Viola: “Comandavo sempre lo scambio”

di - 12 Febbraio 2013


(Matteo Viola – Foto Nizegorodcew)

di Alessandro Nizegorodcew

Matteo Viola ha messo a segno una delle sorprese più belle della settimana. In quel di Rotterdam, il tennista veneto ha superato le qualificazioni prima di sconfiggere in tre set (57 63 61) il top-40 Marcel Granollers. Al secondo turno sfiderà Gilles Simon in un match ancor più complicato. “L’inizio di stagione è stato piuttosto difficile” – ha raccontato Viola a Spazio Tennis – “E solo in questi giorni sto ritrovando pian piano la forma migliore. Ho migliorato molto il servizio, sia sulla prima che sulla seconda palla. Il torneo di Rotterdam è probabilmente uno dei tornei indoor più belli che ci siano nel circuito o almeno questo mi dicono tutti i giocatori.” Matteo ha quindi ripercorso con noi il cammino che lo sta vedendo protagonista nel torneo Atp 500 olandese. “Nel primo turno di quali” – ha spiegato il mestrino – “sono stato molto bravo a vincere il primo set contro Ito che, nel secondo parziale, ha subito un infortunio all’addome che non gli permetteva di servire al meglio e ha deciso quindi di ritirarsi. Contro Huta Galung, che giocava in casa penso di aver disputato un ottima partita dall’inizio alla fine. Ho vinto 76 62 ma il primo set lo avrei potuto vincere più agevolmente. E’ stato un incontro di grande intensità.

Arriviamo dunque alla grande vittoria contro Marcel Granollers. “E’ stata una grandissima soddisfazione” – ha raccontato l’allievo di coach Andrea Mantegazza – “perché è arrivata una vittoria contro un tennista molto forte, anche se c’è da dire che sul cemento indoor Granollers fa certamente più fatica rispetto alla terra battuta. Il momento chiave è stato l’inizio del secondo set, durante il quale sono stato bravo a rimanere attaccato allo spagnolo, perché il match stava prendendo una brutta piega. A metà del terzo set lui ha chiamato anche il fisio. Ma ero sempre io a comandare lo scambio ed è questa il dettaglio che mi rende più soddisfatto.”

© riproduzione riservata

6 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *