Come scegliere la racchetta adatta a te

di - 22 Gennaio 2019

Che tu sia un giocatore esperto o un neofita del tennis la scelta della racchetta è un passo fondamentale. Questa rapida guida ti aiuterà a scegliere la racchetta da tennis che meglio si adatta al tuo livello e alle tue caratteristiche di gioco.

ALCUNI CONSIGLI PRELIMINARI

Spesso il giudizio delle riviste di settore è eccessivamente generico e non si adatta alle peculiarità individuali e al livello del giocatore. Questa breve guida ti permetterà di riconoscere le caratteristiche tecniche del telaio, in modo da capire quale fa al caso tuo.

Ecco alcune nozioni basilari:

  • Più un telaio è pesante e rigido più genera potenza.
  • Un telaio più pesante produce meno vibrazioni.
  • Un telaio più pesante e più rigido ha uno sweetspot più ampio e consente una risposta più uniforme.
  • Un telaio più flessibile trasmette meno shock al braccio.
  • Più un piatto corde è grande più genera potenza e meglio resiste alla torsione.
  • Un piatto corde più grande ha meno rigidezza e uno sweetspot più ampio.
  • A parità di swing un telaio più lungo genera più potenza e maggiore spin ma è meno maneggevole. 

CARATTERISTICHE TECNICHE DELLA RACCHETTA

Il peso è una caratteristica fondamentale nella scelta della racchetta da tennis. In generale un giocatore adulto dovrebbe valutare una racchetta con un peso che va dai 290 ai 315g, senza considerare il peso delle corde e di eventuali accessori (overgrip, antivibrazione, ecc…).

Giocatori non agonisti o alle prime armi, giocatrici saltuarie e giovani dilettanti sotto i 15 anni dovrebbero invece prendere in considerazione telai più leggeri.

Un altro elemento da prendere in considerazione è il bilanciamento del telaio: in linee generali, per rendere maneggevole la racchetta, con l’aumentare del peso il bilanciamento del telaio si sposta verso il manico (fatta eccezione per alcuni modelli Wilson).

Per giocatori professionisti, o comunque dotati di buona tecnica, solitamente è indicato un telaio con un bilanciamento 30cm-31.5cm spostato verso il manico. Questa proporzione, se abbinata a un peso consistente e alla capacità di generare spinta, consente al giocatore di mantenere un buon controllo e al contempo di ottenere un’ottima potenza.

Altra scelta fondamentale è la dimensione del piatto corde. Anche questa decisione dovrebbe essere messa in relazione con il livello e lo stile di gioco del tennista:

Per un principiante è importante utilizzare un piatto di dimensioni elevate. Un piatto corde da 102in2 a 120in2 avrà un utilizzo più semplice e genererà una potenza di rotazione superiore sulla palla.

Per un buon giocatore o un agonista la dimensione ideale dovrebbe essere dai 95in2 ai 100in2 in modo da poter ottenere maneggevolezza, stabilità e precisione nelle traiettorie.

Le tipologie di schema corde:

  • Lo schema corde 16×19 è un classico schema aperto, adatto a tutti i livelli di gioco. Permette di avere potenza, facilità di generare rotazione sulla palla, ottima sensibilità e buon controllo.
  • Lo schema 18×20 è uno schema più fitto che consente una maggiore precisione sulle traiettorie. 
  • Se il tuo obiettivo è la ricerca di spin dovrai puntare a uno schema corde più aperto: un 16×18 o un 16×16. Tuttavia, questa soluzione comporterà una perdita di controllo, soprattutto nei colpi privi di rotazione.

LUNGHEZZA DEL TELAIO E DEL MANICO

La lunghezza del telaio influenza la copertura del campo, la potenza e lo spin. La maggior parte dei telai in commercio oggi misura 27 pollici (68,58cm). Una lunghezza maggiore (versioni plus + dei vari modelli) vi permetterà di ottenere una maggiore copertura, potenza e un maggior spin, ma potrebbe rallentare il gesto tecnico. 

Infine, prendiamo in considerazione la misura del manico: un giocatore dovrebbe scegliere un manico abbastanza grande da essere comodo e garantire stabilità all’impatto.

Se non siete sicuri della misura adatta a voi potete effettuare una semplice prova pratica. Impugnate la racchetta e infilate il dito indice dell’altra mano nello spazio tra la punta delle dita ed il palmo della mano che impugna il manico: l’indice deve entrare di misura. Se la punta delle dita è troppo vicina o tocca il palmo, allora dovrete scegliere una misura superiore; viceversa se c’è troppo spazio dovrete scendere di una misura.

Ricordate inoltre che esistono alcuni strumenti (come l’overgrip) che permettono di ingrandire le dimensioni del manico. Adesso siete pronti per scegliere la vostra racchetta. In caso di ulteriori dubbi non esitate a contattarci per ricevere informazioni personalizzate!

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *