Pistolesi: “Hantuchova ragazza eccezionale”

di - 5 aprile 2012


(Claudio Pistolesi – Foto Nizegorodcew)

Incontrato sui campi del Ct Eur, il coach Atp Claudio Pistolesi ci ha raccontato del nuovo connubio con Daniela Hantuchova, del momento del tennis maschile (soffermandosi su Tomic, Dolgopolov e sul ruolo dei coach nella costruzione dei professionisti) e dell’importanza dello scouting nei tornei Challenger e Itf.

ASCOLTA CLAUDIO PISTOLESI

© riproduzione riservata

7 commenti

  1. Fra

    Claudio che in un modo e nell’altro tira una frecciatina alla Fit/Binaghi/Bolelli è quotato a 1,01.

  2. zorromancino

    Ale..non riesco a sentire l’intervista… qualche problema del file Audio??

  3. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Dovrebbe funzionare..
    Comunque prova a spingere sopra il player su “share” e poi su “download”

  4. zorromancino

    TUTTA LA REDAZIONE NONCHE’ I LETTORI E.. FREQUENTATORI DEL SITO…
    MIGLIORI AUGURI PASQUALI…E BUON TENNIS..REALE..E SCRITTO..

  5. mauro

    D’accordo con quanto Pistolesi dice. Ad alto livello il tennis e’ ( forzatamente) solamente intenazionale. Questo pero’ non lo capiscono i tanti che si rifugiano nei tornei di fasce inferiori sul territorio italiano pur di raccattare qualche punto, sposor, denaro.

    Va benbe se a farlo sono i “vecchi marpioni” che non hanno molto da chiedere a livello agonistico, ma a me dispiace vedere anche molti giovani che la pensano alla stessa maniera ( ae chi li allena pure ovviamente)

    Una nota: l’interscambio non e’ nella nostra cultura. Io sono un coach con patentino non italiano. Italiano ma residente all’estero.
    Quando capito in Italia ” sopratutto d’estate. Vedo una certa freddezza da parte di altri maestri nei miei confronti se casomai, su un campo, sto allenando qualcuno. ( quando me lo lasciano fare)
    Non tutti per fortuna ma la tendenza e’ questa.
    I circoli tennistici sono molto “chiusi” raccolti su se stessi e autocelebrativi.
    con affetto
    Mauro

  6. andrew's wife

    anche Papi nel suo banner pubblicitario ha sentito il bisogno di “essere ufficialmente riconosciuto dalla FIT”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *