ITF Under 18: Torelli regina a Kramfors

di - 19 Marzo 2013

di Giacomo Bertolini

Protagonisti ITF: BEATRICE TORELLI, GIOVANE REGINA A KRAMFORS

Torna a regalarci il “dietro le quinte” dei tornei ITF under 18 la giovane promessa azzurra Beatrice Torelli, sassolese classe 1997 reduce da una settimana perfetta sulla terra del torneo svedese di Kramfors, Under 18 Grade 4.

Partita dalle qualificazioni e arrivata spedita sino al titolo senza perdere neppure un set, Beatrice si conferma una delle frecce di punta della nutrita e convincente pattuglia italiana, da diverse settimane al top negli appuntamenti del circuito giovanile.

Ecco il racconto a Spazio Tennis della sua incursione vincente in Svezia:
“Ho vinto il torneo under 18 di Kramfors partendo dalle qualificazioni e una volta superati i tre turni obbligatori ho sconfitto nell’ordine la svedese Ghannadan, la quinta favorita Knezevic, Bianca Turati ai quarti, la russa Semashko in semi e Verena Hofer in finale (punteggio 61 64). Eravamo in un paesino sperduto nel centro della Svezia con una temperatura che andava dai – 20 ai -25 gradi e anche se nevicava spesso noi speravamo sempre che continuasse a farlo perché voleva dire che la temperatura si stava alzando e che saremo stati meglio. Tutte le mattine dovevamo fare dieci minuti a piedi sul ghiaccio per andare al circolo perché non c’era la trasportation mentre per quanto riguarda i campi erano quattro in totale, tutti su terra rossa al coperto. Il problema era che si poteva stare solo sul primo campo per vedere le partite quindi quando giocavamo negli ultimi i maestri non riuscivano a seguire bene il nostro match e di conseguenza dovevamo cavarcela da soli. Avevamo un sacco di tempi morti durante i quali non sapevamo cosa fare ma per fortuna eravamo un bel gruppo e ci siamo divertiti tutti insieme. In conclusione vorrei fare di nuovo un ringraziamento alla Federazione che ci ha permesso di disputare questi tornei e soprattutto alla nostra accompagnatrice in Svezia Antonella Serra Zanetti!”.

© riproduzione riservata

114 commenti

  1. rikys

    Sono spudoratamente di parte, ma indubbiamente ha fatto un bel torneo, peraltro su una superfice con cui spesso ci litiga. Vediamo cosa riesce a combinare nei prossimi e certamente più impegnativi appuntamenti. Piccolo mattoncino, speriamo, di una futura costruzione.

  2. atti

    Complimenti e avanti così.

    E’ fondamentale avere qualcuno “spudoratamente di parte” …!

  3. pulsatilla

    Compimenti vivissimi.
    Comunque al di là del risultato, queste sono esperienze che le ragazze non dimenticheranno mai e che saranno determinanti anche per la costruzione della personalità.

  4. Giorgio il mitico

    x Giacomo Bertolini

    mi perdoni, non voglio fare il bastian contrario e neppure recitare il ruolo di chi sottovaluta l’importanza di una vittoria in un torneo, però ricordo che si è trattato di un G4 e credo sia bene stare con i piedi per terra.

  5. bogar67

    Quanto è costata alla FIT questa trasferta?! un grade 4 itf junior in Svezia vale più di un open in Val Camonica? Sono essenziali questi tornei per la crescita di uno Junior?
    Scusate se sembro polemico, da ieri mi hanno ufficializzato che ho una figlia pippa 🙂 per cui da oggi sono qui a buttare pure io veleno sulla Federazione 🙂 🙂 ma con nome e cognome 🙂 🙂

  6. Alessandro Nizegorodcew

    @bogar67
    Prima critichiamo perché non spesano alcuna trasferta e poi perché le spesano. Fate pace col cervello 🙂

  7. bogar67

    No che centra, sta a vedere cosa spesi e perchè spesi! Come scrive Giorgio il mitico ricordo che si è trattato di un G4 e credo sia bene stare con i piedi per terra. Nulla avrei scritto se era la spesa per andare a fare uno slam junior, sempre che non li avrebbero fatti viaggiare in business! 🙂 🙂 Ben venga che la FIT aiuti, sia chi sta a Tirrenia che fuori ed in generale chi sia veramente valido!

  8. Nikolik

    Ma che discorsi sono sempre questi dei soldi?
    Invece di fare i complimenti alle nostre ragazze che si stanno affermando, sempre questi discorsi tra voi genitori sui soldi, ma senti che discorsi.

    Questo era solo un G4 ma le nostre sono anche tutte ragazze del 97 o del 98 e ricordo che in teoria questo torneo lo potevano giocare le 95.

    Certo che è utile, perché le nostre ora hanno tutte una classifica e potranno entrare tutte almeno nelle qualificazioni dei successivi tornei, liberando quindi Wild card che potranno essere assegnate ad altre, tanto per dirne una.

    Senza tralasciare l’importanza dell’esperienza umana e sportiva, giocare in posti disagevoli, fare squadra con gli altri, capire la dinamica della vittoria e della sconfitta, ecc. Ecc.

    Certo che veramente tra voi Genitori la sportività è un optional.
    Sempre a guardare quello che viene dato agli altri.
    Sempre questo concetto strisciante, secondo il quale chi vince non è perché è più forte, no, mai, sempre solo perché è aiutato, perché è raccomandato…
    Riconoscimento dei meriti degli altri, mai, mi raccomando.

    Per fortuna che il tennis è uno sport e contano i risultati.

    E un minimo di sportività, per favore.

  9. atti

    Nikolik…. che film hai visto !
    Anche in questo articolo, almeno 5 genitori sportivamente e giustamente si sono complimentati….

    E per fortuna che le statistiche erano il tuo pezzo forte .. 🙂

  10. Nikolik

    Ma come che film, ma non leggi questi commenti che tendono a sminuire i successi nei G4, come se fosse facile vincere questi tornei da parte di ragazze che possono ancora fare i Te under 16, e tutti questi discorsi sui soldi?

  11. andrew again

    complimenti alla Beatrice e alla FIT che, se non altro, restituisce le paccate di soldi che i genitori spendono e fa giocare con altri giocatori.

    poi, se vogliamo ben guardare, per temprare le giocatrici sarebbe stato necessario portarle precedentemente a giocare in climi equatoriali per trasferirle celermente in climi nordici. Altrimenti non funziona…

  12. Roby

    I nsotri ragazzi inziano a vincere a tutti i livelli… si vede che il lavoro della FIT inizia a dare i suoi frutti.
    Per l’oppurtunitaà di portare degli atleti ad un G4 penso che sia giusto perché poi se non hanno i punti necessari come entrano in quelli di grado superiore?

  13. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Guardate, io volutamente mi sto astenendo dal commentare proprio per non sminuire un successo che cmq non è mai facile ottenere e fatto tra l’altro da una ragazza che le potenzialità le avrebbe per davvero, ma appena la condicio sine qua sarò operativa non mi sottrarrò al farlo in modo prolisso e dettagliato 🙂 e sarà proprio uno dei primi articoli, però una piccola anticipazione la voglio dare..

    Nikolik e Pulsatilla:

    Ma andate a cagare va!!

  14. Nikolik

    Scusami, eh, Madmax, ma qua non si sta parlando della FIT, qua si stava parlando di soldi e dello sminuire successi in un G4.

    Se tu hai problemi con la FIT, mi dispiace molto, ma allora?
    Che c’entra con gli altri, scusa.
    Lascia che gli altri facciano come gli pare.
    Se gli altri ritengono meglio fare così, tu che hai da dire agli altri?
    Vuoi insegnare loro qualcosa?
    C’era questa opportunità di fare questi tornei, perché non farli, scusa?
    È comunque un arricchimento.

    Tu fai pure le tue battaglie contro la FIT, se gli altri trovano delle opportunità che ritengono di sfruttare, che problemi hai?

  15. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Nikolik, premesso che io non ho nessun problema con nessuno (per ora :)), poi si parlerà anche di soldi, di oppurtunità, di programmi e di… sfruttare…

    Commento al tuo post??

    Nikolik ma va a ricagare va… 🙂

  16. Nikolik

    Poi che vuoi dire con “le potenzialità le avrebbe”?
    Se dici che le potenzialità le avrebbe, intendi chiaramente dire che le potenzialità non le ha, che le avrebbe se, le avrebbe piuttosto che, le avrebbe ma, ma non le ha.

    E ti sembrano scusa discorsi da fare, mettere i se, i ma, a una che a 16 anni ha appena vinto un torneo?
    Cioè, se devi fare un intervento, devi farlo per forza per instillare un dubbio, per dire un se, un ma…
    Complimenti agli altri mai, eh.
    Vedo che tra voi Genitori andate proprio molto d’accordo, capita, lo vedo…

  17. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Ah..e per l’appunto non si parlava di Fit… oggi.. 😉

  18. Nikolik

    Sì, ma ho capito, certo, se questa faccenda è una necessità per dare una tribuna a te, faccia pure, Alessandro.

    Fate pure, voglio proprio vedere cosa ti diranno gli altri Genitori.

  19. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Guardi tu qui caschi proprio male e non riuscirai di certo a mettgere contro me e Riccardo (il papà della Bea) che sa benissimo quanto stimi sua figlia e conosce benissimo come la penso perciò… E se preferisci ti dico che le potenzialità le ha e le aveva anche prima della Svezia e le avrebbe avute anche senza andarci…

  20. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Vetrina a me?? Io mica parlerò di me o di mia figlia.. ahaha Il bello sta proprio in questo…

  21. Nikolik

    No, io non metto proprio nessuno contro, leggo e basta, e leggo i tuoi interventi per come sono scritti e basta.
    Poi se ora ti sei accorto che hai scritto un’inesattezza, e perché te ne ho fatto accorgere io, è un altro discorso.

  22. Nikolik

    Non ho capito perché si devono fare questi discorsi quando ci sono delle ragazze che sono andate in Svezia e si sono ben comportate.

    Se ogni tanto non si facessero sempre i soliti distinguo e si dicesse semplicemente: oh, brave, chissenefrega chi ha pagato, è comunque un progresso, senza se e senza ma, ecco, non è che sarebbe male, eh.

  23. Nikolik la tua frustrazione ti porta ad accomunare tutti i genitori,per poter sostenere le tue tesi accusi tutti generalizzando,così poi quando gli altri genitori ti danno contro ti puoi sentire paladino di qualcosa.
    Le affermazioni le fanno dei nikname precisi discuti nel merito con loro se sei in grado.
    La federazione secondo me sa cercando di fare bene,il problema è il merito e la coerenza.
    Poco tempo fa su federtennis c’è stato un articolo dove teoricamente è stato esposto il pogetto di crescita per i nuovi tennisti,l’elenco era buono,anche se secondo me mancante di un’altro 50%.
    Però se si tengono buoni quei parametri,i criteri di valutazione non possono essere i risultati,ma un progetto di personalizzazione comune,con il rispetto di crescita personale senza pressioni.

  24. Nikolik

    Ma quale frustrazione, ma per favore, ma che discorsi sono, io sono la persona più priva di interessi di questo mondo e solo un appassionato di tenns.

    E mi rattristo a leggere questi discorsi quando una ragazze delle nostre vince un torneo, a me hanno insegnato, scusate, che i risultati del campo si rispettano sempre e non si fanno discorsi, non si fanno se non si fanno ma.

    Poi, per carità, se a voi questi discorsi piacciono, fate pure.
    Se è questo l’ambiente che vi piace, prego, accomodatevi.

    Tanto sono figliole vostre, prima o poi anche la vostra figliola vincerà qualcosa e saranno gli altri a mettere i se e i ma sulle sue vittorie.
    È solo un turno che gira.
    Se sta bene a voi, fate pure.

    Se per voi è tutto normale e questi discorsi son normali, prego, abbracciatevi pure tra voi.

    Evviva i risultati, evviva chi merita di vincere un torneo, e gli altri che non hanno partecipato o hanno perso si congratulino e zitti.
    Chi ha qualcosa da dire lo faccia sul campo con la racchetta.
    Solo i risultati parlano.
    Questo è lo sport che mi hanno insegnato.
    Il resto son tutte recriminazioni di chi non ha partecipato o di chi ha perso.

  25. rikys

    Nel fare pubblicamente i complimenti per un bel torneo giocato mai e poi mai mi sarei aspettato di leggere tanti commenti adminchiam. Scusate ho sbagliato non lo farò più. Ringrazio cmq atti, maurizio, giogas e tutti gli altri per le belle parole d’incoraggiamento. A questo punto però visto il caos scatenato vorrei anche dire che molti hanno scritto anche emerite caxxxe, in quanto parlano e non sanno come la FIT ha gestito questi tornei. Vi consiglio pertanto di informarvi meglio e poi magari scrivere cose esatte altrimenti fate la figura dei polli. Ah… se per caso ancora qualcuno qui non conoscesse il mio nome mi firmo anche, così anticipo l’eventuale registrazione. Riccardo Torelli.

  26. Nikolik,come al solito,chi condivide cosa,un solo nikname ha ridimensionato,l’altro nik ha solo chiesto in merito di soldi tutti gli altri genitori hanno solo fatto i complimenti,io non conosco la Torelli e gli faccio i complimenti per la vittoria a prescindere da quello che non conosco,Rikys pero non ti far tirar dentro da Nikolik,se il tuo percorso è buono e arrivano anche dei buoni risultati io come genitore del blog faccio iltifo per te e per tua figlia così come penso la magior parte dei genitori del blog e ripeto non ti far tirar dentro da Nikolik che è quì solo per divertirsi,visto che per sua ammissine non sarebbe in grado neanche di provarci.

  27. atti

    Per me vincere un ITF U18 a 16 anni, è sempre una gran bella iniezione di fiducia, fra l’altro battendo in finale la Hofer che da inizio anno è sicuramente fra le under piu’ in forma a livello U16 europeo.

    Una tappa du avvcinamento ben superata…e quindi brava!

    Mi interessa poco, sia chi l’ha accompagnata e sia chi ha pagato la trasferta.

    Poi certo, obbiettivamente (ma questo lo sa per primo anche Rickys) se ci guardiamo in giro fra le 97, La Vekic e la Bencic (tanto per fare 2 nomi) stanno giocando le quali a Miami….

    Ma la full immersion tennsitica di queste 2 ha pochi riscontri fra le nostre coetanee…imparagonabile.

    Con queste premesse, vincere un ITF U18 a 16 anni è un ottimo risultato .

    E’ piu’ chiaro così Nikolik ?

  28. Per me i risultati in un percorso personalizzato sono la naturale conseguenza in una giusta programmazione,se uno non vince mai c’è qualcosa di sbagliato.
    I tornei sono una verifica del lavoro svolto,le percentuali di difficoltà servono per questo,nel 25% dei tornei sotto livello è chiaro che si deve vincere verificando il lavoro,nel 50% di pari livello si puo vincere o perdere nel 25% sopra fate voi sempre pero facendo il propio compito,questo secondo me si fa in fase di costruzione,poi quando il giocatore è completo può anche tirarmela di qua anche con il manico basta che ritorni.

  29. rikys

    @nicoxia

    No stavolta Nikolik non c’entra proprio e figurati se mi faccio tirare dentro a situazioni che non mi interessano minimamente. Anch’io non ti conosco e di conseguenza non conosco tuo figlio/a ma da genitore di una ragazzina che sta provando a mettere insieme qualcosa sarò felice di leggere risultati positivi di tuo figlio e di tutti gli altri del blog e non, conoscendo perfettamente i sacrifici che ognuno di noi deve affrontare ( specialmente in un periodo come questo ) La cosa però che mi fa maggiormente girare le p…..e sono i commenti per sentito dire e per di più inesatti. La FIT ha fatto un programma per alcuni ragazzi, ma non ci ha puntato la pistola alla tempia, non ci ha messo delle condizioni che se non rispettate ne precludevano altre. Io ho ritenuto opportuno aderire ma allo stesso tempo ero libero di fare altro, e poi torno a ripetere informatevi prima di parlare a caso perchè le cose riportate da alcuni qui sono completamente errate.

  30. Atti,la vittoria è sempre positiva,per poterla valutare bisogna avere tutti i dati,Rikys sicuramente li ha e li avrà valutati ma mi posso fidare solo di lui che ne è a conoscenza e di nessun’altro che non ha dati e che giudica soltanto per sentito dire o per ipotesi.

  31. Rikys,eravamo in simbiosi di pensiero,però stai nuovamente generalizzando,uno solo,chiedi a lui potrebbe nascere una discussione interessante.

  32. atti

    Ragazzi,
    D’altro canto ricordo che 5-6 anni fa quando vedevamo i team federali francesi girare per i tornei ETA accompagnandone 7-8 a torneo, si diceva…ecco perché non lo facciamo anche noi ?

    ora che si fa si discute sulla meritocrazia.
    E ovviamente ognuno avrebbe da obbiettare……

    La stessa federazione non puo’ che guardare al lato tecnico e dei risultati, complicatissimo addentrarsi in ambito caratteriale e motivazionale .

    Le convocazioni sono rivolte chiaramente a quelli che ottengono maggiori risultati, laddove se a 10-12 anni si guarda ancora alla futuribilità sui generis, a 15-16 inevitabilmente e giustamente il primo paletto per essere convocati, devono essere i…risultati ! e cosa se no ?

    Semmai c’è da stabilire se tutto questo abbia un senso in funzione dell’obbiettivo finale….
    e/o dove e come si possa migliorare …
    E quì molto c’è da dire…….

    Mentre è fuori discussione che vincere un torneo internazionale è SEMPRE meritevole di plauso.
    Nonchè una grande iniezione di fiducia. punto !

  33. rikys

    @nicoxia

    Evito con cura di chiedere a “lui”. Io di solito se apro la bocca o scrivo, parlo di cose reali e che conosco per certo, figurati se mi metto a far cagnara sul blog con uno che ha “sentito dire o crede che…..”. E che discussione interessante vuoi che ne esca? Siamo a posto così.

  34. rikys

    Ti dico anche come andrà a finire, il prossimo torneo in cui mia figlia uscirà al primo turno di quali saremo ancora qui a strapparci le vesti imprecando e maledicendo il fatto di come si possano buttare quattrini per una negata del genere.

  35. gliangeliindossanod&g

    Giorgio il mitico mi invitava a commentare senza restare sull’astratto e, ora che c’è un articolo specifico, posso farlo (a proposito, grazie Alessandro per avermi difeso! PS. nella mia nuova mail ti ho scritto altre cose sulla questione della registrazione).
    Il post n. 8 di Giorgio il mitico, invero, mi convince abbastanza (ma con una precisazione, io voglio fare un discorso generale sul tennis, con alcune richieste agli addetti ai lavori, e non criticare le giocatrici qui citate, che non conosco, e sui cui non mi permetto di dire nulla e che magari sono destinate a diventare le future giocatrici italiani più forti).
    Quello che io (che non sono un tecnico ma un sempliece medio appassionato) sosterrei è che i risultati dei tornei junior contano poco e che si devono guardare invece quelli nei futures (o nei corrispondenti, nella wta, dei futures, che mi pare siano i 10.000). Ad esempio, se anche un giocatore italiano vincesse uno Slam junior, non mi esalterei per nulla, anzi (abbiamo molti italiani vincitori di slam che poi non hanno certo bissato questi risultati a livello pro ed anche gli stranieri che si sono concentrati sugli junior anzichè sui pro non è che brillino tutti). Piuttosto gli direi di dimostrare di saper vincere future e challenger!
    E, piuttosto di fare vari G4, se uno vuole un domani sfondare tra i pro e non ha ancora l’età per fare future, non è meglio fare degli Open dove si possono incontrare giocatori più forti, anche a costo di perdere all’inizio ai primi turni? (PS su questo però non voglio riallacciarmi al post n. 9 di bogar, perchè mi pare di capire che lui invece vuole fare una polemica sul come si spendono le risorse della FIT, non essendone beneficiario. Polemica sulla quale non voglio commentare e nella quale spero che Giorgio il mitico non voglia a forza farmi entrare).
    Vorrei chiedere in particolare a questo Marchese del Grillo, se ha tempo di rispondermi, se è quello che scrivo secondo lui è giusto o se sono grosse sciocchezze (perchè, da quello che scrive, a me parrebbe essere un allenatore professionista. Parla di una figlia = forse l’allenatore Sartori che so avere una figlia molto forte? Se mi sbaglio chiedo scusa, sono nuovo e non voglio offendere nessuno).
    Ripeto che voglio fare un discorso generale, e non parlare di queste giocatrci che magari hanno fatto questo torneo per certi motivi tecnici che io non conosco…

  36. bernie

    rifaccio i complimemti a Bea e Verena. Per chi critica: provate voi a vincere il torneo del condominio!

  37. I risultati si possono ottenere non sbagliando,nei vari raduni ai quali ho assistito ho visto le ragazze molto attente e concentrate a non sbagliare,naturalmente perchè si sentivano sotto osservazione e giudicate,per me la conditio sine qua non per la crescita è lo sbaglio,solo attraverso di esso la mente innesca un processo di cresita,questa consapevolezza in allievi giovani è difficile da trovare se non si è fatto un certo tipo di lavoro mentale.
    Ora se io metto al primo posto il risultato è chiaro che l’allievo cercherà di non sbagliare.

  38. Gliangeli,è più importante come si vincono,l’allievo deve riuscire a fare la cosa giusta ,poi, quando i risultati saranno una consegueza della cosa giusta, ci sarà un proseguo giusto e una crescita del giocatore finale.

  39. Bogart,non si può pretendere che qualcuno investa in qualcosa in cui non crede,starà a te dimotrare il contrario,e quando questo avverrà la federazione avrà tutto l’interesse a sponsorizzarti e non ho dubbi che avverrà se tu avrai avuto ragione.

  40. Giacomo Bertolini

    Buongiorno a tutti! Premetto che nel mio pezzo non volevo portare esageratamente in trionfo nessuno, ho solo cercato di dare giusto merito a una ragazza di 15 anni che va a vincere un torneo infilando una serie di 8 partite di cui 5 giocate in tabellone principale senza pardere neppure un set. I risultati da Kramfors parlano chiaro, Beatrice (che ringrazio ancora per la consueta disponibilità) non ha vinto, ha stravinto!.
    Se poi si deve per forza trovare un appiglio per abbruttire questa vittoria e spostare l’attenzione su altro allora è un altro discorso… io personalmente, da appassionato, mi godo questa bellissima vittoria e basta; vittoria che rimane bellissima anche se disputata in un Grade 4.
    Infine volevo precisare che questo genere di pezzo nasce con l’idea di rendere noti i risultati Under ma soprattutto ha l’intento di offrire una visione, anche se parziale, di una realtà, quella TE E Under, distante e non così nota all’appassionato medio.
    E’ proprio di oggi la notizia che il prize money degli US Open sfiorerà nel 2013 i 34 milioni di dollari: il tennis è anche questo, ma non solo questo. E le dichiarazioni di una ragazza come potrebbe essere Beatrice Torelli, secondo me, possono solo che aiutare ad avere una visione globale delle varie declinazioni del tennis, fuori e dentro il campo.

  41. Richys,quelli che criticheranno Bea quando perderà per il gusto cinico e meschino di gioire delle sconfitte altrui,contano come il due di picche con briscola fiori,quello che conta è il vostro percorso al quale io personalmente auguro un gran bene.

  42. Il Marchese Del Grillo alias Madmax

    Ma questo non è un caso di merito, i ragazzi che sono andati in giro sono certamente il meglio che c’è attualmente in circolazione in Italia…

    Vedete il problema è che gli italiani sono un popolo strano, per cui quando non tocca direttamente loro è assolutamente importante capire come gli altri spendono soldi pubblici, quando invece se ne beneficia allora il come non conta più.. 😉

    Politica (proprio di questi giorni) docet…

    Fortunatamente il come e il cosa nella vita conta sempre e perciò sarà sufficiente aspettare…

    P.S. Il blog è morto hahaha

  43. Il Marchese Del Grillo alias Madmax

    Ma perchè c’è qualcuno che conosce Bea e l’ha criticata… Io non credo sia possibile…

    Giacomo Bertolini

    Come Alessandro sa bene per quanto mi riguarda fin da molto prima di questo articolo c’era l’idea di portare a conoscenza della gente alcune cose che non vanno bene e i ragazzi proprio non c’entranmo nulla, anzi… Come ho sempre fatto io informo.. 😉

    Essendo moolto informato e sapendo anche quello che non si dovrebbe sapere..

  44. Alessandro Nizegorodcew

    @Rikys
    Credo che davvero qui si sia tutti contenti per questa bella vittoria e seguiremo tutti con interesse e coinvolgimento la (speriamo) scalata di Beatrice!

  45. rikys

    @Alessandro

    Grazie mille, speriamo veramente che riesca a combinare qualcosa di buono.

  46. carletto

    Il post 17 del grillo è quanto mai indicativo del genitore frustrato: mi astengo dal commentare…sminuire un successo…le potenzialità le avrebbe…questo è un mondo durissimo, pochissimi emergono, tutti gli altri…commentano…

  47. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Ahahaha

    Eccolo…. il motivo della registrazione…. 🙂

    Stai sereno e abbi pazienza che dai primi di aprile ci divertiamo hahaha e andiamoooooooo

  48. clarence

    Dai Marchese del Grillo hai rotto gli zebedei….

    genitore perditempo del blog…..

  49. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Dai pagliacci fino a che non servono le palle vomitate tutto quello che avete in corpo almeno riuscirete a dormire tranquilli e qualcuno farà contento il suo padrone..

    Dopo purtroppo lo sappiamo tutti che ci lascerete, perciò lasciate ora che ne avete ancora l’opportunità il vostro segno di riconoscimento che rimarrà indelebile nel tempo, così che nessuno possa mai dimenticarvi…. e avere il dubbio che era meglio un blog senza registrazione… 🙂

  50. Roby

    Io credo che i tornei junior siano una bella palestra per i ragazzi per prepararsi ai tornei che contano. Anticipare troppo potrebbe incidere negativamente sul morale e sul fisico dei ragazzi. La Torelli ha fatto un grande torneo perché battere le Hofer non è così semplice come si vuole far credere… chiedetelo alla Ferro quando perse nettamente ai campionati italiani. Complimenti e continua così

  51. bogar67

    Salve, stamattina sono andato a lavoro, ho buttato li due riga, non pensavo di suscitare un’altra delle polemiche come ai vecchi tempi.:)
    Considerate una cosa, a volte quando scrivo sul blog, i miei discorsi vanno sui soldi, trattasi di deformazione professionale 🙂 passo tutta la gionata a chiedere a qualcuno, dove hai preso questi soldi, a cosa ti servono e sono sono stati guadagnati in maniera lecita per cui perdonatemi.
    Preciso: la mia era una discussione generale, delle domande cui risposte mi potrebbero essere utili per il futuro visto che la mia bimba ha solo 8 anni. Non conosco ne Riccardo Torelli ne la figlia a cui cmq faccio i complimenti per la vittoria del torneo per cui nulla di personale. Avrei scritto le stesse cose se ci stava qualsiasi altro cognome.

  52. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Vedi Roby la registrazione obbligherà le persone solo a prendersi la responsabilità di quello che uno dice, obbligherà le persone a non poter dire le bugie per screditare le persone altrimenti è evidente che uno se ne assumerà i rischi e soprattutto obbligherà le persone che desiderano interagire e confrontarsi anche non essendo d’accordo con quello che scrivo, a farlo sui contenuti però e non sul nulla….

    Facciamo l’esempio degli ultimi post rivolti a me…

    E questo dopo che negli ultimi mesi gli articoli avevano in media 5 o 10 post…

    In uno sarei frustrato, in un altro sarei il solito genitore che rompe gli zebedei e in altri compreso il tuo sembra che io abbia detto qualcosa di negativo contro la Bea!! hahah

    Ma siamo su Scherzi a Parte??

    Sarei frustrato perchè un’italiana (ora le Bea la settimana scorsa la Hofer) ha vinto a migliaia di km dall’iItalia un torneo dove a parte le italiane c’era gente che fa fatica a valere una terza categoria e dove quindi i genitori hanno partecipato alle spese di un torneo dove dovevano battere delle avversarie (quelle che erano davvero da battere e quindo le altre italiane non quelle del posto) che potevano incontrare (e spesso le hanno incontrate) gratis a Tirrenia o in un Open qualsiasi vicino a casa??

    Rompo gli zebedei perchè dico quello che non dovrei dire??

    E’contro qualche ragazzo/a dire che non non voglio esprimermi fino in fondo appunto per non sminuire la vittoria mai facile in un qualsiasi torneo di chi invece ha o avrebbe (che differenza fa?) le potenzialità?? Sarà forse che le mie considerazioni nulla hanno a che fare con chi ha giocato questi tornei??

  53. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Bravo Bogar, se avessero fatto l’articolo dopo il primo torneo in Svezia dove i vincitori sono stati altri il mio commento sarebbe stato il medesimo… 😉

  54. Alessandro Nizegorodcew

    Max diamo per a Pellegrino ciò che è di Pellegrino. Lui è andato lì e li ha vinti tutti e due 😉 Lui vincitore sempre 🙂 Comunque sono un po’ di punti in cascina per avere qualche chance, in futuro, di saltare qualche qualificazione e quindi fare viaggi meno dispendiosi.. Vediamola sempre così..

  55. Roby

    Questi tornei dovrebbero servire anche per premere dei punti TE ed avere la possibilità di giocare quelli più importanti senza raccomandazioni… quindi sono utili 😉

  56. bogar67

    Ecco vedete io ho chiesto per avere risposte come il post 62.
    Nulla di maligno nel mio intervento!
    In bocca al lupo alla famiglia Torelli!

  57. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Ragazzi non scherziamo per favore…

    O per caso anche voi vivete su Marte come qualcun altro che invece fa finta di viverci??

    Con la crisi che c’è ora entri ovunque, under 18, 10k, dove vuoi, quando vuoi e in quanti vuoi… In Croazia in un grado 1 sono entrati tutti e 22 gli alternates e nelle quali ha giocato gente senza nemmeno un punto.. E si è anche qualificata gente assurda..

    Certo poi non avrebbero potuto scrivere “Non solo Quinzi e Baldi”… 🙂

    E i punti poi per cosa?? Basta andare al supermercato o al pronto soccorso e ve ne danno quanti ne volete, sono quelli che servono per davvero che sono più difficili da prendere.. Ma lì se non sai giocare per davvero non c’è nulla da fare.. 🙂

    E poi dato che di raccomandazioni fanno incetta molto meglio offrirle per dare WC a quelli che seguono loro, qualcuno in MD qualcuno in quali, tanto alla fine l’unica cosa che conta è vincere le partite contro i forti sennò più che propaganda non fai…

    Ma poi senza voler fare i fenomeni, basterebbe ragionare ed essere logici…

    Nessuno di quelli che sono andati in Svezia in Italia vincono ora un Open di quelli veri con i seconda buoni quelli che si allenano ovviamente non con le maestre…

    La Hofer ad esempio (Roby fammi capire dove qualcuno qui avrebbe ipotizzato che sia semplice batterla) ad agosto dell’anno scorso negli open non batteva nemmeno le 2.4 e ha perso anche con delle 2.5..

    Magari non era in forma, ora sarà migliorata fatto sta che anche vicino casa di problemi ne incontra ancora tranquillamente…

    Tra l’altro poi è una questione di coerenza.. Perchè se butti nel cesso i soldi poi non puoi darne pochi agli altri dicendo che non ne hai o addirittura non dandone ad altri più forti (più forti in modo conclamato ovviamente)..

    Anticipo tutti dicendo che non sto assolutamente parlando di fatti personali, io sono tra i pochissimi fortunati….. 😉 Ci mancherebbe… hahaha

  58. Alessandro Nizegorodcew

    @Max
    Dicevo solo che avere i punti per non fare le quali ti può far risparmiare qualche giorno di vitto e alloggio.. Tutto qui…

  59. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Ale se non sei forte non ti serve a nulla anzi..

    Se vai a giocare i Gr4 in Svezia arrivi sicuramente fino in fondo.. e devi spendere…

    Andando in gruppo poi pensa che devi stare li per forza e in più pagare.. tra l’altro quando viaggi in aereo se cambi volo o se prenoti il ritorno il giorno prima costa una cifra..

    Se tu vai in un gr 1 anche se parti dalle quali tanto dopo pochi gg perdi e torni a casa.. E ci vai in macchina quindi quando perdi torni indietro… Se per caso invece sei forte vai in fondo una volta e poi entri….

  60. bogar67

    Il Marchese del Grillo alias Madmax scrive
    Se vai a giocare i Gr4 in Svezia arrivi sicuramente fino in fondo..

    e chi in fondo non ci arriva comunque? può darsi all’ippica? 🙂

  61. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Dipende dall’età ovviamente.. Però generalmente si.. Assolutamente 🙂

  62. Alessandro Nizegorodcew

    Ovvio però ecco magari ad un Pellegrino anche potrebbe aver fatto bene…

  63. Nikolik

    Ma non ho capito cosa te ne frega delle scelte di programmazione dei tornei degli altri.

    Scusa, se gli altri hanno deciso che per le loro figliole era giusto andare in Svezia, a te cosa te ne frega?

    Devono fare tutti come dici tu?

    Tu hai fatto delle scelte di programmazione diverse, loro altre, e allora?
    Ognuno farà i suoi conti e deciderà per il meglio, cosa è meglio per la sua figliola.

    E allora?
    Altri hanno deciso diversamente da te, e allora?

  64. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Si Ale, io come tu sai mi riferisco maggiormente alle ragazze perchè è lì dove conosco di più, dove le differenze tra buone e non sono più marcate e dove le migliori sono competitive molto prima sviluppandosi più presto ed essendo un po’ meno importante la questione forza non essendo illimitata tra le donne…

    Al contrario tra i maschi dove si diventa competitivi un po’ più tardi perchè ci si sviluppa dopo e dove la forza è praticamente tutto è chiaro che può servire anche se ora dopo averne vinti due di fila si deve subito passare oltre…

    Il fatto è questo aggrava ancor più la situazione, perchè se non si personalizza con i nostri imgliori con chi lo fai con quelli della SAT??

    Poi c’è anche il problema che l’Italia arriva sempre con dieci anni di ritardo su tutto.. Dieci anni fa gli altri giravano il mondo per tornei (anche perchè ce n’erano un terzo) e noi non lo facevamo e ora quando gli altri altri stanno capendo che serve a poco fare il giro del mondo in lungo e in largo (tanto è vero che una volta i giovani diventavano forti subito ora fino a 25 anni mmmmmmmmm) noi che facciamo?? Giriamo come le trottole per incontrare gli amatori…

    Ci vuole pazienza, tanta pazienza.. 🙂

  65. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    NIkolik

    Sempre e solo cagate..

    Gli altri non hanno fatto scelte diverse, hanno preso i soldi quello gli è stato offerto e quello hanno preso… Se l’accompagnamento fosse stato per la Croazia andavano in Croazia..

    Ecco perchè dicevo che io proprio non mo sto rivolgendo ai giocatori.. Ma proprio per niente a me di cosa fanno loro, onestamente non me ne può fregar di meno…

    Il guaio è che quella è l’offerta..

  66. Giorgio il mitico

    x Nikolic e gliangeli… ecc.

    ma la mia frase del mio post 8 “stare con i piedi per terra” vi turba così tanto ?

    Vedete trame misteriose dappertutto ?

    Allora adesso darò un consiglio alla vincitrice : se puoi vai in una accademia estera, vai da Bollettieri o a Tandil o in Spagna, rifletti su quanto fanno altri, in Italia il provincialismo innato di molti che esultano alle prime vittorie (salvo massacrarti alle prime sconfitte, non sapendo neanche da lontano cosa significa l’agonismo vero). L’età dai 15 ai 20 anni è la più delicata per i giovani talenti, lì c’è il passaggio STRETTISSIMO che porta il giovane talento a compiere le cose giuste per avere delle discrete possibilità per entrare nel professionismo, nei famosi primi-e 100 al mondo OPPURE se l’impostazione del lavoro tecnico, atletico e mentale ha delle lacune ci si diverte lo stesso ma non si entrerà mai e poi mai nel gruppo di chi conta veramente !

    Naturalmente questo mio consiglio è esteso a tutte le nostre giovani promesse. Purtroppo anche se la federazione sta lavorando, e questo va riconosciuto, per me vanno fatte delle modifiche all’impostazione di questo lavoro, queste modifiche forse turberebbero equilibri ed abitudini però darebbe più possibilità di oggi al tennis italiano di creare top 100, e più top 100 ci sono più è PROBABILE trovare qualche atleta da slam.

    Caro Nikolic, come vedi io consiglio per il meglio e non per “l’aurea mediocritas” che va tanto di moda e che qualche furbo spaccia per chissà quale conquista !

    In estrema sintesi (con tutti i limiti delle sintesi), ho la sensazione (lo dico da appassionato) che in Italia quando bisogna cominciare a fare sul serio si perda troppo tempo in cose solo di facciata e chi ci va di mezzo sono le nostre giovani promesse che rischiano di perdere anni preziosissimi.

    Caro gliangeli…ecc., non credi che parlare di uso ottimale delle scarse risorse disponibili sia importantissimo ? Per trasformare i sogni in realtà o perlomeno provarci con qualche probabilità di successo servono risorse e non acqua fresca.
    Se nessuno parla di queste cose cosa faresti tu ? Consigliami in modo costruttivo, ti ringrazio.

  67. Nikolik

    Potevano benissimo rifiutare.
    Rikys al messaggio n. 35 è stato molto chiaro, al riguardo.
    Io ho ritenuto opportuno aderire ma allo stesso tempo ero libero di fare altro.
    Forse ti sei perso il commento n. 35.

    Sei sempre tu che decidi.
    Potevi dire no grazie.

    Non mi sembra proprio che sia come dici tu, proprio per nulla.

    Tu hai le tue idee su cosa è meglio per la tua figliola, altri le Hanno evidentemente diverse sulle loro.
    Se avessero pensato che fosse inutile mandarle in Svezia non le avrebbero mandate, sta tranquillo.

    Chi è andato in Svezia la pensa diversamente da te.
    E allora?
    Si deve fare come dici tu?
    Tu non ci andare, lascia che vadano gli altri e pensa per te.

  68. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Nikolik..

    Te l’ho già detto più di una volta, avete trovato il cliente sbagliato…

    Queste cose valle a raccontare ad altri non a me.. e io non ho bisogno di leggere nulla per sapere come sono realmente le cose…

    Nessuno è obbligato ed è anche peggio visto che ti indirizzano, ti consigliano, così sembrano anche in buona fede e ancora qualcuno ci crede.. Poi molti fino alla fine la gente non ci riesce a crederci che non capiscono un cazzo.. Salvo poi riconoscerlo dopo un paio d’annni..

    Tutte le cose che dissi anni fa si sono tutte verificate e tutto continuerà a verificarsi… ma proprio tutto….

    Dicevo quindi che ti indirizzano, contribuiscono alle spese, come fai a dire di no.. Gli italiani poi che appena sanno che si mangia gratis si buttano dal terzo piano senza paracadute per fiondarsi…

    Il vero problema è che nessuno ci crede per davvero e quindi si dice cominciamo a prendere poi si vedrà….

  69. Diego

    Anch’io faccio i complimenti alla vincitrice, pero’ condivido molte cose di quello che dice Max.
    Io penso che a 16 anni le ragazze per avere possibillita’ di arrivare pro (prime cento) devono essere competitive (quarti, semi) nei tornei ITF U18 almeno di Gr.1, ed a 18 anni essere competitive dai 25.000 dollari in su.
    Si possono fare tutti i progetti ed i percorsi che si vogliono pero’ per me questa e’ la realta’ di chi vuole provarci.

  70. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Oh Diego ha già nevicato abbastanza!!!

    Anche se a dire il vero il mio intervento non era mirato a questa problematica.. Nel senso che potrebbero anche esserlo competitive anzi me lo auguro per loro il punto è che questo non interessa e non è il vero obiettivo…

  71. gliangeliindossanod&g

    @Marchese del grillo: ho letto i Suoi post in questo articolo: mi hanno fatto capire tante cose, grazie, hanno confermato alcuni miei pensieri e concordo con quanto da Lei scritto. Lei mi pare un allenatore professionista, sbaglio? (avevo pensato Sartori, ma invece mi pare che Lei operi nel campo femminile…). Chiedo a Lei perché mi pare competente = ha letto il mio post n. 42? (scusi se è un po’ lungo). Pensa che quanto da me sostenuto in quel post siano solo sciocchezze?

  72. gliangeliindossanod&g

    @ Giorgio il mitico = forse Lei non ha ben compreso. Io ho scritto chiaramente che concordavo con il suo post n. 8. Poi però Lei dice “non credi che parlare di uso ottimale delle scarse risorse disponibili sia importantissimo ?” Si, credo che sia importante e, se qualcuno ne scrivesse, Lei compreso, lo leggerei con attenzione (anche perché io dico che attraverso internet deve emergere la voce della verità). Però io le dico che non voglio essere trascinato in questa polemica ed essere io a doverne parlare perché non ritengo di avere le competenze per indicare quale dovrebbe essere il riparto delle risorse tra i tennisti Italiani…
    Posso solo umilmente dire che, forse, per i tennisti junior di una certa età (17/18 anni), io darei risorse maggiori a chi ottiene risultati a livello future (non dico vincerli, ma passare dei turni contro gente di classifica atp dignitosa), perché secondo me dà più garanzie rispetto a uno che vince i tornei junior, fossero anche anche i GA e G1 ed invece rifiuta di fare i future o non passa mai un turno.
    Però questo è un discorso complesso, riconosco che, in certi casi (tra cui uno eclatante, di cui forse parlerò in futuro qua), invece potrebbe essere preferibile dare risorse esattamente nel modo opposto a quello da me sopra indicato, per cui preferirei che questo discorso fosse qualche tecnico a farlo…

  73. cataflic

    gliangeliindossanod&g

    io credo che sia giusto confrontarsi con giocatori che possano mettere seriamente alla prova la tenuta mentale e tecnica di un under e quindi molto spesso sono meglio open o futures rispetto ai tornei giovanili vari.
    A livello monetario chiaramente mentre gli open sono dietro casa(per lo meno fino ad un certo livello) i futures richiedono maggiori spostamenti ed organizzazioni…comparabili con quelle da effettuare per i tornei giovanili.
    Poichè è lampante che i criteri utilizzati per categorizzare la “bontà” dei ragazzi in federazione e permettergli di partecipare ad aiuti ed eventi, siano generalmente relativi ai risultati nella categoria d’età, non si può prescindere totalmente da partecipare(con successo) a queste competizioni.
    Sono anche convinto che nonostante un open o futures possa fornire prove tecniche più probanti (con giocatori navigati e non solo ragazzetti a tutto braccio), l’atmosfera che si respira in un torneo under di buon livello, rispecchi meglio il “profumo” dei tornei maggiori, rendendo probabilmente più stimolante la prospettiva….
    d’altro canto se partecipi ad un GS u18, giocherai nel campetto di fianco a Federer e non ad un 2.4 del circolo…
    Detto ciò rimango convinto che solo le eccellenze manifeste abbiano una minima speranza di arrivare nei 100 e quindi con grande probabilità avremo a che fare con u14 che giocano open e junior, u16 che giocano solo junior, e futures e u18 che giocano solo futures/challenger con rapide comparsate nei GS u18.
    Questo per dire che in quel caso i metri di giudizio di cui sopra dovrebbero prendere atto di una situazione dominante di fatto senza fare la punta agli spilli…
    Per gli altri purtroppo la strada temo sia tortuosa!

  74. Nikolik

    Com’è veramente strano il mondo.

    Ecco, potete vedere in alto, neanche a farlo apposta, il link agli articoli di live tennis, altro sito con cui il nostro amico Alessandro collabora.
    Come non notare il bell’articolo su Liudmila Samsonova.
    Ecco, fai un click, lo leggi e subito non puoi fare a meno di dirti: vedi, Nikolik, hai sempre ragione, ma come fai, Nikolik, ad essere così bravo, così intelligente ed ad avere sempre ragione?

    Perché l’articolo narra di questa ragazza, molto forte, del 1998, cioè dell’età delle nostre di cui si sta discutendo, allenata da Piatti (non so se mi spiego, da Piatti, il n. 1 dei nostri coach, da tutti ammirato), che, pensate un po’, quale programmazione sta facendo?
    Ma pensate.
    Pensate che Piatti l’ha mandata ad un G5 (un G5! Ragazzi, un G5, nemmeno un G4 come questo in Svezia, un G5) nientemeno che al Cairo(!), in Egitto, non in Svezia come le nostre ragazze.
    E poi Piatti, che crede tantissimo in lei, l’ha mandata, dico, dove l’ha mandata, in Svezia?
    No, no, troppo vicino, troppo difficile era il torneo in Svezia!
    L’ha mandata in un G4 ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti!
    In un G4 in Arabia!
    Piatti!

    Ora, ho riletto tre volte l’articolo perché non mi sembrava vero.
    Sembrava infatti che ci si fosse messi d’accordo, per tempestività, con quelli di live tennis.
    Invece il problema è che io quelli di live tennis non li conosco.

    E allora mi son detto.
    Ma, Nikolik, ai tuoi amici Genitori, che criticavano le nostre per essere andate in Svezia, a buttar via quattrini e tempo, giocando un G4, ora come fai a dire loro che Piatti, vale a dire proprio il coach che loro idolatrano, ha mandato la sua pupilla, in cui tanto crede, a giocare in capo al mondo dei G5 e dei G4, addirittura, udite udite, negli Emirati Arabi Uniti!
    Una ragazzina di 14 anni!
    Negli Emirati Arabi Uniti!

    E allora mi son detto.
    Non sarà mica, Nikolik, che avevi, come al solito, ragione tu?
    Certo, mi son risposto, certo, come sempre, perché si vede che anche Piatti fa tenere a quella che allena lui la stessa identica programmazione, anzi, addirittura inferiore, a quella tenuta dalle nostre migliori, che negli Emirati Arabi Uniti a cercare punti facili in un G4 non si sognano di andare.

    E sapete cosa mi son detto?
    Vedi, Nikolik, evidentemente la programmazione giusta è proprio questa, progressi per gradi, cercare di migliorare facendo esperienze progressive.
    Perché Piatti sicuramente non sbaglia.

    E poi mi son detto.
    Certo, Nikolik, che per te deve essere veramente dura avere sempre ragione, Deve essere una vitaccia.
    E ho risposto: hai ragione, è durissima avere sempre ragione, ma è sicuramente durissima anche per questi Genitori avere sempre torto, non dirne mai, mai, una giusta.
    Mi son detto: l’ideale sarebbe, Nikolik, che tu ogni tanto dica anche delle cose sbagliate e loro ogni tanto delle cose giuste.
    Ma si vede che non è possibile.
    Siamo eternamente condannati io ad avere sempre ragione e voi ad avere sempre torto.
    Una maledizione, sicuramente.

  75. Nikolik,ho conosciuto un’altra persona che pensava di avere sempre ragione,che sembrava parlasse con te ma poi se gli chiedevi MELE ti rispondeva che non era vero perchè le PERE erano verdi,però lui aveva una giustificazion particolare perchè viveva in un istituto apposta tu dove vivi.

  76. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    gliangeliindossanod&g

    Sono d’accordo con te al 100% 🙂

    Nikolik..

    Questo ti accade semplicemente perchè non sai di che stai parlando, capendo poco e magari non essendo nemmeno in buonafede.. 🙂

    Vedi la Samsonova i tornei che ha giocato non li ha vinti tutti vincendo sempre 61 62, anzi in verità non ne ha vinto nemmeno uno, perciò di fatto le sono serviti, perchè di fatto il problema nasce quando vinci sempre facile e per trovare un po’ di concorrenza devi di aspettare di giocare le semi… con altre italiane che si allenano con te!! hahaha 🙂

    Perciò i casi sono due o i tornei in Egitto erano di livello più altro oppure oggi la Samsonova (che gioca meglio di tutte le italiane e noi probabilmente ce la siamo fatta scappare perdendo tempo nel farla diventare italiana..) perde dalle nostre..

    Quindi in entrambi i casi i nostri hanno sbagliato perchè nel primo caso si è sbagliata (volutamente?) la scelta dei tornei e nel secondo caso invece si è sbagliato il livello…

    Tornando poi a Piatti e alla Samsonova, come detto l’importante è trovare competizione quindi dove la trovi è giusto andare dipende poi dai soldi che hai a disposizione scegliere se perdere da una 2.2 o da una under 18 tedesca…

  77. Scusate,Max entra nel merito e lo fa ,non come me da prete,ma alla Sgarbi esattamente come piace alla gente anche se lo critica,tenetevelo stretto.

  78. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    E non a caso hanno vinto Hofer e Torelli che tra le italiane sono nettamente quelle che giocano meno under visto che li giocano solo quando vanno con la federazione..

  79. atti

    Aldilà delle schermaglie, anche divertenti….

    sono d’accordo con Max che spesse volte agli Open (soprattutto al femminile) incontri lo stesso livello e perfino le stesse giocatrici che trovi in un ETA e/o in un ITFU18 di grade 4-5.

    Percio’ si tratta di vedere le cose a 360 gradi… e Nikolik le vede da spettatore non pagante…
    facile pontificare caro Nik….un po come quando ad inizio campionato si fanno le previsioni su chi vince…scegliendo Juve, Milan o Inter…difficile sbagliarsi… 🙂

    Laddove ogni famiglia ha giustamente le sue priorità, il suo budget e magari quello che manca è la capacità critica di capire fino in fondo quale sia il percorso giusto, anticipando o no i tempi e il livello dei tornei.

    Ora la federazione sta offrendo, ai migliori per annata, questa formula all-inclusive per cui si tratta semplicemente di scelte familiari e non ultimo, ….di vincere match e di progredire….piu’ che di essere eternamente futuribili….
    E ovviamente fossi il genitore come Rikys della situazione, ci penserei anch’io 10 volte prima di rifiutare…

    Il discorso della Sansonova, da come legggo, è cmq diverso dalle altre migliori coetanee italiane…

    Il suo è un percorso personalizzato, gestito da Piatti con il padre (che se non sbaglio è anche PA).

    Mentre quasi tutte le altre passano per vari step, per varie situazioni, e non sempre è facile mantenere un giusto filo del discorso dovendo dar retta, ora alla federazione ( a cui è difficile dire di no), ora al circolo (vedi coppette a squadre varie) e non ultimo al maestro di turno che magari ha un ulteriore vision….

    Penso sia questo a cui si riferiva Max… tutte queste situazioni rallentano e standartizzano i percorsi, togliendo qualità, quando invece, viceversa, da un certo punto in poi…ognuno DEVE correre solo per se stesso….

  80. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Difficile dire di no alla federazione.. Eh siha ragione, solo qualche pazzo potrebbe farlo 😉 hahaha

    Dipende, se ci credi fai quello che devi senza guardare ai soldi che non hanno mai fatto vincere i match a nessuno, se non ci credi in partenza è chiaro che prima di tutto pensi al risparmio, alla comodità… e come è giusto che sia non arrivi..

    La vita inizia quando finisce la zona di comfort… Non ricordo chi l’ha detta… hahaha

  81. Nikolik

    Caro Atti,

    Nessuna schermaglia, è solo che non riesco a capire, e mi scuserai, i sottili distinguo che fate, gli attorcigliamenti verbali che siete costretti a fare per dimostrare l’indimostrabile, cioè che la Federazione ha fatto male a mandare le nostre in Svezia sprecando denaro mentre invece, magicamente, Piatti ha fatto bene a mandare la sua ad Abu Dhabi (un G4 in Arabia, ah, ah, ah!).
    Ecco, scusami, ma io non ce la faccio a capire i vostri sottili ragionamenti e i vostri sottili distinguo.

    Voi dite.
    Va beh, ma la Samsonova avrà un budget molto alto, vada pure.
    Eh no.
    Che discorso assurdo è, che se uno ha i soldi gli fa piacere sprecarli in attività inutili?
    No, no, se è andata là è perché la sua guida tecnica ha ritenuto utile che andasse là, pochi discorsi e poche filosofie, non è che se uno ha un ricco budget gli fa piacere sprecarlo in cose inutili.

    Quindi, ora, voi, bravi bravi, chiamate il vostro collega Piatti (perché siete colleghi, no? Siete tutti maestri di tennis, no?) e gli dite, bravi bravi: collega Piatti, stai sbagliando tutto, gli open dovevi farle fare.

    Scusami, Atti, ma quando tu dici che c’è una formula all-inclusive, che problema hai con coloro che hanno deciso che quella formula andava bene per le loro figliole?
    Che problema c’è?
    Pensi che i tuoi colleghi Genitori abbiano fatto delle scelte non buone per le loro figliole?
    E su che basi lo sostenete?

    Guarda che sono tanti ormai i tuoi colleghi genitori che hanno pensato diversamente.
    Tutti sbagliano e solo tu e Madmax fate bene?
    Ci sono le sei che sono a Tirrenia, ci sono le altre che sono andate in Svezia, ce ne saranno altre ancora che avranno accettato questa formula all inclusive che tu hai detto e che non conosco…
    Che problemi avete a dire: oh, in bocca al lupo, per me quella soluzione non va bene, magari voi avete altre esigenze e invece a voi va bene?

    Ripeto.
    Ognuno faccia come gli pare e come ritiene giusto.
    Voi giocate gli open.
    Lasciate sereni chi ha deciso diversamente senza polemizzare sul nulla.

  82. Monet

    su tante cose sono daccordo con te Mx,ma per favore non insistere a dire che giocare glio open è cosa buona e giusta,gli open sono tutto un altreo sport!!1 daccordo si risparmia ,ma credo che il confronto nei tornei eta e itf sia senzaltro più valido che non giocando contro una mamma b 3 che gioca il back (perchè non è capace di giocare il top) e sbecchetta-alza e smorza su ogni palla……ps gli open per far crescere un ragazzo-ragazza non servono a un…belin!!!

  83. atti

    NIkolik, fantastico ! un mito ! ….

    Mi fai domande a cui non posso ripsonderti, perchè sei andato fuori tema…rispetto a quello che ho scritto chiaramente !

    Rileggi bene, e poi se vuoi, rifammi le domande pertinenti al tema e al contenuto….

    Ti preciso che non ho mai detto che si sono fatte scelte sbagliate, ne dalla federazione, ne tantomeno giudico l’operato di altri genitori.

    Ne che in certi tornei non bisogna andare…

    Claro Nik ?

    Ho detto e lo ripeto senza problemi, che spesso ci sono partite (sopratutto al femminile) che vedi sia negli Open che in Tornei ETA,e ITF di grade 4-5…
    Per dire che i progressi sono misurabili senza necessariamente (sopratutto al femminile) e fino all’U14-15, senza appunto dover girare SOLO nei tornei internazionali…
    Se invece sei la Vekic o la Bencic di turno, ovviamente questi discorsi sono superflui….e viaggi in un altra categoria.

    Fermorestando che attività internazionale poca o tanta, va fatta.

    Guardati i tab per esempio degli ITF in Svezia, e noterai che almeno 15 partite in 2 tornei sono state fra italiane…

    solo una constatazione, è un blog e quindi si puo’ parlarne, dando per assodato che vincere match è SEMPRE difficile, e quindi molte brave quelle che sono arrivate in fondo !!!

    Infatti il post nr. 2 in calce a questo articolo (dopo di Rykys) sono i miei complimenti e un invito al padre a essere sempre spudoratamente di parte… per il bene di suo figlia.

  84. gliangeliindossanod&g

    @il Marchese del Grillo
    Grazie mille per la risposta. Dai Suoi interventi, penso proprio che, se continuerò a postare su questo sito, probabilmente anche io sarò spesso d’accordo al 100% con quello che Lei dice.
    (PS: penso di avere indovinato quando ho scritto che Lei è un allenatore professionista, si capisce dalla Sua competenza).

    @ Nikolik a mio giudzio (che, ovviamente, può essere erroneo) si devono abbandonare molto molto in fretta i g5/g4, per passare oltre (ai G1/2, ma soprattutto ai futures. Ciò vale per chi aspira a diventare molto, molto forte. Tranne casi particolari di atleti che magari fossero molto indietro con la crescita fisica o avessero particolari esigenze tecniche). Faccio però notare che io non conosco le tenniste italiane qui citate, ho esplicitamente detto che non mi permetto di criticarle ed ho fatto un discorso generale (poi io tendo a parlare più di tennis maschile che non di tennis femminile, perchè seguo di più il primo. Il modello da seguire secondo me dovrebbe essere quello spagnolo, incentrato sui futures anzichè sui tornei junior, a costo di perdere spesso ai primi turni ai primi anni di esperienza).

    @Monet = però facendo open (si parla di open di un certo livello, ovviamente) ad un certo punto si incontrano anche giocatori forti, non solo la tipologia di giocatori da Lei descritta. Poi il discorso che io facevo (= puntare, a una certa età, non solo sugli open, ma soprattutto sui futures) vale solo per chi aspira a diventare fortissimo, mentre una classifica atp o wta dignitosa probabilmente, se si è comunque forti, la si può ottenere anche con una programmazione diversa, ma a quel punto si deve vedere a che età la si ottiene (NB tutti ricorderanno che il grande FOGNA ha vinto un future molto importante in Spagna già in giovane età).

  85. Nikolik

    Ecco.

    Ora che ve l’ha detto Monet, forse capirete qualcosa.

    Come è brutto avere sempre argine.
    Che vitaccia.
    Un’esperienza che non consiglio veramente a nessuno.

    Continuate ad avere torto, mi raccomodando, Genitori!
    Non sapete quanto è dura avere sempre ragione!

  86. atti

    …resisti Nikolik…fallo per noi !
    senza di te siamo come le pecorelle smarrite….

  87. Nikolik

    Ben detto, Atti.
    Non ti preoccupare.
    Inventate la formula che vi pare, la registrazione, la carta d’identità, quello che vi pare.
    Io sarò sempre qua.

    E per fortuna vostra, vien da dire.

  88. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Monet..

    Ormai tu sei passato oltre.. giustamente..

    Ti assicuro che i tempi degli open con le mamme b3 non esiste più.. Vatti a vedere qualsiasi tabellone e troverai tutte quelle che ora fanno ETA under 14-15 e ITA under 18 e 10k…

    In questi anni solo una volta in un open Alessia ha trovato una che alzava e sbecchettava… una che era stata 600 wta.. stop..

    I tempi cambiano la gente si sveglia e con la crisi si industria.. 😉

    Poi ovvio una volta che le batti tutte non li giochi più ma perchè vai a giocare 10 e 25k e quando hai la classifica giochi direttamente in MD gli Slams junior… 🙂

    Nikolik

    Guarda io ho passato tutta la vita a spendere tanti soldi in cose inutili ed è stato il più bel periodo della mia vita.. Tra l’altro spero presto di tornare a farlo hahaha..

    No ma andate tranquilli continuate a pensare e far credere di avere ragione non c’è problema… A me come sempre dispiace per i ragazzi…

    Gliangeli..

    No io non sono un coach professionista del tennis (anzi ora sulla carta effettivamente lo sono hahaha), sono solo il coach di mia figlia (ogni tanto anche di altre ora ad esempio di un’ucraina) che ha cercato di informarsi il più possibile per poterle dare il meglio… Tra qualche anno vedremo se l’avrò fatto bene…

  89. gliangeliindossanod&g

    @il Marchese del grillo
    Però, dai Tuoi post, che mi sembrano volti a richiedere alle giovani promesse il massimo impegno ed i massimi risultati (quello che penso io, e che tu mi hai detto di condividere, vale solo per la programmazione dei campioni), mi parrebbe che tu punti ad una carriera da vera professionista (minimo top 20??) per tua figlia. Mi sbaglio???
    Se è come immagino, io, che sono un semplice appassionato, ti considererei comunque un vero professionista, perchè per arrivare a quei livelli bisogna analizzare anche i minimi particolari della carriera di tennista (e penso che tu lo stia facendo. Se è così, magari, nei prossimi articoli su una promessa maschile molto “chiacchierata”, scriverò quello che ne pensa un allenatore e poi chiederò anche un Tuo parere, se vorrai darmelo…)
    P.S.1: Spero proprio (ma ho pochi dubbi in merito) che tu ponga molta attenzione alla preparazione fisica dei tuoi atleti, rivolgendoti ad un professionista preparato e non con il fai-da-te che spesso i maestri ritengono sufficiente. Perchè, secondo me, nel tennis moderno, mi verrebbe quasi da dire che la p.f. è la cosa più importante, assieme al carattere dell’atleta…
    P.S.2: non so se hai già letto, nell’altro articolo ho già chiesto un tuo parere sulla teoria della mielina…(ne parlava l’allenatore che io leggevo ed è una cosa che a me, da profano, ha sempre impressionato ed interessato…).

  90. Alessandro Nizegorodcew

    @gliangeli
    Sulla preparazione fisica qui si è discusso per anni (e da anni)… Tranquillo che il Marchese si sa muovere 😉

  91. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    gliangeli..

    Ti dico solo questo…. ho cominciato questa avventura con un solo punto fermo.. la PF…

    A quel punto ho preso il migliore e dopo sette anni ancora siamo insieme…

    Per quanto riguarda la teoria della Mielina… Sicuramente il ripetere le cose è fondamentale, ma trovo la cosa un po’ riduttiva… almeno oggi forse qualche anno fa era sufficiente ora credo che lo sport professionistico sia qualcosa di più..

  92. Monet

    a proposito Maxxone ,come sta andando la piccola? a che punto siamo? fammi sapere che è un po che non sono tanto attivo qui dentro……

  93. gliangeliindossanod&g

    @il Marchese
    leggendo i tuoi post precedenti avevo proprio pochi dubbi (per non dire nessuno), sul fatto che tu avessi trascurato la pf e ti fossi affidato al fai-da-te. Cmq sono contento della Tua conferma diretta. Auguri! Hai un nuovo tifoso!

  94. Diego

    Se non sbaglio mi sembra che la Samsonova giochi la serie C a squadre con il TC Genova.

  95. rikys

    Vi “lascio” un paio di giorni e nel frattempo come dice Guido Meda scatenate l’inferno.

    Premesso che ho sempre sostenuto e lo sostengo tutt’ora che le uniche classifiche che contano sono WTA per le donne e ATP per i maschi e tutto il resto è aria fritta, se avete pazienza a leggere questo post posso illustrarvi il perchè ho deciso di mandare Beatrice in Svezia, così rispondo in generale a tutti quelli che in questi ultimi post hanno commentato.

    Beatrice da Ottobre a Dicembre ha svolto una pesante preparazione atletica giocando si e no un paio di tornei, obiettivo era appunto cercare di migliorare questo aspetto in funzione di una programmazione di tornei più intensa rispetto all’anno precedente.

    Ha giocato a inizio anno un open ( perso in finale ) e a distanza di una settimana è stata convocata dalla federazione per i tornei di Milovice under 16 ( perso in semi da quella che poi Verena ha strapazzato in finale ) e per l’Itf uner 18 G4 in Austria di Bergheim ( qualificata in MD perso al primo turno in tabellone ). Dopodichè è stata convocata per la Winter cup ( vinto entrambi i singolari contro rep,ceca e slovacchia ). Ora visto il lavoro invernale svolto e visto i pochi tornei giocati l’inizio di stagione è stato sicuramente incoraggiante, a quel punto la federazione ci prospetta l’idea di giocare due tornei G4 in Svezia uno su veloce e l’altro su terra. Molto onestamente non è che mi sia messo li a guardare l’entry list e poi per cosa? Il torneo precedente stesso grade è uscita al primo turno di tabellone ( incontrando la tds 1 ma questo è un dettaglio ) punti non ne aveva e di meglio in giro cosa c’era? Un open a Modena di livello medio a parte la tds 1 che è fuori categoria in un torneo del genere ed ifatti è 4 anni consecutivi che lo stravince. E allora ok, si va in Svezia dove mai e poi mai mi sarei aspettato facesse il risultato che ha fatto. Tutto questo per dire cosa? Che tornassi indietro rifarei le stesse scelte, qualche punto l’ha racimolato senza dover andare in Africa o in Guatemala, potrà giocare quasi tutti i tornei ITF in Italia ( chiaramente partendo dalle quali ) e se i risultati dovessero venire si potrà vedere di cominciare a fare qualche 10.000$ che peraltro già lo scorso anno ha iniziato a giocare ( qualificata nel MD a Viserba e perso al primo turno e due in Turchia persi entrambi in quali ). Si poteva fare meglio? magari spendendo meno? Può darsi, ma si poteva anche fare peggio e magari spendendo uguale, quel che conta però è che al sottoscritto per il momento va bene così.

  96. gliangeliindossanod&g

    @rikys
    Grazie per le informazioni. Discorso perfetto sulle classifiche che contano. Se ha fatto già dei 10.000, indipendetemente dai risutati, è comunque una scelta ottima.
    Guardi comunque che io non ho criticato i giocatori citati negli articoli (non mi permetterei), ma solo fatto un discorso generale (questa non è una excusatio non petita perchè io penso di averlo già ben precisato nei miei post precedenti, se però non lo si fosse capito, lo ribadisco nuovamente).

  97. Il Marchese del Grillo alias Madmax

    Mah.. Onestamente non capisco prima di tutto perchè Rickys ti sia sentito in dovere di spiegarci il perchè della tua scelta, non era questa in discussione a prescindere dal fatto che uno la condivida o meno.. Anche perchè una scelta presuppone un’alternativa (dello stesso livello come costi) e questa non c’era…

    In discussione è l’offerta e chi l’ha fatta… Poi uno dice piuttosto che niente meglio piuttosto e va benissimo (non a me), ma questo è un altro discorso..

    Se poi vuoi entrare nello specifico dico che dalle tue parole sembra proprio che io abbia ragione quando scrivo che i genitori spesso sono i primi a non crederci..

    Perchè a un certo punto parlando dell’Open di Modena dici che la tds nr 1 è fuori categoria per questo tipo di tornei e io allora cado dal divano perchè a 15-16 (se si vuole diventare una giocatrice) non può esserci nessuno di imbattibile visto che non gioca nessuna delle prime 100!! Poi si perderà ma se si hanno degli alti obiettivi non si può non volere o aspirare di giocare contro una 2.1… Poi ci si perderà ma solo così alzi il livello e ti abitui ad un certo tipo di giocatrici… Cioè io non voglio fare il paragone con alcune ’97 che i 10k li vincono anche perchè i percorsi e le situazioni sono differenti però almeno prenderle come unità misura assolutamente si… soprattutto quando a livello fisico si paga poco o niente..

  98. Andi

    Beh…ho postato qui perché in un tabellone di quali di un bel 25.000 in Francia , capita , il caso, la sorte , chissà …..una partita , domani tra due ragazze italiane . Mi piacerebbe che qualcuno la raccontasse questa partita, interessante anche per chi , come me, vede tutto dal di fuori.
    I cognomi delle ragazze sono D’Auria e Torelli . In questo sito qualcosa di speciale. In bocca al lupo ad entrambe .

  99. rikys

    Ringrazio per l’attenzione riservata alle due ragazze, partita difficile anzi quasi impossibile da commentare Beatrice quasi perfetta Alessia praticamente non ha giocato. Ma l’Alessia che ho visto io in questi due giorni in allenamento con Bea non è’ questa anzi tutt’altro e sono sicuro che farà’ una grande stagione. Per quanto riguarda Bea, io spero che dopo un 2014 in cui non ci siamo fatti mancare nulla a livello di infortuni e sfighe di ogni tipo il 2015 possa essere sicuramente più fortunato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *