Mattia Bedolo racconta Malta (ETA)

di - 17 Luglio 2012


(da sinistra, Mattia Bedolo e Marco Micunco)

di Mattia Bedolo

Ciao a tutti! Sono Mattia Bedolo e vi parlerò del torneo un der 16 di categoria 3 al quale ho partecipato a La Valletta, capitale di Malta. Sotto un caldo atroce, vicino a La Valletta, sono partito accompagnato da mio papà e coach Umberto Bedolo. Ero la testa di serie numero 10 e si è giocato su campi in cemento.

Quando dico caldo atroce parlo di giornate in cui i gradi erano 40! Il primo turno l’ho giocato contro un maltese di discreto livello, con un ottimo servizio e nel primo set ho faticato. Poi ho vinto 76 62. Al secondo invece ho affrontato un mancino israeliano. Sono entrato in campo molto convinto e ho portato a casa il match 63 64.

Nei quarti l’avversario era il tedesco Renke, uno grande e grosso. Servizio potente sia nella prima che nella seconda. Serviva veramente fortissimo ma ho giocato bene e ho vinsto 62 64. Tecnicamente mi sentivo superiore a lui. In semifinale ho trovato il mio compagno di doppio Marco Micunco, un 3.1 di Bari con un gioco fastidioso; sembra sempre stanco ed arrendevole e invece tesse una tela intelligente e tatticamente mi mette in grande difficoltà. Sono entrato in campo anche qui molto convinto e aggressivo, che è divenuta una delle mie carte vincenti grazie al lavoro svolto con il coach Maurizio Lazzaroni. Sono riuscito a sovrastare il mio avversario sia fisicamente che mentalmente ma sul 61 32 in mio favore ho avuto un momento di pausa e Marco ne ha approfittato, infliggendomi un netto 63 61.

A seguire noi due semifinalisti abbiamo vinto il doppio contro una coppia di siciliani, Sanci e Zanetti. Il torneo di singolo è stato invece vinto dal cipriota Aravis.

La mia stagione ora prosegue, dopo questo bel risultato che mi porterà tra i primi 100 del ranking mondiale under 14 e tra i top 300 under 16, con il torneo under 16 a Curtea, in Romania, per poi andare con la federazione in Germania e in Belgio per due importanti tornei under 14 di categoria 1.

© riproduzione riservata

10 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *