fa suo il quinto titolo Futures, il giovane Viktor Galovic sfiora soltanto il primo acuto in carriera cedendo in finale a Chekassy dopo essere partito dalle qualificazioni.
Negli altri tornei non si ferma il dominio casalingo dell’indiano Singh che vince il terzo titolo di fila a Bhimavaram; bene anche i tedeschi Seifert e Torebko in Canada e Gran Bretagna. Derby a De Schepper nel Futures francese di Lille, Andrei Martin corsaro a Faro.

Reus (10.000$ Spagna): Torna al successo dopo una buona scia di risultati convincenti il bolognese Enrico Burzi nel torneo spagnolo su terra rossa di Reus, dove l’azzurro classe 1981 partiva da secondo favorito del seeding. Gran successo per Burzi che conferma un ottimo momento di forma conquistando così il quinto titolo in carriera a pochi mesi dall’ultimo acuto a Kish Island, Iran.
Cammino sicuro e con poche sbavature per Enrico, che dopo essersi distratto un set al primo turno contro lo spagnolo Calderon-Rodrigues ha proceduto spedito e senza esitazioni sino alla finale dove in rimonta ha avuto la meglio sul trentenne iberico Marc Fornell-Mestres, numero 533 Atp, col punteggio complessivo di 36 63 61. Best ranking adesso ad un passo per Burzi che, complice anche la buona semifinale a Cartagena una settimana fa farà un balzo in classifica di oltre 30 posti, irrompendo nei top 300 alla piazza 278.
Nel torneo di doppio bis personale per Burzi che fa sua la coppa in coppia con Matteo Trevisan.
Gli altri azzurri: Lorenzo Giustino esce all’esordio, Giulio Torroni ko al secondo turno nel derby con Burzi (64 62), quarti per Matteo Trevisan(7) che si fa sorprendere dallo spagnolo Estruch 61 75.

Cherkassy (10.000$ Ucraina): E’ Viktor Galovic (nella foto a sinistra) la sorpresa azzurra della settimana, inaspettato protagonista del Futures su cemento di Cherkassy in Ucraina. Classe 1990, ancora fuori dai primi 1000, Galovic ha azzeccato una settimana quasi perfetta partendo dalle qualificazioni e raggiungendo la prima finale in carriera, conquistata dopo una serie di grandi battaglie vinte (quasi tutte) contro pronostico. Dopo aver fatto fuori in tre set il francese Nys all’esordio e raccolto lo scalpo della tds. numero 2 Panfil (63 62), Viktor ha vinto un bellissimo braccio di ferro con il tedesco Lenz ai quarti (76 76), prima di firmare l’impresa in semi contro l’ostico Stanislav Poplavskyy, eliminato 63 46 76. Stop per Galovic sul più bello: il titolo va infatti al qualificato ucraino Olexandr Nedovyesov, classe 1987 e numero 1220, che col punteggio di 62 63 fa così suo il terzo centro in carriera. Grande consolazione comunque per Galovic, che oltre alla consapevolezza di aver disputato un grandissimo torneo partendo dalle quali, schizzerà in classifica sino alla posizione 785, polverizzando così il precedente best ranking al numero 1017. L’altro azzurro iscritto, Edoardo Eremin(8), lascia il torneo agli ottavi di finale.

Bhimaravam (10.000$ India): Furia Sanam Singh anche nel torneo di Bhimaravam! Continua infatti il momento d’ro dell’indiano classe 1988, scatenato e vincente nella serie di tornei asiatici giocati nella “sua” India, dove l’attuale numero 612 Atp ha conquistato il terzo titolo in carriera in altrettante settimane. Tris incredibile per Singh che dopo i successi di Chandigarh e Bhopal non sbaglia neanche questa settimana e fa suo il torneo al termine di una sfida maratona con il connazionale Saketh Myneni, battuto 64 46 75.
Tra gli azzurri l’unico iscritto Matthieu Vierin si difende bene al primo turno prima di cedere al secondo round con l’uzbeco Ikramov, killer all’esordio del secondo favorito Malik.

Lille (15.000$ Francia): Derby in finale anche in terra di Francia nel torneo su cemento di Lilla che ha visto il ritorno alla vittoria del 24enne transalpino Kenny De Schepper sul connazionale Romain Jouan. Nessuna sorpresa dunque nell’atto conclusivo di Lille con la prima testa di serie De Schepper, attualmente a ridosso nei primi 150 al mondo, che ha la meglio sul terzo favorito Jouan aggiudicandosi così il terzo sigillo a livello Futures con il combattuto score di 62 46 63. Male Roberto Marcora out all’esordio, da segnalare invece la bella semifinale del veterano belga Cristophe Rochus che, nonostante una classifica impietosa (numero 1506!) e ben 34 primavere alle spalle continua a dare battaglia e a ottenere buone soddisfazioni anche se circoscritte, adesso, al livello dei Futures.

Tipton (15.000$ Gran Bretagna): E’ la Germania la nazione simbolo della settimana Futures con due belle vittorie di due atleti tedeschi rispettivamente a Tipton e Gatineau. Per quanto riguarda l’appuntamento inglese disputato su cemento il vincitore risponde al nome di Peter Torebko, classe 1988 e numero 226 Atp, bravo nel frenare le ambizioni del padrone di casa Josh Goodall(3), fermato nettamente 63 62. Ottime successo per la prima testa di serie tedesca che ha dominato agilmente il suo match di finale dopo una serie di lunghe battaglia nei turni precedenti vinte quasi sempre al terzo set. Per Torebko si tratta del quarto titolo in carriera, azzurri assenti.

Gatineau (15.000$ Canada): Come anticipato ci spostiamo adesso sul cemento canadese di Gatineau che come nel caso del Futures di Tipton ha visto un dominio pressochè assoluto di un giocatore tedesco. Arriva infatti grazie all’appuntamento nordamericano di Gatineau il sesto titolo in carriera per il 26enne Stefan Seifert, attualmente numero 293 nel ranking. Grande settimana per Seifert che ha meritatamente vinto la coppa della manifestazione canadese eliminando in finale il favorito numero uno Vincent Millot (Fra) 76 62 dopo aver già fatto fuori in semi la seconda testa di serie Polansky. Anche in questa circostanza nessun azzurro presente.

Altri tornei della settimana: Ok Martin e Konecny

Concludiamo il riassunto dei tornei Futures della settimana con i restanti tornei di Antalya e Faro, entrambi su cemento e dotati di un montepremi pari a 10.000$. In Tuchia nessun particolare colpo di scena con la vittoria del favorito ceco Michal Konecny(1), classe 1989, al terzo centro personale. Konecny, dopo aver rischiato grosso all’esordio col giovane azzurro Omar Giacalone (classe’92), ha poi ben gestito tutte le rimanenti partite e demolito in finale lo svizzero Alexander Sadecky(8) 62 62. Molti gli azzurri bocciati all’esordio: oltre a Giacalone vanno infatti subito fuori anche Garzelli, Leonardi, Capone, Rovetta, Portaluri, Fortuna e Ciravolo. Per Crepaldi, Bosio e Micolani lo stop arriva invece agli ottavi. Titolo di marca slovacca invece nel Futures di Faro2, Portogallo, che ha visto imporsi la terza testa di serie Andrei Martin, 22enne numero 407 Atp, sull’inglese Daniel Smethurst(4). Punteggio netto: 62 62. Per Martin è il settimo colpo nella categoria cadetta; tra gli azzurri si registra solo il secondo turno di Claudio Grassi, finalista qui sette giorni fa.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *