Trani: Colpaccio Trevisan e… la fotocopia di Flavio

di - 11 Agosto 2010

Flavio Cipolla
(Flavio Cipolla – Foto Nizegorodcew)

di Alessandro Nizegorodcew (inviato a Trani)

Sotto un cocente sole pugliese, Flavio Cipolla e Matteo Trevisan hanno portato a casa due importanti vittorie. Il tennista romano ha superato 7-6 4-0 (15-0) rit. il cileno Aguilar, ritiratosi per il nervoso (di problemi fisici non vi era alcun segno), mentre il toscano ha compiuto la sorpresa del giorno, eliminando 7-6(4) 0-6 6-4 l’australiano Peter Luczak. Analizziamo gli incontri nel dettaglio.

Flavio Cipolla b. Jorge Aguilar 7-6(2) 4-0 rit.
Flavio è andato subito avanti di un break, ma l’impressione sulle tribune era di un tennista in difficoltà, fisica e tecnica. Il cileno ha infatti prontamente ribaltato la situazione, portandosi avanti 4-1 con possibilità del doppio break. Cipolla ha quindi iniziato a giocare un tennis migliore, nonostante in campo non si muovesse in maniera perfetta (condizione atletica non ottimale). Aguilar avrà probabilmente pensato alla partita persa a San Marino, la scorsa settimana, proprio contro Cipolla. In quell’occasione Flavio aveva recuperato da 3-5 nel primo set, prima di dominare tie-break e secondo parziale (7-6 6-0 il parziale); quando Aguilar si è visto rimontare, una settimana dopo, si è visto rimontare da 5-2 a 5-5, avrà cominciato a vedere i fantasmi. Nel tie-break, dopo le tante occasioni sprecate e vedendo un Cipolla in netta crescita, Aguilar ha addirittura sciolto l’ultimo punto del primo set, alzando un campanile volontario, sul quale Cipolla ha chiuso comodamente. Il secondo set ha visto il cileno provare a tirare tutto senza pensare, ma Flavio, carico moralmente per la vittoria del primo parziale, è riuscito a piazzare l’allungo decisivo. Dopo una discussione con l’arbitro, il cileno ha chiamato il fisioterapista e si è quindi ritirato, pur di non vedere per la seconda volta in due settimane la scritta: “Cipolla batte Aguilar 76 60“. Più che il fisioterapista, il cileno avrebbe dovuto chiamare uno psicanalista.. La fotocopia di San Marino c’è comunque stata…

Matteo Trevisan
(Matteo Trevisan – Foto Nizegorodcew)

Matteo Trevisan b. Peter Luczak 7-6(4) 0-6 6-4
Bellissima prestazione del giovane tennista toscano, impostosi su di un avversario di buonissimo valore e soprattutto pronto a lottare su ogni punto. Matteo è partito ad handicap nel primo set, nel quale si è subito trovato sotto di un break. Ma al momento di chiudere (4-5) l’australiano ha commesso qualche errore di troppo, rimettendo in corsa Matteo, bravissimo a portare il set al tie-break. Sul 3-4 Trevisan ha giocato benissimo, portando a casa 4 punti consecutivi e quindi il primo set. Ad inizio secondo set Matteo ha avuto la possibilità di staccare subito Luczak, ma sulla palla break la risposta di rovescio anticipata si è bloccata sul nastro. Luczak ha preso fiducia e, breakkando il toscano nel gioco successivo, ha iniziato a crescere di rendimento. Sullo 0-4 Trevisan ha un po’ mollato, preferendo concentrarsi sul terzo e decisivo set. Il break è arrivato in apertura e Matteo, senza grandissime difficoltà (due palle break annullate nel quarto gioco), ha chiuso il discorso. Ottima la prova al servizio di Trevisan, che si è procurato tantissimi punti con la prima palla e si è costruito la possibilità di comandare lo scambio con delle ottime seconde.

© riproduzione riservata

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *