Le nuove leve del tennis italiano: il futuro si può tingere di azzurro

di - 9 Ottobre 2015

Mager Milano

di Lorenzo Cialdiani

Il mondo del tennis azzurro è, in un modo o nell’altro, sempre avvolto in una fitta nube fatta di aspettative, con i cosiddetti “carri” – che siano essi positivisti o meno – a caricare ulteriormente le spalle dei giovani talenti alla costante ricerca del risultato decisivo, quello che potrebbe farli finalmente emergere nel circuito mondiale e permettere loro il definitivo salto di qualità.

Se la scuderia italiana è ottimamente rappresentata in prima linea da giocatori del calibro di Fabio Fognini, Andreas Seppi, Simone Bolelli e Paolo Lorenzi, come per quanto riguarda il circuito femminile è logico per tutti i maggiori appassionati scandagliare i ranking in lungo e in largo in cerca di un possibile futuro crack per dare un degno seguito al lavoro svolto dalla truppa capitanata da Corrado Barazzutti.

Dei principali indiziati a ricoprire il ruolo di campioncini rampanti si è già parlato (forse) anche troppo, anche perché è sempre bene non tralasciare il fatto che nel tennis si è quasi sempre da soli, e se in altri sport di squadra l’ambientamento è estremamente più semplice e non necessariamente viene additato il singolo, nei courts di tutto il mondo si presentano giorno dopo giorno ragazzi che si mettono in gioco in toto, facendo i conti con le varie “hospitality” – eufemismo in buona parte dei casi -, le situazioni familiari, le settimane storte e chi più ne ha più ne metta, senza considerare il cartoonesco peso da 1000kg che cade su di loro al primo segnale di consacrazione, frutto di commenti e riflettori spesso troppo cinici nel loro essere.

Parlando di nomi, quanto appena scritto racchiude perfettamente le figure di tre azzurrini dalle grandi capacità, ovvero Matteo Donati, Gianluigi Quinzi e Filippo Baldi, tutti già avidamente messi sotto la lente di ingrandimento e per il momento messi in un angolo, attendendo la gloria o l’oblio quasi con lo stesso ironico spirito. Dietro di loro, solo per un fattore mediatico, restano tantissimi nomi che potrebbero alla lunga far ricredere i molti pessimisti del caso: il filosofo cinese Lao Tzu diceva “è sempre meglio accendere una candela che maledire il buio”, e se la ricerca è alla base dell’essere umano, non sarebbe altrettanto giusto evitare la prospettiva di un mondo così seguito e pieno di appassionati veraci.

MARCO CECCHINATO

Il giovane palermitano rappresenta sicuramente la notizia più lieta di questo 2015. È in rampa di lancio, visto il suo trionfale approdo in Top 100 ed il suo freschissimo best ranking fissato al no. 82 ATP. L’eterno dilemma sui giocatori come “il Cech” è un vero e proprio campo minato già di per sé: Top 100 sì, ma con tanti punti raccolti nei tornei minori, e per giunta sul suolo natio. Sarà dunque vero top o un animale da Challenger? La sua ancora giovanissima carriera lo pone adesso nella peggior posizione possibile, ovvero quella di confermarsi – se non migliorarsi, e allora sarebbero fuochi d’artificio – con tanti punti da difendere e davvero poca esperienza contro i giocatori di categoria, visto che le sue vittorie sono spesso arrivate grazie a successi su giocatori fuori dai primi posti delle classifiche.

Inutile dire che il tempo è tutto dalla sua parte, con il sempreverde discorso sull’arrivare tardi degli italiani a tener banco, e anche in questo caso sarebbe quanto di più controproducente possibile il voler passare in un attimo da ultimo arrivato a giocatore che deve vincere, senza se e senza ma.

SALVATORE CARUSO

Salvatore CarusoDa Avola con furore, l’evoluzione di questo promettente 22enne, in foto laterale, fatta registrare nell’ultimo periodo ha dato frutti molto graditi, a lui in primis ed a chi ha avuto la passione di seguirlo poi.

Questo ultimo anno soprattutto gli ha regalato il best ranking al no. 206 del mondo, con gli ottimi risultati ottenuti a San Benedetto, Genova e Biella che lo pongono definitivamente sotto una nuova abbagliante luce, quella di promessa non convenzionale, senza ancora il boom – che ci auguriamo arrivi a breve – ma con un lavoro mirato ed estremamente generoso, sia nello spirito che nel risultato.

Caruso può vantare un rovescio di ottima fattura, e se i risultati si ottengono con tanto lavoro ed altrettanta umiltà, il diritto ed il servizio sono note liete di un ascesa rapida verso le proprie piene potenzialità, con tanto di fiducia in se stesso e ancora tanta strada da fare. In senso buono, naturalmente.

GIANLUCA MAGER

Perché a Sanremo non c’è solo il Festival. Scherzi a parte, non è affatto fuori luogo pensare il 20enne ligure (nella foto in alto) come un vanto per la sua città, perché se il suo percorso nel tennis non è stato lineare come quello di molti suoi coetanei, la sua abilità e il fiuto di Diego Nargiso stanno facendo di lui un vero e proprio candidato ad un posto nel tennis che conta.

La straordinaria forza di volontà dimostrata negli anni della sua crescita è solo una delle grandi doti di Mager, perché, se il suo obiettivo – come lui stesso ha dichiarato a SpazioTennis – non sono i punti fine a se stessi ma lo sviluppo del gioco e l’accumulo di esperienza, i conti sono presto fatti.

Anche se di sconfitte si tratta, la qualità della “lotta” negli incontri di quest’anno contro Marsel Ilhan (Qualificazioni Roma), Pablo Carreno-Busta (Challenger Perugia) e Federico Delbonis (Challenger Milano) dimostrano quanto sia importante l’evoluzione personale e tennistica di un giovane da tenere d’occhio per tante, tantissime ragioni.

STEFANO NAPOLITANO

Stefano NapolitanoIl 20enne biellese, nella foto accanto, si era già inserito prepotentemente nelle voci di un futuro Italtennis basato solo ed esclusivamente sul trio Donati-Quinzi-Baldi, e tutto questo quando ancora si doveva adattare al passaggio tra il circuito Under 18 e quello maggiore; ad oggi tutto è in divenire, sia per quanto riguarda la carta d’identità che l’idea di gioco, ma con il best ranking ad un passo e la fiducia in una prossima esplosione dei ragazzi di scuola azzurra, la risultante di tutte queste premesse potrebbe davvero sorprendere senza riserve.

Di questo 2015 rimarranno soprattutto le splendide vittorie di Roma – nel doppio con Matteo Donati sui “giganti” John Isner e Sam Querrey, oltre al 2-0 su Jurgen Melzer – ma come per tutti gli atleti sopracitati è bene non scordarsi che è importante il presente, ma mai quanto un futuro coltivato con saggezza e lungimiranza, con Napolitano ancora protagonista.

Sarebbe facile continuare a mettere sul piatto altri nomi di azzurri estremamente promettenti: già in alto in classifica ci troviamo Stefano Travaglia, Lorenzo Sonego, Andrea Basso, Matteo Berrettini, e ancora gli Under 18 come Enrico Della Valle, Julian Ocleppo, Sasha Merzetti, Gian Marco Moroni, Federico Bonacia e Marco Mosciatti, oltre ai due chiacchieratissimi Andres Gabriel Ciurletti e Francisco Bahamonde da poco naturalizzati italiani.

Con questi bravi ragazzi, e tanti altri che scalpitano per un posto tra i candidati più illustri, c’è sempre da stare attenti settimana dopo settimana, perché i processi di crescita sono lunghi e perché nel tennis può bastare davvero poco a rallentare – o addirittura disfare – il lavoro di mesi e mesi; però dev’essere un piacere seguire la loro crescita personale e professionale, lasciando il beneficio del dubbio ai prossimi protagonisti della nostra rubrica sui nuovi talenti italiani. Dubbi sul futuro, dunque? Forse con loro in campo ce ne saranno di meno.

© riproduzione riservata

14 commenti

  1. Gabriele da Ragusa

    Ma cm si fa a dire che Caruso è piccolo di statura qnd è invece minimo 1,85? Boh…

  2. cataflic

    Concordo con Gabriele, mica è basso Caruso!
    Già che c’eravamo, si potevano spendere altre parole…

  3. Paoloz

    ci sono giovani con potenzialità
    ma per essere chiari, nessun nuovo fognini o seppi in vista
    donati è il piu’ solido ma ha limiti di mobilità che gli precludono un certo livello
    quinzi baldi e napolitano non ci si puo’ esprimrere, entrambi si sono letteralmente schiantati contro il mondo professionistico e devono resettarsi, difficile giudicare

  4. Monet

    se il futuro si tinge d’azzurro quando uno a 21 anni è 350 del mondo chissà come si potrebbe tingere fosse 120 0 giu di li…..il fatto è che siamo indietro altro che palle,e di gente su cui puntare pesantemente ne vedo molta poca i giro……………………..

  5. ramirez

    ovviamente siamo mediamente ‘scarsi’ (visto anche che siamo una nazione da G7 o G8)
    purtroppo le belle prestazioni delle 4 di Fed Cup hanno distolto l’attenzione (di chi capisce poco
    di tennis, ovvio) dal movimento tennistico italiano in generale.
    Continuo a battere sul chiodo (vuoi vedere che qlcn comincia a capire..) siccome i nostri giocano
    esattamente come gli altri (stesse impugnature, stesse aperture stessi swing, stesse posizioni
    delle gambe, stessi servizi ecc ecc) dove diavolo può stare la differenza SE NON ALTROVE ?????????
    E di quell’altrove chi se ne occupa ? temo nessuno..

  6. cataflic

    Sugli under non mi esprimo, però oltre al lavoro di perfezionamento di Napolitano e a Donati che è un passo avanti(e adesso dovrà riuscire a svoltare anche a livello atp), mi pare che Baldi si sia perso per strada, e GQ rimanga incatenato in una melma da cui non riesce ad uscire.
    Nella schiera dei “ritardatari possibili” io lascerei ancora Travaglia che tecnicamente ha un livello diverso dagli altri.

  7. Fred Gay

    È vero, Ramirez, che la tecnica la si insegna qui come altrove, ma c’è una vera coscienza dell’insegnamento in Italia? Perchè i vari Quinzi del caso crescono con evidenti (e limitanti) errori d’impostazione tecnica.

  8. ramirez

    Fred
    In Italia abbiamo un certo Pizzorno che di videoanalisi se ne intende. Ci vanno tutti a Torino o va lui
    altrove. Quindi tutti i coach hanno a disposizione strumenti per analizzare i propri allievi.
    I nostri vincono a livello giovanile come mai nonostante i difetti di cui parli ?
    Io ho visto (o letto) di difetti di Nishikori (mi pare al servizio) .beh ma lui è lì. Leggevo su Ubitennis un articolo di Baldisseri (scrive bene secondo me)
    sui difetti di Djokovich nello smash…e Nole è numero 1. Forse qualche difettuccio è ammesso.
    Ma Quinzi non è venuto su alla corte di Bollettieri ? così come là è andata anche la Errani.
    Certo che è strano non siano riusciti ad insegnarle un servizio migliore.
    p.s. per me è SOLO un problema di testa. Cos’ha Fognini in meno di Nadal (almeno il Nadal di oggi) ?
    secondo me Rafa è più continuo difficile sbagli nei punti che contano. Fabio sbaglia quà e là.
    E’ imprevedibile. Prendiamo Dustin Brown. Gioca un tennis esente da difetti ? direi di no.
    Eppure quando è illuminato nasconde la palla a tutti, Federer compreso.
    Le vie del tennis sono infinite ma la continuità (consistenza per gli anglofoni) paga molto.

  9. Fred Gay

    Fognini ha dimostrato di essere capace di giocarsela anche con Djokovic ad IW (uno dei suoi migliori match) e, certamente, tiene il livello di questo Nadal. Però Fognini è anche quello del match con Andujar a Barcelona dove non si piega sulle gambe ed i winners si trasformano in unforced.
    Lo stesso Bolelli è tecnicamente limitato (perchè anche il footwork è tecnica), la testa conta nella misura in cui la utilizzi per leggere i momenti del match, o per decidere quale opzione tattica sia la migliore.

    Nishikori ha si un difetto nel servizio (nell’utilizzo della spalla destra), Djokovic lo ha nello smash, Quinzi, invece, ha difetti grossi (su tutti l’apertura del dritto ultra-tardiva) e questo un junior te lo concede, ma quando i colpi cominciano ad avere un significato maggiore (livello Challenger), non c’è modo di mascherare questo limite. E già Piatti (con cui lavora Pizzorno) aveva espresso queste considerazioni negli anni da junior, aggiungendo che avrebbe dovuto dimenticarsi dei trofei per un po’. Lo stesso Moroni (top junior italiano) mi pare abbia qualche lacuna di impostazione.

    P.S.
    Brown è meraviglioso, però attua l’esatto opposto del tennis percentuale, e, purtroppo, un tennis talvolta scriteriato come quello del tedesco non ti dà alcun margine nel tennis moderno.

  10. cataflic

    Prendete uno come Coric….18 anni, un fisico ancora da rinforzare, senza colpi che spaccano come altri suoi coetanei, un servizio buono ma non certo un aceman, vince di consistenza….lui è lì….quando serve ti ributta di là una palla in più, quando serve, ti fa capire che lui non te la regala, sta lì tutto il tempo necessario, se accorci ti mette pressione e sbaglia veramente poco…..per la cronaca é già nei primi 40.
    Questo è il tennis che paga oggi e sia Nole che Rafa che Andy, a livelli stratosferici, ne sono un esempio.
    Fondamentali solidissimi, servizio almeno buono e comunque con il quid di concentrare le prime nei momenti giusti, resistenza indistruttibile, grande costanza di rendimento, a rete, quel che basta per battezzare chiusure già fatte per 3/4 , grande capacità di progressione ….
    L’unica alternativa praticabile è quella degli aceman, che comunque rimangono mediamente indietro.
    Oggi anche se hai un dritto che fa luce, ma il rovescio non è all’altezza, scali già 20/30 posizioni, se non hai il servizio, idem.
    Paradossalmente premia di piu essere un anonimo e bilanciato mestierante bello tosto e resistente che essere dotato di un solo colpo di qualità assoluta.
    Se vogliamo guardare in casa parliamo di Bolelli e di Seppi.

  11. Fred Gay

    Seppi e Bolelli non li accomunerei. Seppi ha un servizio (in kick) lacunoso, ma, per me, è un gran gran giocatore, capace di tenere il livello di gioco anche dei Djokovice dei Nadal. Bolelli è bum bum, però sei sei lento sul primo passo, lento ad aprire, e lacunoso nelle letture, per me non vali i Top 20. Bolelli rende esclusivamente quando pianta i piedi per terra.

  12. Paoloz

    qualcuno sa che fine ha fatto S. Ramazotti? Arrivati anche per lui i soliti problemi fisici che affliggono molte delle nostre promesse o ci sono atri motivi? ci prova ancora?

  13. Alessandro Nizegorodcew

    @Paoloz
    Mi informo ma un mese fa ha giocato e fatto finale in un G2 serbo…

  14. bernie

    Sta giocando. E’ passato al CTP di Foligno dove affiancherà, con la collaborazione del suo maestro, negli allenamenti alcuni professionisti come Fabbiano Vanni ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *