Città di Crema, che esordio per Alen Bill

di - 17 Giugno 2019
Alen Bill, croato numero 2 del seeding, ha esordito al Città di Crema travolgendo (6-0 6-0) l'azzurro Zapelli

Terminato il week-end delle qualificazioni, che ha aperto le porte dei tabelloni principali a 16 dei 60 giocatori arrivati al Tc Crema a caccia di un biglietto last minute per il “Città di Crema”, la quindicesima edizione del torneo internazionale under 16 inizia a conoscere i suoi pretendenti al trono. Fra loro c’è il croato Alen Bill, 16enne di Umag numero 2 del tabellone (e 46 della classifica Tennis Europe), che come biglietto da visita presenta il match impeccabile che gli ha permesso di rifilare un doppio 6-0 al piemontese Alessandro Zapelli, passato dalle qualificazioni. Una prova che la dice lunga sulle sue qualità e sulla voglia di far bene a Crema, e mette in guardia colui che sta all’altro estremo del tabellone maschile, il polacco Olaf Pieczkowski, numero 1 del seeding e chiamato all’esordio nella sessione serale di martedì (non prima delle 18.30), contro l’altro azzurro Tommaso Vola. È iniziato con il piede giusto anche il torneo della terza testa di serie Filip Pieczonka, altro polacco che ha dominato 6-1 6-0 Alessio Tatini, mentre a portare la prima bandiera italiana al secondo turno ci ha pensato il napoletano Ivan La Cava, troppo superiore rispetto ad Andrea Giammario per lasciarsi impensierire, come ben racconta il punteggio finale (6-2 6-2). Già fuori Crisostomo e Pisano, mentre è impegnato in serata Alessio Tramontin, uno dei due atleti tesserati per il Tennis Club Crema in gara nel tabellone principale maschile.

L’altro è Marco Ricci, di scena martedì nel terzo incontro sul campo Centrale (non prima delle 12.30) contro l’ucraino Illya Maksymchuk, numero 4 del tabellone, mentre nel femminile c’era la 15enne Giulia Finocchiaro, che però ha pagato caro un sorteggio durissimo. L’urna di casa l’ha messa di fronte alla seconda testa di serie Katerina Dimitrova, sua coetanea bulgara n.25 del ranking under 16, e malgrado l’allieva di Beppe Menga abbia venduto cara la pelle, provando a fare gioco e costruendosi le proprie chance, non è riuscita ad andare oltre il 6-2 6-1 finale, figlio soprattutto dell’estrema regolarità dell’avversaria. Ottima partenza per le altre tre teste di serie della parte bassa del tabellone: la bielorussa Khomutsianskaya, la croata Svetac e l’australiana Tsang. Per l’Italia avanti la qualificata Vittoria Baccino, che si è imposta per 6-2 6-2 nel derby contro Samira Peverato, ripescata come lucky loser dopo la sconfitta nelle qualificazioni. Martedì al Tc Crema si giocheranno gli altri sedici incontri del primo turno, che allineeranno i tabelloni agli ottavi di finale. Il programma scatta alle 10, su quattro campi. Sul 3 sarà subito impegnata la finlandese Laura Hietaranta, numero 1 del draw femminile e 22 della classifica. Per la giocatrice nordica, finalista due settimane fa nell’appuntamento di Foligno, sfida con la wild card azzurra Carlotta Sezzi. L’ingresso ai campi del Tc Crema sarà gratuito per l’intera durata della manifestazione.

I RISULTATI DI GIORNATA

Singolare maschile. Primo turno: La Cava b. Giammario 6-2 6-2, Pieczonka (Pol) b. Tatini 6-1 6-0, Von Meyenburg (Sui) b. Pisano 6-3 6-0, Lestir (Fra) b. Crisostomo 6-2 6-3, Bill (Cro) b. Zapelli 6-0 6-0. Da concludere: Versteegh vs Piatti (Mon), Dinev (Bul) vs Cinotti, Tramontin vs Dietrich (Sui).

Singolare femminile. Primo turno: Svetac (Cro) b. Sirci 6-3 6-4, Rossini (Arg) b. Torselli 2-6 7-6 6-1, Baccino b. Peverato 6-2 6-2, Khomutsianskaya (Bie) b. Fava 6-4 6-1, Tsang (Aus) b. Licitra 6-2 6-1, Majetic (Cro) b. Vivaldelli 6-2 6-2, Dimitrova (Bul) b. Finocchiaro 6-2 6-1. Da concludere: Milani vs Gottardi.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *