Wimbledon Qualificazioni: Le dichiarazioni dei protagonisti (2)

di - 16 Giugno 2009

Marco Crugnola
(Marco Crugnola – Foto Nizegorodcew)

Non si parla solo italiano su Spazio Tennis, in particolare durante tornei così importanti come uno Slam. Nella terza sezione del tabellone cadetto di Wimbledon, oltre a Marco Crugnola (di cui parleremo tra poco), ha superato il primo turno il gigante tedesco (1,95 m) Daniel Brands, numero 124 del mondo ed in grande ascesa.

Daniel Brands ha superato, senza troppe difficoltà, lo svedese Bjorn Rehnquist, col punteggio di 63 62. Il tennista tedesco è sicuramente il favorito numero nel suo spot, per la qualificazione al tabellone principale. Spazio Tennis ha raccolto, in serata, le sue impressioni: “Non c’è molto da dire sul suo match. Sicuramente il primo match in uno slam è sempre piuttosto delicato ed è importante avere l’approccio giusto alla manifestazione. Ho avuto qualche problema solamente nei primissimi giochi, ma una volta ottenuto il primo break, la strada è stata in discesa; mi sono sentito molto più sicuro ed ho iniziato a giocare sempre meglio. E’ fantastico comunque giocare il torneo di Wimbledon, per la sua storia e perché è una delle poche occasioni che ci sono per giocare sull’erba.” Brands al secondo turno affronterà il belga Bemelmans, per poi sfidare, molto probabilmente, Dominik Hrbaty.

Bella vittoria anche per Marco Crugnola. Il tennista lombardo, classe 1983, ha battuto l’ucraino Marchenko per 63 26 75, in un match davvero combattuto. Crugno, al termine dell’incontro, ci ha raccontato le sue sensazioni: “Sono partito molto bene, incartandomi successivamente con il servizio. Nel terzo set sono andato avanti di un break. Sul 5-4 per me, ho subito il break, ma sono stato bravo a non deconcentrarmi negli ultimi due giochi dell’incontro. E’ finita bene per fortuna, e adesso sotto con Pere Riba..

Questo lo spot di Crugno, nel quale è presente anche l’altro azzurro Riccardo Ghedin, vincitore, per ritiro, sul sudafricano Izak Van der Merwe:

Wimbledon Quali 3

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *