ITF: Forti show a Cuneo, è in finale. A Tabarka seconda finale di fila per Anna Turati

di - 7 Luglio 2019
Francesco Forti - Foto Marta Magni
Francesco Forti - Foto Marta Magni

Una giornata molto positiva per Francesco Forti, impegnato nell’ITF di Cuneo. Il diciannovenne azzurro ha infatti raggiunto la seconda finale in carriera a livello ITF e domani andrà alla ricerca del suo secondo titolo. Il classe ’99 di Cesenatico in semifinale ha sconfitto, in rimonta (4-6 6-1 6-4), l’olandese Gijs Brouwer e domani nell’ultimo atto del torneo si troverà di fronte la prima testa di serie del torneo, ossia il domincano José Hernandez-Fernandez, con l’obiettivo di prendersi la rivincita dopo la sconfitta patita al Challenger di Milano.

A quasi un anno di distanza (Tunisia, settembre 2018) anche Fabrizio Ornago torna in finale a livello ITF e lo fa nel 15.000 di Saarluois. Il tennista lombardo, testa di serie numero 1 del torneo tedesco, ha infatti sconfitto in semifinale il brasiliano Bruno Sant’Anna con un netto doppio 6-2 e anche lui, come Forti, in finale si troverà di fronte un tennista dominicano, ossia la quinta testa di serie del torneo Nick Hardt.

In campo femminile, invece, l’esito delle azzurre impegnato è negativo. Sono state infatti sconfitte, in semifinale, Sara Errani, impegnata nel 25.000 di Denain, e Lucia Bronzetti, impegnata nell’ITF di Biella. “Sarita”, testa di serie numero 5 del torneo, è stata sconfitta con lo score di 6-2 4-6 6-4 dalla lussemburghese Eleonora Molinaro. La Bronzetti,  in tabellone con una WC, è stata invece eliminata con un più netto 6-2 6-4 dall’ucraina Katarina Zavatska.

L’unica nota positiva, in campo femminile, è la sempre più “on fire” Anna Turati, che ha raggiunto la sua seconda finale consecutiva nel 15.000 di Tabarka, dopo quella vinta la settimana scorsa. La ventiduenne brianzola nel penultimo atto del torneo tunisino ha sconfitto con un doppio 6-3 la qualificata argentina Martina Capurro Taborda e domani andrà alla ricerca del suo secondo titolo di fila contro la WC austriaca Yvonne Neuwirth.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *