Imprevisti e Probabilità

di - 27 Aprile 2014

imprevisti

di Sergio Pastena

E chi se l'aspettava?

E chi se l’aspettava?

Non era prevedibile, decisamente. Una finale tra Nishikori e Giraldo in quel di Barcellona, torneo Atp 500, era al di là dell’umana immaginazione semplicemente perchè ogni finale che non contemplasse il cognome “Nadal” sembrava impronosticabile. Figuriamoci se poi all’ultimo atto si arrampica un tennista non incluso tra le teste di serie.

E invece, a testimonianza che tutto può capitare nel tennis, finisce che un Nadal non al meglio della forma le becca per la prima volta in carriera da Nicolas Almagro: avversario non facile, certo, ma neanche imbattibile se è vero che in semifinale contro Giraldo ha perso abbastanza nettamente. Intanto dal lato basso del tabellone, complice l’uscita di scena immediata di Ferrer contro Gabashvili, si arrampicava il giapponese Kei Nishikori, bravo a mettere in fila Bautista Agut, Golubev, Cilic e Gulbis, ovvero un tabellone non proprio di secondo piano.

Resa dei conti finale senza storia, con Giraldo capace di racimolare solo quattro games contro il nipponico. Poca gloria per l’Italia: Fognini contro Giraldo non sta bene e becca un avversario in palla, ritirandosi sullo 0-6 0-4, fuori anche Viola contro Golubev.

Come da pronostici

'Na passeggiata de salute

‘Na passeggiata de salute

A Bucarest, invece, non sorprende di certo il terzo centro in carriera per Grigor Dimitrov, vuoi perché il bulgaro era la prima testa di serie, vuoi perché non è che ci fossero avversari da far tremare le vene ai polsi. Dimitrov ha trovato in finale il campione in carica, il ceco Lukas Rosol, bravo a mettere in fila tra gli altri Nieminen e Simon difendendo così la maggior parte dei 250 punti in uscita.

Nella zona alta, intanto, Dimitrov si faceva strada senza grosse difficoltà e nella sfida in teoria più impegnativa, quella contro Monfils, beneficiava del ritiro dell’avversario sul 5-1 del primo set. Finale combattuta solo nel primo parziale, con Rosol che ha ceduto di schianto nel secondo.

Capitolo italiani: Volandri dignitoso ma perdente contro Rosol, Seppi subito fuori contro Berlocq in un match che si poteva portare a casa.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *