Martina Parmigiani: “Il 2010 dovrà essere l’anno del salto di qualità”

di - 3 Dicembre 2009

Martina Parmigiani
(Martina Parmigiani – Foto Nizegorodcew)

Il percorso tra giovani e giovanissimi azzurri, ci porta oggi ad analizzare il 2009 di Martina Parmigiani, classe 1994. Martina ha un gioco molto esplosivo e brillante, ancora parecchio acerbo, ma di sicuro interesse. A volte esagera con le accelerazioni, volendo tirare anche quando tatticamente la scelta adeguata dovrebbe essere un’altra. Ma, ripetiamo, la propensione al gioco offensivo ed alcuni colpi molto incisivi, ne fanno un prospetto da seguire con attenzione.

Martina, nel 2009, ha fatto il suo ingresso nella classifica Wta, attestandosi alla posizione numero 1109, riuscendo a fare partita parti anche con ragazze molto più avanti di lei (in classifica e soprattutto fisicamente) come Gioia Barbieri, Carmen Pinto e Martina Caregaro. Ci si aspettava comunque qualcosa di più dalla Parmigiani.. Abbiamo scambiato alcune battute con Martina per Spazio Tennis, ecco cosa ne è uscito fuori..

Per quanto riguarda questa stagione mi darei un 5 in pagella. Mi aspettavo molto di più, ma non devo comunque lamentarmi, quanto invece cercare di allenarmi per fare molto meglio nel 2010. Mi sono espressa meglio nei primi 10.000$, ma ho avuto troppi alti e bassi. Il mio obiettivo principale era quello di entrare nella classifica Wta e ci sono riuscita; però non sono soddisfatta, perché ho sprecato tante occasioni per migliorare ancora la mia classifica e fare un ulteriore salto di qualità. Sono migliorata sotto l’aspetto tecnico e anche su certo aspetti mentali, ma ho molto da lavorare per quanto riguarda quest’ultimo fattore. Devo essere più continua di testa per fare il salto di qualità. Il mio obiettivo per il 2010 è quello di alzare il più possibile il mio ranking, ma non ho una classifica precisa alla quale voglio arrivare. Giocherò partita per partita e comincerò, se possibile, a fare le mie prime esperienze nel circuito vero della Wta.

© riproduzione riservata

10 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *