I Luoghi Comuni – II Parte

di - 30 Marzo 2012

di Lorenzo Falco (Preparatore Fisico Fit II Grado)

Cari appassionati lettori di Spazio Tennis, prosegue il percorso dedicato alla preparazione fisica specifica per il tennis, dopo un breve periodo di pausa.

L’ultimo articolo dal titolo “Luoghi comuni, parte prima” ha preso in rassegna alcuni errori abituali compiuti, a giudizio di chi scrive, da genitori, tecnici e giovani atleti.

Ho felicemente apprezzato i commenti, le proposte e i racconti personali.

Alcune persone mi hanno scritto mail private, domandandomi risposte su altre questioni, non citate nell’articolo.

Il testo che segue fornirà le risposte alle richieste dei lettori. La gestione dei numerosi aspetti dell’allenamento è un’opera complessa. E’ fondamentale dunque non commettere errori per ottimizzare il rendimento dell’atleta e per sgombrare il percorso sportivo da ogni consuetudine di scarso valore scientifico.
Giorgio da Pavia scrive: “Caro Lorenzo, ho un figlio di 15 anni che gioca a tennis, con un buon livello di gioco. Nel corso della stagione tennistica egli partecipa a numerosi tornei, spesso ravvicinati. Ci poniamo la questione su come comportarci negli allenamenti precedenti alle partite e su quali strategie di recupero adottare al termine di un ciclo prolungato di partite.”

Caro Giorgio, la questione non è di poco conto. Esistono tuttavia regole generali che guidano l’atleta nell’affrontare le competizioni con la giusta freschezza. E’ necessario premettere alcune considerazioni.

E’ differente affrontare un singolo incontro rispetto a disputare un ciclo di competizioni, sul piano dello stimolo e del carico atletico da sopportare. Giocare un torneo, alla ricerca di punti e vincere qualche turno, con la prospettiva di affrontare più partite nell’arco di pochi giorni, non è comparabile con la partecipazione ad un torneo in cui si entra con scarse probabilità di superare il turno di accesso.

Giovani atleti che si allenano quasi quotidianamente per un carico di ore settimanali superiori alle dieci devono porsi seriamente la questione su quali strategie di recupero adottare, prima e successivamente alle competizioni. Giocatori che affrontano un volume di allenamenti basso e moderato devono considerazione con particolare attenzione gli allenamenti praticati fino a poche ore prima della competizione in cui desiderano avere tutte le energie a disposizione. In questi ultimi infatti, sono scarse le capacità di recupero e dunque è fondamentale non affaticare il fisico, in previsione di partite dispendiose.

Ogni atleta, anche a livello giovanile, dovrebbe seguire una programmazione stagionale mirata. I carichi di lavoro e la loro scansione non si improvvisano.

E’ tuttavia impensabile, sul piano pratico che il giovane atleta possa arrivare alle competizioni sempre in condizioni brillanti di forma: gli allenamenti nel corso della settimana tendono ad appannare lo stato fisico dell’atleta. In alcuni casi, si tratta di un aspetto irrinunciabile ma talvolta desiderabile, perchè miglioramenti sul piano della resa atletica, dello stimolo e della capacità di soffrire si ottengono più agevolmente in condizioni di affaticamento neuro – muscolare.

I contenuti allenanti da affrontare a ridosso degli incontri sono personalizzabili. L’ atleta che ha imparato a percepire ogni segnale corporeo adotta strategie individualizzate, sperimentando situazioni nuove e registrando ogni volta le sensazioni sui risultati ottenuti.

Come già affermato in precedenza, ogni atleta adotta soluzioni differenti, anche in relazione alla programmazione agonistica scelta. La valutazione di tali aspetti è compito dello staff che segue l’allievo: il tecnico, il coach e il preparatore fisico devono concordare al meglio gli obiettivi stagionali realizzabili sul piano dei risultati (classifica di gioco) e per cercare una crescita sportiva consolidata.

Fatti salvi gli aspetti personalizzabili, è utile ora individuare ciò che è certamente necessario fare e ciò che sarebbe auspicabile evitare, a giudizio di chi scrive.

E’ certamente importante: svolgere un corretto riscaldamento muscolare specifico prima delle competizioni, anche nei periodi in cui la temperatura è calda, allo scopo di attivare i sistemi energetici e per concentrarsi sul match da disputare; terminare la competizione con il corretto defaticamento (al termine di una competizione dispendiosa, è fondamentale ricercare uno stato di rilassamento, per mezzo della corsa lenta mentre, nel caso di competizioni ravvicinate per cui è necessario affrontare un successivo match con tono muscolare attivo e reattivo, si può concludere l’allenamento con alcuni allunghi in progressione di velocità, sul lato lungo del campo); mangiare immediatamente dopo un match o un allenamento è fondamentale per ottenere il giusto recupero delle riserve energetiche, tuttavia la maggior parte dei giovani atleti commette il macroscopico errore di attendere il pasto successivo, quasi due ore dopo, rallentando inevitabilmente la risintesi del glicogeno e la ricostituzione delle riserve proteiche, aspetti primari per il corretto stoccaggio dell’energia da fonti corporee.

E’ certamente un errore: sovraccaricare l’apparato locomotore con allenamenti che attivano componenti condizionali a lento recupero (forza generale e resistenza lattacida) nelle immediate vicinanze alle competizioni da disputare. E’ meglio preferire esercitazioni di rapidità, lanci della palla zavorrata, sessioni di mobilità articolare o contenuti riferiti alla velocità di base, con i giusti recuperi. Sul campo è importante provare alcune soluzioni tattiche e strategiche, concentrarsi sul servizio e sugli aspetti psicologici riferiti al match da affrontare (forza dell’avversario, tipo di gioco, superficie, colpi da preferire, etc.).

Per trovare la giusta strategia, l’atleta deve sperimentare diverse situazioni. La maturità sportiva e la capacità di percepire le sensazioni individuali contribuiscono ad affinare il processo di ricerca della migliore soluzione tecnico – atletica pre – gara e delle metodologie di defaticamento idonee.

 

Andrea da Milano scrive: Mia figlia gioca a tennis da 4 anni. I maestri di tennis che la seguono nella Scuola, talvolta sostengono che Giulia sia “scarsamente coordinata”. Ho esposto questa considerazione alla sua insegnante di educazione fisica ma lei ritiene che non vi sia alcuna differenza con le compagne di classe e che non vi sia alcuna preoccupazione in merito. Come mi devo comportare? A chi devo credere? Ed eventualmente cosa devo fare? Grazie anticipatamente per la risposta.

 

Caro Andrea, il caso di tua figlia è abbastanza frequente. L’incomprensione è dovuta principalmente all’assenza di un linguaggio comune e all’errata conoscenza degli aspetti fisiologici che costruiscono le qualità coordinative individuali.

Le capacità coordinative sono qualità fondate sulle esperienze motorie e caratterizzano lo svolgimento di processi di controllo dei movimenti specifici e adeguati alla situazione.

L’addestramento delle capacità coordinative non deve dunque essere valutato in modo univoco nella realizzazione pratica dell’allenamento, perchè la sollecitazione coordinativa è differente per ogni attività sportiva. Per questo motivo ciò che sembra evidente agli insegnanti di tennis di tua figlia, può apparire insignificante e poco degno di nota per un altro osservatore.

L’azione e l’espressione delle capacità coordinative si manifestano nell’apprendimento delle abilità motorie, nella capacità di renderle disponibili in ogni situazione variabile e incerta e nel fondamentale compito di trasformare in prestazioni tecniche le potenzialità energetico – condizionali. Questo spiega perchè, in campo sportivo, è determinante la precocità nell’affrontare compiti motori di difficoltà crescente. L’allievo che ha “giocato molto”, con i giusti adattamenti, ha enormi e quasi sempre impareggiabili vantaggi nelle costruzione delle qualità sportive, frutto della fusione tra qualità tecniche specifiche, qualità coordinative speciali e inevitabili miglioramenti condizionali, frutto di un adattamento ormonale e scheletrico sempre crescente, in età giovanile.

E’ difficile misurare quale sia la reale portata delle capacità coordinative nel corso della prestazione sportiva: non è dunque agevole impostare e valutare il carico coordinativo.

Per tali motivi è arduo affermare, con numeri alla mano, che l’allievo è migliorato. Un tecnico attento percepisce i cambiamenti dall’osservazione quotidiana: maggiore proprietà di palleggio, gestione controllata della continuità, riduzione degli errori, capacità di impattare a diverse altezze, con differenti velocità e con opportune rotazioni,  attenzione verso i fondamentali schemi di gioco, etc.

Il modello della diversificazione delle capacità coordinative è stato un tentativo innovativo di strutturare finemente il settore della destrezza.

In ogni caso, malgrado i molteplici sforzi scientifici e la formazione di modelli, per le qualità e le capacità coordinative non esiste una marcata e ben definita diversificazione precisa di ogni singola capacità.

Quando si compie un’azione sportiva (superamento globale del concetto di gesto sportivo) è necessario sintetizzare molti aspetti delle destrezza individuale: osservazione dell’avversario, anticipazione dell’azione, predisposizione del corpo a compiere il movimento immaginato, ricerca dell’equilibrio, valutazione della reazione dell’avversario ai propri movimenti, correzione istantanea del gesto anche in relazione alle finalità tattiche da raggiungere, etc.

La comprensione scientifica della componente coordinativa della prestazione tuttavia è ancora agli inizi.

Non si può dunque parlare di soggetto “scarsamente coordinato” in senso generale ed è riduttivo sperare di risolvere tali complessi aspetti con qualche esercizio alla scaletta o con qualche lancio di palla di difficile esecuzione. Tali strategie mirano a differenziare il compito motorio, in linea con l’apprendimento di una pluralità di movimenti. La costruzione delle esperienze motorie da spendere nello sport praticato, si realizza con l’esercizio costante e ripetitivo delle situazioni di gioco legate alla disciplina, allo scopo di orientare il giovane allievo alla specializzazione della destrezza fine.

Per ulteriori approfondimenti, si può consultare l’articolo intitolato “La capacità di anticipazione motoria” pubblicato su www.spaziotennis.com

 

Angelo da Roma scrive: “Nell’ultimo anno, all’interno del circolo di tennis in cui gioca Stefano, mio figlio di 14 anni, lo staff tecnico ha fatto spesso ricorso a sessioni di videonalisi con l’ausilio di un operatore esperto nell’utilizzo di software informatici e di strumentazioni video. Trovo che sia uno strumento interessante e gradirei una tua opinione in merito. Grazie per la risposta che fornirai”

 

Gentile Angelo, la bonta di uno strumento e del metodo di lavoro che con esso si può realizzare dipende strettamente dalle finalità dell’impiego e dall’operatore o tecnico che svolge il compito.

Nel campo dell’allenamento tennistico, ormai da alcuni anni, a tutti i livelli, si impiega l’analisi video. Alcuni adottano software molto semplici, ad accesso libero, altri impiegano programmi di elaborazione più articolati e costosi, spesso affiancati da strumentazioni di alto profilo.

Come accade solitamente, un metodo di lavoro può nascere anche con solide e comprovate basi tecnico – scientifiche. Nelle prime fasi, è lo sportivo professionista, in particolari situazioni, a farne uso, con finalità prestative mirate. Poi si assiste alla naturale diffusione della scoperta, su vasta scala, per qualsiasi livello di gioco, snaturando in tal modo i rigorosi presupposti su cui inizialmente ha avuto successo sui professionisti. In parole semplici, si pensa, attivando magari un circuito commerciale, che ciò che è valido per alcuni atleti, magari professionisti, possa essere esteso con profitto a giocatori amatori, di qualsiasi età e livello di gioco.

Nella maggior parte dei casi, il “prodotto” videoanalisi, è proposto in forme simili: si riprendono i fondamentali di gioco che si desidera analizzare, si elaborano i video raccolti con l’ausilio di un calcolatore potente e per mezzo di un software, si manipolano le informazioni ricevute, ricavando dati numerici (angolo di rotazione del busto, altezza di impatto della palla dal punto di lancio, nel servizio, angolo di piegamento del ginocchio nel fondamentale del diritto, scostamento del lancio della pallina rispetto alla linea longitudinale del corpo nella fase preparatoria del servizio, etc.) e molto spesso, grazie ad un archivio filmati, si paragona il colpo eseguito con quello realizzato da un giocatore o giocatrice di alto livello. Si conclude la sessione con la discussione tra l’allievo, il maestro e l’operatore. Il maestro dell’allievo annota le principali riflessioni emerse dal confronto.

Il metodo di lavoro descritto apre numerose questioni: quali indicazioni sono realmente spendibili per consolidare benèfici miglioramenti nell’allievo? Quando si parla di miglioramenti, cosa si intende? Può essere utile un’analisi video, per quanto accurata, svolta ogni sei mesi? Il livello di gioco e l’età dell’atleta influiscono nella valutazione dei risultati conseguiti al termine di sessioni ripetute di videoanalisi? Il maestro, se esperto, riesce a trarre utili indicazioni dal supporto video e riuscirebbe ad accorgersi in autonomia di ciò che osserva o necessita di un ausilio strumentale?

In campo tennistico, il dibattito sull’opportunità della videoanalisi è molto aperto.

Come esperto di attività motoria e di metodologia dell’allenamento, ritengo che la videoanalisi possa essere un supporto interessante, tuttavia non primario.

Il ricorso alla videoanalisi può essere giustificato se: l’atleta ha già ottimizzato tutte le componenti legate alla prestazione e desidera rendersi conto di dettagli che lui stesso giudica importanti per affinare il rendimento di alto livello; l’atleta ha l’opportunità di disporre quotidianamente di tali strumenti e dunque riesce a verificare ogni lieve cambiamento indotto dal supporto.

La videoanalisi è un valido mezzo, anche per i giocatori non professionisti se: è immediata, ovvero se le sessioni si svolgono nel corso dell’esercizio in campo (realizzo 4 servizi, al termine, dopo pochi secondi, osservo il video e immediatamente dopo realizzo altri servizi, prestando attenzione agli indicatori emersi dal primo blocco); si concentra maggiormente su aspetti tattici e strategici piuttosto che su contenuti tecnici svolti in condizioni di relativa facilità (il maestro tira cinque palle facili dal cesto).

A tal proposito, è molto comune osservare giocatori che esprimono raffinati movimenti che esaltano la tecnica di un gesto sportivo, in condizioni di equilibrio e in totale assenza di tensione agonistica. Il supporto della videonalisi dovrebbe, a giudizio di chi scrive, indagare prevalentemente le scelte di natura tattica, nel corso del match. E’ frequente osservare un allievo “diligente con il cesto di palle” ma scomposto e nervoso in una situazione di gioco, anche la più banale.

Ottenere validi feedback dal confronto con un atleta professionista, adulto e talentuoso, appare, a giudizio di chi scrive, una forzatura molto marcata.

Il gesto tecnico, spesso oggetto della videonalisi, quasi sempre minuziosamente frazionato in mille dati dalla scarsa spendibilità didattica, non può esistere senza un coinvolgimento emotivo, tattico e strategico: soltanto il match consente di tirare le somme sulla qualità del giocatore, anche in età giovanile.

 

Bibliografia

 

  • Atienza FL., Balaguer I., García-Merita ML., Video modeling and imaging training on performance of tennis service of 9- to 12-year-old children, Pubmed (Medline).
  • Frohner G., La capacità di carico nello sport giovanile SDS numero 90, 2011, Calzetti e Mariucci, Perugia
  • Kendel R.E., Schwartz J.H., Principi di neuroscienze, Editrice ambrosiana, 1990, Milano

 

Al termine di questo articolo, desidero portarvi a conoscenza di un’iniziativa di cui mi onoro di essere un promotore e un organizzatore.

Il prof. Salvatore Buzzelli, metodologo dell’allenamento e preparatore fisico dal 1975, alcuni mesi fa mi ha manifestato la volontà di creare alcune settimane di allenamento per giovani tennisti agonisti, impiegando la guida tecnica di Davide Scala, maestro ed ex giocatore professionista.

Buzzelli desidera mettere a disposizione la sua professionalità e il suo metodo di lavoro a vantaggio di giovani allievi che vogliono approfondire aspetti irrinunciabili dell’allenamento: la preparazione fisica quale supporto alla tecnica del gioco del tennis e la creazione di un serio e scientifico piano di lavoro, fondato sulla valutazione e sulla costruzione della programmazione.

Io sono presidente dell’Associazione Sportiva Artemide, impegnata nello sport per giovani e adulti. Mi sono prontamente attivato per realizzare questa idea: dalla scelta del luogo, alla creazione del progetto; dalla diffusione dell’iniziativa alla raccolta delle iscrizioni.

Abbiamo creato un solido lavoro di squadra. Non desideriamo in alcun modo fare concorrenza ad altri gruppi di lavoro ben più numerosi, con grande visiblità e pronti ad accogliere moltissimi allievi

Il nostro intento è molto semplice: giovani atleti agonisti, nel numero massimo di 10 a settimana, si allenano con impegno sotto la guida del prof. Buzzelli e del maestro Davide Scala e acquistano un metodo di lavoro preciso e personalizzato.

Per scelta professionale non apriamo l’attività ad atleti principianti ma solo ad allievi che padroneggiano i fondamentali di gioco e ben si allenano da alcuni anni.

In tempi di austerità si deve investire sulla qualità del lavoro, in ogni campo professionale: meglio dunque, nel nostro caso, puntare a creare un gruppo di lavoro in cui i partecipanti siano pochi e limitati, ben seguiti, con allenamenti ad alto rendimento. Desideriamo che al termine delle nostre settimane di allenamento l’atleta possa dire: “Sono stanco ma ho imparato molto!”

Concludo ringraziando spaziotennis.com che ci ha dato la possibilità di fare una piccola promozione all’interno di un mio articolo e domando perdono se ho abusato di tale spazio.

Trovate tutte le informazioni su www.asdartemide.it nella sezione stage tennis 2012.

Non esitate a contattarci.

© riproduzione riservata

9 commenti

  1. Maurizio

    Lorenzo, l’iniziativa è interessante, le date però non lo sono altretanto, ci sono molti tornei in quel periodo, non è che si potrebbe inserire una data a settembre quando si ricomincia la preparazione? Sarebbe l’ideale.

  2. Lorenzo Falco

    Ciao Maurizio. Prima di organizzare le date di giugno e luglio abbiamo fatto alcune indagini e abbiamo riscontrato che molti ragazzi non disputano tornei particolari in quel periodo. Altri invece sono molto impegnati.
    Tuttavia è nelle nostre intenzioni aggiungere una settimana nel mese di settembre, prima dell’inizio della scuola.
    Per noi è fondamentale partire, perchè nel tempo abbiamo avuto diverse richieste, e l’estate ci sembrava il primo periodo utile. Ti ringrazio per l’apprezzamento verso la nostra iniziativa.
    A presto
    Lorenzo.

  3. Maurizio

    Ok Lorenzo, fammi sapere se organizzate per settembre. Se credi fatti dare la mia mail da Alessandro.

  4. Maurizio. Vai sul sito dell’associazione e mandami una mail. In questo modo potrò avere il tuo indirizzo. Nell’occasione scrivimi anche l’età di tuo figlio/figlia e alcune altre informazioni “sportive”.

    A presto. Lorenzo.

  5. Stefano Grazia

    Avevo ricevuto qualche giorno fa una mail dal Prof Buzzelli che mi anticipava la novita’ e gli avevo risposto che era una bella idea ma che purtroppo…avevamo gia’ dato…!:) Pero’ visto che nessuno certo puo’ accusarmi di facinorose ostilita’ nei confronti del Prof, vorrei in maniera del tutto amichevole e anzi costruttiva avanzare alcune perplessita’ che eventualmente Lorenzo e il Prof stesso potranno fugare…
    Anch’io, come Mauro, avevo notato i conflitti di calendario e anzi avevo subito suggerito che, essendo evidente l’orientamento spiccatamente atletico, di effettuare un paio di queste jam sessions non tanto a settembre ma durante l’inverno (voi direte che bisogna farle durante le vacanze scolastiche e allora dico io, a Natale o a Pasqua).
    D’altra parte e’ anche vero che se uno intende fare una estate di tornei, una o due settimane cosi’ potrebbero fungere da richiamo (cosi’ come faceva Courier con Etcheberry che in vista di uno Slam si prendeva due settimane, la prima faceva soprattutto atletica, la seconda soprattutto tennis…Del resto la periodizzazione in 3-4 parti e’ ormai fatto acquisito anche da parte dei grandi del Circuito (meno dai Peones che devono raccattare punti cola’ dove si puote…)
    Detto cio’, dal documento che mi e’ stato inviato ma anche dal sito dell’associazione o da questo articolo, non e’ ben chiaro come si svolgera’ il Programma… Buona l’idea dei “Dieci e Solo 10”, ma dieci con solo un Coach per quanto bravo come sicuramente e’ Scala, sono molti..Non ci sono notizie su quanti campi saranno a disposizione e su quanti Assistant Coaches/Sparring Partners, assumendo che forse Scala potrebbe girare fra i campi e fare mezzora/un’ora su ognuno di essi prima di passare all’altro… oppure Scala lavorera’ con 2-4 atleti mentre gli altri 6-8 saranno spremuti da Falco e il Prof in Test Atletici e Preparazione Atletica Finalizzata con o senza Buzz… Il che va benissimo e potrebbe anche essere il PUNTO di FORZA (della serie: si, ci sara’ anche un po’ di tennis, nel pomeriggio farete delle partitelle, ma delle 5-6-7 ore-a proposito appunto: quante?- al giorno la maggior parte saranno di atletica…) ma appunto non viene specificato e forse, per evitare malintesi, sarebbe meglio farlo…O no?
    Quindi, in soldoni: o io non sono stato capace di trovarlo, o mi sembra che manchi il Programma Specifico Giornaliero (quante ore al giorno e come) e credo che sia importante, soprattutto per differenziarlo dalle altre offerte….
    Ho scritto questo post non con l’intento di una critica sterile ma ‘au contraire’ per offrire un punto di vista da parte di un Utente che ha frequentato, da Adulto o da Genitore del Figlio, molti di questi Stages (Bollettieri, Bob Brett,Evert, Macci, VanderMere, etc) e quindi, almeno in questo caso, puo’ parlare con una piccola cognizione di causa … Se mio figlio facesse ancora parte del giro e avesse una Programmazione di Tornei da seguire, non avrei avuto dubbi (visto che tra l’altro abito a pochi km dal Centro del Prof) a mandarci mio figlio con l’ottica,se ho capito bene, del Richiamo Atletico in previsione di un lungo periodo di 6-8 settimane in Tour … Anche perche’ cosi’,fra Tests e Consigli, avrei avuto una valutazione del lavoro svolto in precedenza (sia se autarchico sia se fatto in rinomate academies oltre oceano) … Pero’, come detto in apertura…abbiamo gia’ dato!

  6. atti

    E anche il prof. BUZZELLI (S)CALA il FALCO!!!

    Battuta a parte, villa Pallavicini a Bologna è perfetta come location per una settimana di full immersion di tennis e PA.

    Stesso appunto di Stefano Grazia, una schedule con le varie fasi giornaliere potrebbe chiarire meglio come verrà svolta la giornata tipo ai potenziali interessati .

  7. Salve a tutti, nel sito www punto asdartemide.it nel link “Stage 2012” ci sono tutte le indicazioni riguardanti l’organizzazione delle settimane, che il fido e preciso Prof. Falco ha strutturato, e alla voce “programma dello stage” c’è il dettaglio del programma giornaliero di massima.
    Ulteriori notizie le fornirà sicuramente Lorenzo appena avrà il tempo.

  8. Lorenzo Falco

    Buonasera a tutti. Salvatore ha già risposto alla questione sul programma dello stage.
    Dalla homepage di asdartemide.it, in alto a destra, si può cliccare sulla scritta STAGE 2012 e appariranno alcuni menu (chi siamo, a chi è rivolto, sede, programma, etc.). In pochi minuti di lettura avrete soddisfatto ogni chiarimento.

    L’intento del nostro stage – e si può leggere in molte parti della presentazione – non è principalmente quello di “caricare le pile” dei ragazzi in vista di settimane di carico di lavoro. Il principale obiettivo, per cui è nata l’iniziativa, è fornire ai ragazzi un preciso metodo di lavoro, essenziale per la programmazione a lungo termine delle proprie abilità.

    Lavorare sulla destrezza, riflettere sulle spinte, lavorare sul servizio, incrementare la capacità di reazione complessa, impiegare la palla medica con specificità, sviluppare la forza esplosiva, lavorare sulla mobilità articolare del cingolo scapolare. Il nostro scopo è portare i ragazzi a comprendere e a realizzare ciò che sul piano fisiologico è necessario sul campo da tennis: imparare ad allenarsi, con metodo, valutando i progressi, con poche cose ma fatte con grande qualità. Nient’altro.

    Il prof. Salvatore Buzzelli è il direttore tecnico e gestirà dal vivo l’organizzazione delle giornate per gli allievi. Naturalmente ci sarà l’impiego del Sensobuzz (Sensotraining) e di altri metodi impiegati nel corso del suo lavoro.

    Io mi occuperò di analisi video, secondo le linee guida che ho tracciato nell’articolo sopra: tattica e gioco.

    Un saluto a tutti.

    Lorenzo Falco.

  9. Giorgio il mitico

    Vedo con piacere che la preparazione fisica occupa un posto importante nel corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *