Sara Ottomano: “Non mi piace stare a fondo campo a difendere”

di - 8 Aprile 2015

Sara Ottomano

di Michele Galoppini

Intervista post match di Sara Ottomano, wild card nel torneo di Chiasso, che ha sconfitto a sorpresa Estrella Cabeza Candela 6-3 5-7 6-4

Complimenti per il match innanzitutto, hai peraltro giocato contro una terraiola DOC che era anche top100 pochissimo tempo fa. Quali sono state le chiavi che ti hanno permesso di vincere il match?

Ho giocato senza pressione, quindi ho cercato di giocare il mio tennis tranquilla, senza pensare al punteggio. Però non ho servito molto bene ed è stato quello l’unica fonte di nervosismo. Volevo servire bene ma non ci riuscivo come dovevo, però è andata bene.

Prossimo turno ancora tosto contro Carreras o Sakkari, molte posizioni davanti a te. Le conosci? Come imposterai i match?

No, non le conosco. Quindi direi che imposterò il match cercando di fare al meglio il mio gioco, come è successo oggi. Nuovamente, posso giocare senza pensare di essere la favorita e spero di dare il mio meglio.

Il tuo 2015 non è cominciato benissimo, ma questa vittoria sicuramente può darti fiducia… quali sono i prossimi obiettivi o gli obiettivi della stagione?

In realtà ho cominciato abbastanza bene, ho anche giocato contro Belinda Bencic nella Serie A e sono riuscita a portarla al terzo set. Quindi quello è stato certamente positivo. Poi sono ho giocato qualche ITF ma lì in effetti non mi sono sentita benissimo in campo e quindi non ho vinto molto. Ora questa vittoria aiuterà ed i miei obiettivi sono principalmente giocare bene e fare più punti possibile per avere una classifica migliore.

Descrivi un po’ il tuo stile di gioco per coloro che ancora non ti conoscono.

Sono alta 1,83m e sono una giocatrice a cui piace giocare aggressiva. Soprattutto il mio dritto mi aiuta ad esserlo. Non mi piace stare a fondo campo a difendere e quindi quando gioco sulla terra devo anche adattarmi e cambiare un po’ il mio gioco. Non sono molto a mio agio con le volée e devo lavorarci.

La terra di conseguenza non è la tua superficie preferita.

No no, preferisco molto di più le superfici veloci, proprio perché posso impostare di più il mio gioco sull’attacco.

Prossimi appuntamenti?

Santa Margherita, sia 10k che 25k, e poi giocherò i tornei della Serie A Svizzera.

© riproduzione riservata

Un commento

  1. Pingback: Diario di bordo da Chiasso | SPAZIO TENNISSPAZIO TENNIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *