Giorgia Pigato vola al College in Florida

di - 19 Febbraio 2019
Giorgia Pigato, classe 1999, ha ricevuto grazie al tennis una borsa di studio per la Lynn University di Boca Raton (Florida, USA)

Da Milano a Boca Raton, in Florida, a studiare business alla Lynn University, con una borsa di studio guadagnata coi risultati sul campo da tennis. Una possibilità che ha portato Giorgia Pigato, ottima atleta della Milano Tennis Academy, a fare le valigie in direzione Stati Uniti, in uno di quei molti college a stelle e strisce che permettono di continuare a giocare a tennis a livello agonistico (in particolar modo nelle gare a squadre fra i team delle varie università) senza trascurare il percorso scolastico. Una scelta di vita, umana e sportiva, che ha trovato al volo l’appoggio dei tecnici della MTA, da papà Ugo in giù, visto che proprio il binomio tennis-studi è fra i punti cardine della ‘mission’ dell’accademia, nata la scorsa estate sui campi dello Sporting Milano 2 di Segrate. Il modello valoriale della MTA parla chiaro: prima viene il ragazzo, poi l’atleta, con una serie di principi, regole e valori che tutti devono condividere, e con un occhio fisso agli aspetti educativi. E istruzione in pole position. “Ci sono ragazzi che trascorrono da noi otto ore al giorno – spiega Piercarlo Guglielmi, presidente della MTA -, quindi non possiamo permetterci di trascurare questi aspetti. Crediamo che la promozione di valori come rispetto, sacrificio, sportività, onestà e correttezza possa offrire una sponda educativa che in una vera accademia non può mancare. Idem la scuola: non vogliamo che i ragazzi interrompano gli studi per giocare a tennis, e anzi, siamo i primi ad aiutarli nel percorso scolastico”. Come? Dedicando in accademia dei locali ad hoc per lo studio, affiancando loro dei tutor ove necessario e sviluppando delle convenzioni con istituti on-line.

Facile immaginare come la strada del college intrapresa da Giorgia Pigato sia uno dei possibili sviluppi del percorso tracciato dall’Academy. Tanto che la 19enne bergamasca sembra destinata a fare da apripista, visto che la MTA – che peraltro già si adopera per raccogliere fondi che permettano ai ragazzi più meritevoli di frequentare l’Academy – sta anche avviando delle collaborazioni con varie agenzie e figure professionali che si occupano di agevolare l’approdo degli sportivi italiani negli Stati Uniti. “L’idea che grazie al tennis gli atleti possano pagarsi gli studi in un college – continua Guglielmi – è un prolungamento meraviglioso del percorso dei ragazzi. Sia che diventi uno step verso la prosecuzione della carriera tennistica, sia che si trasformi in un modo per provare altri percorsi professionali. Noi vogliamo seguire e aiutare i giovani a prescindere da un futuro ingresso nel mondo dei professionisti. L’obiettivo è far sì che il tennis possa diventare una risorsa per le loro vite”. La vera funzione di un’accademia è anche questa.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *