Itf Tevere Remo (25.000$): Il resoconto del 6/7/08 (Turno di qualificazione)

di - 6 Luglio 2008

(Camila Giorgi – Foto Nizegorodcew)

di Alessandro Nizegorodcew

Giorgi b. Matera 60 63
Camila Giorgi ha portato la qualificaziono nonostante la tennista azzurra non abbia del tutto convinto. La sua avversaria, nettamene inferiore, non ha potuto nulla; Camila, come sempre, ha fatto il bello e il cattivo tempo. Primo set praticamente perfetto, secondo set con la solita miriade di doppi falli ed errori gratuiti. Oltre al servizio, colpo sul quale deve lavorare maggiormente, la Giorgi ha troppa fretta, troppa ansia di chiudere il punto, come ci conferma il padre Sergio: “In allenamento fa tutto benissimo, poi in campo ha troppa ansia e comincia a giocare in maniera errata; non pianta bene i piedi nei colpi da fondo, si muove troppo presto con le gambe sul servizio, tutto per la fretta, per la voglia di chiudere l’incontro. Quando è sopra nel punteggio, paradossalmente, si blocca.” Camila Giorgi è, nonostante questo, una giocatrice dal potenziale impressionante. La sua avversaria, Cristina Matera, ci fa capire in due parole la strapotenza dell’azzurrina: “La Giorgi è di un’altra categoria, in due set non ha mai avuto il tempo di pensare a che tipo di palla giocare; ti toglie il tempo, non ti fa respirare.

(Martina Di Giuseppe – Foto Nizegorodcew)

Di Giuseppe b. Quercia 75 64
Martina Di Giuseppe è cresciuta. Il suo livello è salito. Merito della sua abnegazione, del lavoro di Francesco Elia e Silvia Farina. Dal 4-5 nel primo set e servizio Quercia, Martina ha alzato il ritmo. Back di rovescio, palle corte, tutti colpi per potersi aprire il campo e chiudere con il diritto: “Ho fatto tantissimi vincenti con il diritto. Sono contenta, soprattutto perché fisicamente, rispetto a qualche tempo fa, sono decisamente un’altra!” Dominare la Quercia sotto il profilo tattico non è impresia facile; far innervosire la Quercia con il proprio gioco non è da tutte. Voto alto oggi per Martina Di Giuseppe, in attesa del prossimo incontro.


(Erika Zanchetta – Foto Nizegorodcew)

Meddens b. Zanchetta 64 63
Primo set molto equilibrato, con la giovane olandese, classe 1989, che ha chiuso il set brekkando l’azzurra sul 5-4, ai vantaggi. Il secondo set ha visto partire la Meddens in quinta: 5-1 in pochi minuti. Qui è arrivato il tentativo di rimonta della Zanchetta, che si è portata 3-5, con qualche occasione fallita per il 4-5. La Zanchetta non è ancora al top fisicamente, anche se con il diritto, quando vuole, fa i buchi per terra. Il talento è nitido, la condizione fisica, a causa del lunghissimo infortunio, è deficitaria. La Meddens gioca un ottimo tennis: buoni entrambi i fondamentali, così come il servizio, in particolare da destra ad uscire. Giocatrice interessante

I Risultati del turno di qualificazione:

Giorgi b. Matera 6-0 6-3
Di Giuseppe b. Quercia 7-5 6-3
Celani b. Vaideanu 6-2 6-3
Golds b. Rustignoli 6-1 6-4
Doz b. T. Kapshay 6-2 6-3
Kostova b. Caregaro
Piquion b. E. Kulikova
Maddens b. Zanchetta 64 63

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *