Internazionali: le parole di Palmieri

di - 11 Aprile 2013

di Alessandro Nizegorodcew

Abbiamo scambiato qualche battuta con Sergio Palmieri, direttore degli Internazionali d’Italia, durante la presentazione dell’edizione 2013.

Parliamo di prequalificazioni: è stato aumentato il numero dei giocatori…

Sì, le abbiamo allargate passando da 16 a 24 giocatori e il numero dei tornei selettivi è passato da 7 a 14: quindi avremo 14 giocatori qualificati dai tornei, 2 che verranno sorteggiati tra coloro che avranno raggiunto almeno i quarti di finale e, come sempre, 8 invitati tra i nostri giovani più promettenti.

Senza fare nomi, potrebbe esserci spazio anche per alcuni tennisti del ’95 e del ’96…

Non abbiamo ancora deciso, ma ad esempio un Quinzi potrebbe decidere di giocare il Challenger. Noi però non vogliamo mettere pressione a nessuno.

Chiaramente è presto per parlare di wild card in tabellone, ma siete orientati per gli italiani?

Certo, anche perché tutti i giocatori più forti del mondo sono iscritti, non hanno bisogno di wild card. Quindi, tra dare la wild card a un ipotetico numero 50 e a un italiano, preferiamo darla a un nostro giocatore.

Tra l’altro nel maschile c’è anche buona scelta, perché due ne abbiamo in tabellone.

Due li abbiamo in tabellone e tra quelli che sono fuori ci sono giocatori italiani di livello alto, ai quali vogliamo dare assolutamente la possibilità di giocare.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *