Taylor Dent: “Il serve and volley non è morto”

dent interno

di Daniele Sforza

Ultimamente si assiste a volte a lamentele da parte degli appassionati per le finali tra Nadal e Djokovic, in cui è il gioco da fondocampo a farla da padrone. Se c’è un giocatore che invece faceva divertire il pubblico, per il suo stile inconfondibile, e faceva riflettere un po’ per la sua storia, questo era l’americano Taylor Dent, nato a Newport Beach nel 1981 e ritiratosi nel 2010 a causa degli infiniti problemi fisici (per un periodo è praticamente rimasto fermo a letto 23 ore su 24) che lo hanno fermato nel momento migliore della sua carriera (numero 21 nel 2005), frenandone le aspirazioni.

Nonostante i vari infortuni, la passione per il tennis di Taylor è insuperabile, tanto che, annunciato il ritiro, il giocatore statunitense ha creato un’accademia ed è direttore con suo padre e sua moglie (Jennifer Hopkins, ex top 52 del ranking Wta) nella Dent Tennis Academy, a Newport Beach CA. Lo abbiamo sentito a riguardo di diversi argomenti, passando dalla situazione del tennis americano alla sua passione per la politica.

Il momento del tennis americano non è dei migliori, con il solo Isner a provare a dare qualche risultato di importanza a questa immensa nazione, in attesa di giovani promesse quali per esempio Donaldson, Mmoh e Kozlov.“Molti dei giovani junior hanno un buon potenziale. Detto questo però bisogna dire che la strada è lunga per arrivare da dove sono ora a diventare dei contendenti per uno Slam. È difficile dire chi abbia un maggiore potenziale perché hanno tutti differenti qualità” .

Spesso molti stranieri si spostano nel grande universo delle accademie americane. “Penso che gli Stati Uniti siano un luogo che attrae i giocatori stranieri per la qualità della vita e per l’ammontare di coach di livello mondiale che abbiamo qui” .

Spiegare la mancanza di tennisti statunitensi ad alti livelli non è semplice. “Penso che in questo momento ci siano molti più Americani che giocano a tennis, rispetto a prima. La maggior parte degli americani non è mai stata ad alti livelli sulla terra mentre in questo momento c’è più un gioco da terra su tutte le superfici. Ecco il motivo per cui si ha difficoltà… Il tennis è cambiato durante l’ultima decade e, come americani, dobbiamo capire cosa serve per avere più successo ai livelli più alti” .

Taylor Dent, come anticipato prima, ha creato un’accademia con suo padre. “Il metodo di allenamento che io e mio padre usiamo è basato su cosa fanno i migliori. È un tennis aggressivo dalla linea di fondo con molto movimento e agilità in campo e ovviamente un buon servizio. È difficile dire la prima cosa che noti in un giovane giocatore. Ognuno ha abilità uniche e sei tu che devi capire se queste caratteristiche possono essere utili per arrivare ai livelli più alti” .

Chiunque non abbia visto il suo match con Navarro agli Us Open, dovrebbe. “Il match contro Navarro sembra essere qualcosa di memorabile perché sembra essere l’unico che interessi, e tutte le persone lo citano quando parlano con me” .

Alla domanda se il serve and volley sia morto, Taylor afferma: “È difficile dire che il serve and volley sia morto. Sicuramente il fatto che tennisti come Isner, Anderson, Raonic e Karlovic continuino a usarlo significa che non sia ancora scomparso” .

Una delle passioni di Dent è la politica. “La politica è per me ancora una passione, leggo e ascolto le opinioni e le news giornalmente. Essere presidente è probabilmente uno dei più difficili lavori sulla faccia della terra. Sono sicuro che nessuno persona negli Usa avrebbe fatto ogni singola cosa nel modo in cui Obama l’ha fatta, ma ogni cosa che lui ha fatto, bene o male, l’ha fatta per darci l’esperienza per prendere decisioni intelligenti in futuro” .

Nel caso in cui fosse eletto, Taylor ha risposto scherzosamente: “Se fossi eletto, non penso che mi sarei eletto a riguardo del programma sportivo (risata). Non sono sicuro che i miei elettori vorrebbero che io spenda molte energie nel migliorare il mondo dello sport quando ci sono così tanti settori che hanno bisogno di attenzione” .