Challenger Biella: subito battuto Donati

di - 8 Settembre 2014

Donati

E’ l’ora di Stefano Napolitano. La seconda giornata del Pulcra Lachiter Challenger, torneo inserito nell’Atp Tour con montepremi da 42.500 euro, primo Memorial Luca Rosazza, vedrà il diciannovenne di casa opposto alla quarta testa di serie, Andrea Arnaboldi. Il canturino, tds numero 4, che questa settimana è sceso al numero 198 del ranking Atp, negli ultimi mesi ha collezionato molte sconfitte al primo turno, uscendo all’esordio nei Challenger di Genova, Como, Cordenons, San Marino e Todi. Semifinalista a Bergamo e Vercelli (6-4 al terzo da Bolelli), il suo momento d’oro è arrivato al Roland Garros, dove ha superato i tre turni di qualificazione, prima di cedere nuovamente a Simone Bolelli per 6-4, 6-4, 6-2.

Il talento cresciuto all’Accademia del Tennis i Faggi, incamerati i punti dell’Itf rumeno, ha invece raggiunto il suo best ranking, posizionandosi al numero 490. . «La classifica è il frutto di diverse partite giocate bene e mi permetterà di essere testa di serie nei prossimi Futures – commenta Stefano -. Oggi affronto un mancino esperto, solido, per cui dovrò cercare di essere aggressivo e di imporre il mio gioco. La cosa più importante, al di là della classifica, è riuscire sempre a migliorare».

Subito eliminato l’alessandrino Matteo Donati, sconfitto per 7-6 (3), 6-3 dall’australiano Jason Kubler. Colori azzurri sfumati anche negli altri tre match dove Gianluca Naso cede a Marek Michalicka per 6-4, 3-6, 6-2; Pietro Licciardi (wild card del circolo, allenato da Renzo Furlan) all’austriaco Dennis Novak: 6-3, 6-4 lo score; mentre Walter Trusendi è piegato dopo una maratona di oltre tre ore dal transalpino Maxime Chazal per 6-7 (3), 7-6 (5), 7-5. Avanza anche il ceco Jan Hajek (Davis-man ed ex numero 71 al mondo, posizione raggiunta nel 2006, quando aveva 23 anni), a segno su Sandro Ehrat per 6-3, 6-4.

C’era un buon pubblico sul campo centrale dell’Accademia del Tennis i Faggi per assistere al ritorno in città di Filippo Volandri, che vola al secondo turno grazie al successo su Federico Gaio (classe ‘92) con il punteggio di 6-3, 6-3. La classe dell’ex numero 25 al mondo resta immutata, al pari del suo splendido rovescio a una mano, ancora oggi tra i più belli in circolazione. La battuta ha perso ulteriormente velocità (alcune seconde non hanno raggiunto i 140 km/h) ma la volontà e la grinta sono rimaste quelle del ventenne che in città ha vinto per due volte.

Martedì il programma si apre alle 10,30 su quattro campi: Cecchinato (tds 3) esordirà intorno alle 12 contro Ciric, mentre Stefano Napolitano è atteso sul centrale alle 16.

RISULTATI PRIMO TURNO TABELLONE PRINCIPALE

[6] J Kubler (AUS) b. M Donati (ITA) 7-6 (3) 6-3

[8] D Novak (AUT) b. [WC] P Licciardi (ITA) 6-3, 6-4

[2] F Volandri (ITA) b. F Gaio (ITA) 6-3, 6-3

M Michalicka (CZE) b. G Naso (ITA) 6-4, 3-6, 6-2

[Q] M Chazal (FRA) vs W Trusendi (ITA) 6-7 (3), 7-6 (5), 7-5

J Hajek (CZE) b. [PR] S Ehrat (SUI) 6-3, 6-4

RISULTATI PRIMO TURNO TABELLONE DI DOPPIO

[3] A Arnaboldi (ITA) / A Giannessi (ITA) b. [WC] J Hajek (CZE) / J Masik (CZE) 6-4, 7-6 (5)

ORDER OF PLAY – TUESDAY, SEPTEMBER 09, 2014

CENTER COURT start 10:30 am

[WC] M Bortolotti (ITA) vs [5] M Viola (ITA)

[Q] N Ciric (SRB) vs [3] M Cecchinato (ITA)

A Giannessi (ITA) vs [7] [Alt] H Laaksonen (SUI)

Not Before 4:00 pm

[4] A Arnaboldi (ITA) vs [WC] S Napolitano (ITA)

COURT 5 start 10:30 am

M Trevisan (ITA) vs Y Reuter (BEL)

J Obry (FRA) vs N Cacic (SRB)

A Zaitcev (RUS) vs P Sousa (POR)

Not Before 4:00 pm

[LL] B Balleret (MON) vs [Q] V Galovic (CRO)

COURT 3 start 10:30 am

M Teixeira (FRA) vs P Cachin (ARG)

Not Before 1:30 pm

after suitable rest – E Crepaldi (ITA) / G Naso (ITA) vs [2] R Gonzales (PHI) / S Thornley (GBR)

[4] W Trusendi (ITA) / M Volante (ITA) vs J Obry (FRA) / M Teixeira (FRA)

COURT 7 start 10:30 am

[Q] L Sonego (ITA) vs [WC] E Crepaldi (ITA)

Not Before 1:30 pm

[1] F Moser (GER) / A Satschko (GER) vs [WC] M Bortolotti (ITA) / A Colella (ITA)

M Cecchinato (ITA) / M Viola (ITA) vs P Licciardi (ITA) / P Rondoni (ITA)

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *