In Val Gardena le prime di Sinner e Dambrosi

di - 20 Agosto 2018
Giacomo Dambrosi (sinistra) e Jannik Sinner (destra) con Andrea Volpini, il coach del team Piatti

In anticipo rispetto a tutti i migliori giocatori italiani del presente, e anche a tantissimi dei nostri big del passato. Un paragone che serve a far capire la portata della finale colta da Jannik Sinner nell’Itf Futures da 15 mila dollari di montepremi di Santa Cristina in Val Gardena, in quell’Alto Adige che il giovane di Sesto ha lasciato ad appena 13 anni, per trasferirsi a Bordighera sotto la guida del team di Riccardo Piatti. Una mossa coraggiosa che sta dando i suoi frutti, tanto che le cure del Piatti Tennis Center hanno reso il giovane dai capelli rossi una speranza concreta del movimento tricolore, capace di bruciare le tappe e giocare la sua prima finale fra i “pro” a 17 anni festeggiati solo da un paio di giorni. Un risultato di spessore conquistato proprio sulle Dolomiti, dove Sinner è nato e cresciuto, ed è tornato per la prima volta da professionista, a caccia di risultati, conferme e di qualche punto per migliorare la sua classifica Atp. Un compito riuscito alla grande, perché il giovane accompagnato da coach Andrea Volpini ha inanellato una serie di quattro vittorie che gli hanno regalato la finale, battendo Gianluca Acquaroli, Lorenzo Frigerio, Joy Vigani e Alessandro Ceppellini. E pazienza se il duello decisivo contro il tedesco Peter Heller ha premiato la maggiore esperienza di quest’ultimo (a segno per 6-1 6-3), perché il bilancio della settimana di Sinner resta da ricordare, come presto sottolineerà anche il ranking mondiale. L’altoatesino è già l’under 18 italiano con più punti Atp, e il prossimo lunedì diventerà il primo fra gli azzurri nati nel nuovo millennio ad abbattere il muro dei primi 1.000 del mondo.

Come se non bastasse, a rendere ancora più dolce l’esperienza di Sinner a Santa Cristina è arrivato il titolo in doppio, in coppia col coetaneo Giacomo Dambrosi, triestino che ha scelto di trasferirsi a Bordighera lo scorso luglio, diventando suo compagno d’allenamenti. Gli è bastato poco più di un mese per prendersi una soddisfazione importantissima, che fa da regalo di compleanno per i 17 anni di entrambi, visto che Sinner li ha compiuti giovedì 16 agosto, mentre il friulano li festeggia oggi. I due avevano mostrato una buona intesa già la settimana precedente a Cornaiano, arrivando ai quarti di finale, e al Tennis Club S. Cristina sono risultati imbattibili, spuntandola per 6-2 7-6 nella finale contro Nicolò Turchetti e il francese Maxime Mora. Il trionfo in Val Gardena rappresenta il primo titolo fra i “pro” dei due ragazzi classe 2001 del Piatti Tennis Center, che entrano nell’elenco dei più giovani vincitori dell’anno a livello Itf. Un traguardo che oltre a certificare la qualità del lavoro svolto ogni giorno a Bordighera stimola il gruppo a impegnarsi con ancora più entusiasmo. La priorità resta la formazione dei giocatori, indipendentemente dai risultati, ma le vittorie non possono che far piacere.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *