Lotto: design e tecnologia italiana nel tennis

di - 14 Marzo 2015

libro_lotto

di Dario Pennino (DP Sport Management)

Alberto Fraticelli, Head of Marketing & Communications worldwide di Lotto Sport Italia, mi conduce attraverso la sua organizzazione, nelle quattro macro-aree di attività: 1) sponsorizzazioni, dove vengono definiti gli interventi in campo sportivo e i budget da dedicare alle diverse aree: calcio, tennis, atleti, running ed altri sport; 2) pubblicità e comunicazione, intesa come realizzazione di cataloghi, campagne pubblicitarie e attività social; 3) PR, stampa ed eventi; 4) licenze extra core-business, in particolare rapporti con società terze che utilizzano il marchio per categorie di prodotto diverse dal core business, come ad esempio i profumi o la cartotecnica.

Come può vedere, il nostro è un mondo ampio, complesso e variegato” – sottolinea Fraticelli – ma nel tennis batte il nostro cuore. Nel 1973 Lotto nasce con il tennis e l’australiano John Newcombe è stato il primo testimonial. Da lì in poi, una serie di successi ha contraddistinto la nostra storia. Ma ci sentiamo un marchio giovane, in continua evoluzione. Lo dimostra, per quanto riguarda la sfera tennis, la collezione del 2014 dedicata alle donne: Agnieszka Radwanska ha indossato i completini alla moda della collezione “Maddy”, una “capsule collection” composta da tre outfit con temi diversi (i fiori, i pois e le farfalle), temi senza dubbio intercettati dai generali trend nel fashion e declinati nel tennis femminile. I risultati sono stati ottimi. Abbiamo lanciato lo scorso anno il primo outfit della collezione primavera-estate in occasione degli Internazionali BNL d’Italia, il secondo tema a pois agli US Open e l’ultimo con le farfalle ai Master di Shanghai. Il circuito WTA ci ha regalato un’ottima visibilità“.

aga-lottoTra i testimonial della Lotto, oltre alla Radwanska, citiamo Ekaterina Makarova, Carla Suarez Navarro e Karin Knapp. Tra i gentlemen, l’inossidabile David Ferrer, recente vincitore a Rio e Doha, Kevin Anderson, Nicolas Almagro. Tra gli ex campioni juniores, Gianluigi Quinzi e Jiri Vesely. “Crediamo molto nei giovani, preferiamo investire su di essi piuttosto che su campioni già del tutto affermati. Possiamo programmare con loro un lavoro di medio-lungo periodo. Ciò corrisponde meglio alla nostra sensibilità. L’inclinazione naturale che abbiamo infatti è crescere, raccontare una storia, da dove siamo partiti e dove siamo arrivati, e perché; ciò che ci interessa di più è sottolineare l’autenticità di un percorso. Alcuni collaboratori tecnici effettuano continuamente un monitoraggio sui senior e sui giovani per individuare, segnalare quale atleta meglio e di più può rappresentare i valori della marca. I nostri testimonial sono anche i nostri migliori alleati nello sviluppo del prodotto, infatti svolgono un ruolo fondamentale nel testare i prototipi o gli articoli in attesa di lancio. Da loro riceviamo preziosi feedback e sulla base delle loro indicazioni progettiamo e riprogettiamo prodotti e linee”.

Anche quest’anno la Lotto presenta interessanti novità: alle scarpe “Raptor” – modello di riferimento nelle calzature che si caratterizza per una struttura e un supporto ottimale soprattutto per il gioco da fondo campo –  viene affiancata la scarpa “Stratosphere”, supportata da una tecnologia e da una impostazione ideale soprattutto per i tennisti estremamente reattivi e dinamici. La Stratosphere è un prodotto di eccellenza che non sostituisce la Raptor, ma la affianca completando l’offerta che risulta così adatta ad ogni tipologia di giocatore.

Per quanto riguarda la distribuzione, la presenza dei prodotti è capillare, in più di cento paesi nel mondo. Poco più della metà del fatturato si realizza in Europa – soprattutto in Italia, Francia, Spagna e Germania – poi in Asia-Pacifica e nelle Americhe.  A seconda dei mercati, i modelli distributivi prevedono la presenza di filiali, distributori o licenziatari. Da segnalare la folta presenza di negozi monomarca in Sud Corea (105 totali) e India (100 monomarca e 200 corner).

ferrer-lottoI prodotti Lotto tennis sono venduti anche tramite i siti internazionali specializzati come www.tennis-warehouse.com. Mentre il sito corporate www.lottosport.com funge da vetrina per tutte le collezioni e le altre attività del brand. L’azienda è molto attiva tra i social media, con i quali si rivolge ad una platea vasta e dinamica, che ricerca aggiornamenti in tempo reale. “Abbiamo appena lanciato una campagna pubblicitaria innovativa che utilizza un’App – conclude Fraticelli – su App store e Play store si può scaricare l’applicazione Sayduck, con la quale è possibile ammirare l’intera collezione “Leggenda” in 3D direttamente sul proprio smartphone o tablet in tutte le varianti di colore che non potrebbero essere mostrate in una pagina stampata; spostando l’inquadratura e giocando con il proprio device sembrerà di toccare con mano la scarpa avvicinandosi ad ogni singolo dettaglio, dalla punta al tallone, navigando tra tutti i colori disponibili. Siamo molto orgogliosi di questo nuovo strumento”.

“Italian sport design” è il pay-off utilizzato dall’azienda trevigiana: un presente da innovatore, un futuro contraddistinto dalle tecnologie e un passato dal grande cuore italiano.

© riproduzione riservata

2 commenti

  1. Mauri

    la qualità e la competenza delle calzature Italiane non si discutono, ormai siamo invasati da marchi di multinazionali estere che ci bombardano con mille offerte di prodotti più svariati tra cui le calzature, io dico ognuno è bravo a fare il proprio mestiere, quindi utilizzate scarpe, acquistandole da chi è nato per farlo.

    Maurizio

  2. massimiliano

    Un grande complimento ad Alberto per la conduzione del marchio Lotto nel mondo e una raccomandazione , la scarpa da tennis Lotto da venti anni al Top è in assoluto un pezzo unico, usatela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *