Andrea Ceccarello: “Mi ispiro a Fernando Verdasco”

di - 14 Luglio 2010

Prosegue il cammino di Spazio Tennis alla conoscenza dei giovani talenti azzurri. E’ quest’oggi il turno di Andrea Ceccarello, vincitore di due tornei Itf Under 18 (Grade 4) consecutivi. Andrea è mancino ed è nato ad Ivrea, in provincia di Torino, il 17 febbraio del 1993. Andiamo a conoscerlo meglio.

Andrea Ceccarello

di Alessandro Nizegorodcew

Andrea, raccontaci per prima cosa come ti sei avvicinato al tennis…
“Ho iniziato a giocare a circa 8 anni. Mi ha spinto mio padre verso il tennis, visto che pure lui giocava. Io in realtà giocavo anche e calcio e mi piaceva molto, ma alla fine ho dovuto fare una scelta, perché è impossibile praticare due sport a livello agonistico. I miei genitori sono stati fondamentali per il mio approdo definitivo al tennis.”

Qual è stato il tuo primo maestro e dove ti alleni ora?
“Il mio primo maestro è stato Maurizio Iezza. Ora mi alleno al centro tecnico federale di Tirrenia con il maestro Canavacciuolo.”

Qual è il tuo stile di gioco?
“Il mio tennis si basa sulla regolarità e sul cercare quindi di sbagliare il meno possibile. Sto lavorando per provare ad essere più aggressivo, cercando con maggiore assiduità il colpo vincente. Il mio colpo naturale è il rovescio, ma faccio molti più punti con il diritto. Devo migliorare il servizio, perché è un colpo che sarà fondamentale quando il livello si alzerà ulteriormente. Ho una buona resistenza fisica, ma posso migliorare ancora molto mettendo su qualche chilo. Sono alto un metro e ottanta.”

Nelle ultime settimane hai conquistato due tornei consecutivi (Grade 4 su terra battuta), prima in Germania e quindi in Olanda. A cosa pensi sia dovuto questo salto di qualità?
“Il salto di qualità penso sia dovuto ai costanti allenamenti in cui sono riuscito a dare il 100%, cercando di alzare l’intensità del mio gioco, lavorando giorno dopo giorno sugli aspetti fondamentali.”

Sei intorno al numero 200 della classifica Itf Under 18, credi di iniziare anche con qualche future?
“Credo che inizierà con i tornei futures verso la fine del 2010.”

C’è un giocatore nel circuito al quale ti ispiri?
“Mi piace molto Verdasco perché è mancino come me.”

Il tuo sogno nel tennis?
“Quello di entrare tra i top-100…”

Quali sono i tuoi obiettivi per la seconda parte del 2010?
“I miei obiettivi per questa stagione sono innalzare il mio livello di gioco e andare a giocare i tornei più importanti Itf Under 18 e provare, nonché provare ad essere competitivo a livello future. I miei prossimi tornei saranno due open per migliorare la classifica italiana e alcuni Itf Grade 2.”

Grazie per il tuo tempo Andrea e in bocca al lupo..
“Prego, grazie a voi.. Crepi!”

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *