Cronache dal Foro Italico – Volume 7 – “Hajek Champagne”

di - 25 Aprile 2010

Jan Hajek

di Alessandro Nizegorodcew (articolo in partnership con Tennis.it)

Roma, 25 Aprile 2010 – Victor Hanescu è il primo giocatore a qualificarsi per il secondo turno del Masters 1000 di Roma. Il romeno ha superato in tre set il tedesco Michael Berrer, allenato dall’italiano Claudio Pistolesi. Hanescu ha imposto un ritmo da fondo molto alto, riuscendo a breakkare ben due volte Berrer, giocatore dal servizio di solito molto efficace. Hanescu ha martellato in particolare con il rovescio, sia lungolinea che incrociato. 6-2 6-7 6-3 il punteggio finale in favore di Victor.

Hajek Champagne. Il ceco Jan Hajek (nella foto) si è qualificato per il main draw, giocando uno splendido match contro l’ucraino Dolgopolov. Il giovane Oleksandr, classe 1988, partiva favorito, ma Jan, dopo una partenza lenta, ha messo insieme una serie di colpi vincenti di rara bellezza, dimostrando tutto il suo valore. Hajek possiede un diritto pesantissimo, che soprattutto lungolinea fa malissimo. Il rovescio bimane è molto ben giocato, in maniera quasi del tutto piatta; quando lo gioca incrociato trova degli angoli acuti molto complessi per l’avversario. Dolgopolov ha tentato di rientrare in partita nel terzo set, ma Hajek ha giocato benissimo i punti importanti, in particolare in risposta. A dimostrazione di quanto la scuola ceca sappia ben lavorare sui colpi di inizio gioco (servizio e risposta). Hajek, che attualmente è intorno al numero 80 Atp, ha vissuto una carriera piena di infortuni ma quando sta bene (come in questi giorni) può mettere in difficoltà molti avversari.

Golubev non ce la fa. Andrei Golubev è stato fermato al turno di qualificazione dall’argentino Leonardo Mayer. Il kazako d’Italia ha giocato un bellissimo primo set, culminato in un tie-break di rara intensità. Sul 5-5 una palla molto contestata da Mayer è stata attribuita ad Andrei, che ha poi chiuso il parziale grazie ad una solida prima. Il secondo set è stato invece tutto appannaggio di Mayer, che ha sfruttato la rabbia dovuta al finale del tie-break, lasciando un solo gioco ad Andrei. Nel terzo Mayer p salito subito sopra di un break, ma Golubev lo ha subito ripreso. A metà parziale è però arrivato lo strappo decisivo in favore dell’argentino, che si è quindi aggiudicato l’ingresso al tabellone principale. Oltre a Mayer, anche un altro connazionale ha raggiunto il main draw. E’ Juan Ignacio Chela, vincitore agevolmente su Hernandez 6-3 6-1.

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *