Il 2010 di… Evelyn e Julia Mayr

di - 21 Dicembre 2010


(Julia Mayr)

di Renato Lugarini

Il 2010 è stato un anno sicuramente importante per le sorelle Mayr. Le due ragazze altoatesine, costantemente monitorate nei siti e nelle riviste specialistiche da tecnici e appassionati, hanno vissuto una stagione che è possibile dividere, in entrambe i casi, in due parti. I motivi di questa suddivisione sono molteplici e riconducibili a situazioni sia comuni sia individuali. Nei primi mesi dell’anno Evelyn e Julia hanno messo il turbo, facendo man bassa nei tornei minori del circuito itf, in cui sono risultate quasi imbattibili se non nei confronti diretti. Evelyn si è imposta ad Albufeira e Antalya, piegando la sorella minore rispettivamente nei quarti e in finale; Julia ha alzato il trofeo principale a Valle do Lobo, sconfiggendo Evelyn nei quarti, e in un’altro dei numerosi eventi itf giocati sempre nella città turca di Antalya. Le azzurre, dopo essersi incontrate altre due volte, si sono affrontate nuovamente nell’ultimo atto del torneo di Portschach a fine agosto, dove la vittoria di Julia ha riportato in parità il bilancio annuale dei derby in finale. Le migliorie tecnico-tattiche annunciate ad inizio stagione, sotto la guida di Andrei Enache, sono apparse evidenti e le sorelle hanno proseguito pressochè appaiate un percorso costellato da ottimi risultati e progressi in classifica. Poi, con l’estate, le strade di un trio che sembrava indissolubile si sono improssivamente divise. In primo luogo è avvenuta la separazione dal coach rumeno, che tanto stava contribuendo al salto di qualità del gioco delle Mayr. Subito dopo, mentre Julia ha continuato nella sua progressione, Evelyn ha iniziato a stentare nei risultati, con la complicità di una condizione fisica non ottimale. Anche nella programmazione, quindi, le due ragazze hanno dovuto optare per scelte diversificate. Spazio Tennis ha comunque deciso di intervistare insieme le giovani Mayr, legatissime come sempre, per qualche breve spunto sulla stagione appena conclusa.

Quale voto date al vostro 2010?
Evelyn: “direi un 7!”
Julia: “un bel 9!”

Quali sono stati gli aspetti positivi e negativi della stagione?
Evelyn: “positivo è stato il raggiungimento del best ranking, 301; decisamente negativo, invece, l’infortunio alla spalla che ha condizionato il finale di stagione”
Julia: “molto positiva è stata la continuità di rendimento raggiunta nei tornei da 25.000 $ del circuto itf, in cui ho raggiunto anche una finale (a Olomuc, sconfitta ancora una volta da una Mayr, l’austriaca Patricia!); negativo beh.. il fatto di non aver vinto quella finale!”


(Evelyn Mayr – Foto Nizegorodcew)

Il miglior match dell’anno?
Evelyn: “contro la Zaja, a Bad Saulgau”
Julia: “contro la Kichenok, a Limoges”

Obiettivi per il 2011?
Evelyn: “entrare tra le prime 250 wta”
Julia: “entrare tra le prime 150”

Preparazione e programmi?
“Siamo in piena fase di preparazione, che durerà fino all’inizio della
stagione agonistica. Ancora, comunque, non abbiamo definito il calendario”.

© riproduzione riservata

6 commenti

  1. bogar67

    bah non capisco!! avevano il turbo grazie al meccanico Andrei Enache e poi hanno deciso di farne a meno, i motivi della seperazione dovranno essere stati molto gravi e presumo non tecnici!! Mi ricorda l’Inter di Simoni e la Fiorentina di Radice, dopo essere stati allontanati con le squadre ai primi posti poco mancava che si finisse in B. Alle ragazze auguro altre soddisfazioni!

  2. Alessandro Nizegorodcew

    Ho sentito Evelyn.. il loro allenatore è il grandissimo ex talento (fermato da infiniti infortuni) MARIO RADIC.. uno che a tennis giocava veramente bene. Credo che Monet ed altri possano confermare. Chissà come coach…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *