ITF: Galovic conquista Heraklion

di - 6 Novembre 2012


(Viktor Galovic – Foto Nizegorodcew)

di Giacomo Bertolini

GALOVIC RIMONTA KERN IN GRECIA: SECONDO TITOLO AD HERAKLION

Heraklion (10.000$ Grecia): Prima settimana di novembre che parte subito bene per la rivelazione azzurra dell’anno Viktor Galovic, al secondo titolo in carriera dopo il successo a Modena contro Fioravante.
Torna prepotentemente a colpire il giovane azzurro classe 1990 che, da terzo favorito, mette a segno una settimana perfetta sul carpet del torneo greco dove, oltre alla prima testa di serie Jankovits, Galovic è riuscito anche a rovinare il bis all’interessante tedesco Robin Kern (classe ’93), rimontato in finale 26 76 75.
Per Victor, appena numero 1080 a gennaio e ora già alle soglie dei primi 400 del ranking, si tratta della terza finale centrata in questa stagione (parziale di 2 vittorie e 1 sconfitta).
Gli altri azzurri ad Heraklion: rimonta fatale ai quarti per Edoardo Eremin(5), subito ko Giacomo Oradini.

Antalya Kaya Belek (10.000$ Turchia): Ritrova il sorriso grazie al torneo casalingo di Antalya l’ex top 100 Marsel Ilhan, sprofondato al numero 271 Atp dopo un 2011 ad ottimi livelli.
Riparte dunque dal cemento del 10k turco la risalita del 25enne originario di Samarcanda, Uzbekistan, bravo a mantenere la testa della parte bassa del tabellone sfruttando la sua seconda testa di serie.
Per Ilhan finale combattuta solo per un set con il tennista ucraino Vladimir Uzhylovsky piegato in due parziali 76 62.
Al turco va così il settimo trofeo a livello Future, a ben tre anni di distanza dall’ultimo sussulto nella categoria cadetta.
Tra le fila azzurre il solo iscritto Lorenzo Giustino(5) passa un turno prima di andare ko con Dubarenco.

Pune (15.000$ India): E si continua a parlare di resurrezioni inattese anche a Pune, India, dove a ritrovare un impronosticabile successo in casa è stato l’ex 154 al mondo Prakash Amritraj, a digiuno da ben 5 stagioni nel circuito Future.
Vittoria sorprendente per Amritraj che, attualmente scivolato alla piazza 806 Atp, ritrova i giusti stimoli sul cemento del torneo indiano andando a colpire senza perdere neppure un set.
In finale regolato ad occhi chiusi il connazionale Saketh Myneni(4) 64 62.
Per il veterano di Encino classe 1983 si tratta complessivamente del quarto titolo in carriera.
Azzurri assenti.

Netanya (10.000$ Israele): Da due esperti tennisti alle prese con un nuovo rilancio alla prima sorpresa della settimana con il torneo israeliano di Netanya, cemento, che ha regalato la prima gioia in assoluto alla rivelazione austriaca Maximilien Neuchrist, testa di serie numero 3 del tabellone.
Classe 1991 e 694 della classifica, il 21enne viennese non ha sbagliato praticamente nulla andando a segno al termine di una settimana perfetta contro il primo favorito francese Axel Michon, sconfitto contro pronostico con un duplice 64.
Netanya amara per gli italiani con Rovetta e Marfia(q) bloccati all’esordio.

Roznov (10.000$ Rep.Ceca): Roman Jebavy(4) ingiocabile al “MND Tour 2012” di Roznov Pod Radhostem, future ceco di livello 10k giocato su carpet.
Ben poco da dire sul cammino fulminante del 22enne di Turnov, perfetto sia in singolare che in doppio tra le mura amiche di Roznov, dove, senza alcun problema è riuscito a spuntarla in finale sul suo compagno di doppio Jan Satral(8), ko nel derby 62 64.
Quarto titolo in carriera, primo dell’anno, per il numero 532 Atp.
Anche in Repubblica Ceca nessun ruggito azzurro con Vilardo, unica presenza, subito estromesso.

Cancun (10.000$ Messico): Parte adesso con il torneo su cemento di Cancun il resoconto degli appuntamento future disputati in Sudamerica, quasi sempre terra ricca di talenti in rampa di lancio.
E le sorprese parto subito dalla manifestazione messicana con il successo per nulla atteso del 23enne australiano Matheson Klein, appena numero 746 del ranking e neppure compreso tra le prime teste di serie.
Vittoria meritata frutto di grande determinazione per Klein che, nonostante si sia trovare più volte in situazioni sfavorevoli, è sempre riuscito a spuntarla alla distanza riuscendo alla fine a regalarsi il primo acuto della carriera in un torneo future.
Per l’australiano maratona vincente in finale con lo statunitense Chris Wettengel, superato in una sfida tra outsider, con lo score di 46 64 64.
Capitolo Italia: buon torneo per Roberto Marcora(2) uscito solo ai quarti contro il temibile numero 1 Junior Filip Peliwo(6).

Porto Alegre (10.000$ Brasile): Non stecca il brasiliano Pedro Zerbini nel “suo” torneo di Porto Alegre, 10k su terra rossa giocato in Brasile.
Successo conquistato a fatica ma con grande personalità per Zerbini che, sebbene non figurasse tra i primi favoriti, è riuscito ugualmente a rovesciare i favori del pronostico in semifinale con Podlipnik-Castillo(1), prima di firmare l’impresa anche in finale con Thiago Monteiro(2), out nel derby con un secco 63 62.
Ache per il sorprendente tennista Zerbini, classe ’88 e ancora numero 609 al mondo, si tratta del primo colpo in carriera.
Esito agrodolce per i due tennisti azzurri impegnati a Porto Alegre. quarti di finale per un ottimo Giammarco Micolani, eliminazione diretta per Giorgio Portaluri.

Altri tornei della settimana: David Souto, un venezuelano tutto da scoprire

Maracaibo (15.000$ Venezuela): Si chiude con il torneo venezuelano di Maracaibo il sunto dei tornei chiave della settimana future appena trascorsa, caratterizzata da tentativi di ripresa di vecchie glorie e da brillanti sussulti di giovani promesse.
A quest’ultima categoria appartiene l’ennesimo colpaccio del giocatore di Caracas David Souto, mancino classe 1992 giunto già al trionfo numero otto in carriera.
Nuova settimana da incorniciare per Souto che, già finalista sette gioni fa a Caracas, riesce a portarsi a casa il secondo titolo stagionale sul cemento di Maracaibo, incrementando così il suo già allettante palmares.
Per il tennista di casa, probabile protagonista della prossima stagione, vittoria di rilievo in finale con la prima testa di serie Maximiliano Estevez(Arg), sconfitto al terzo 26 64 61.
Buone notizie in chiusura per la rappresentanza azzurra: si spinge fino in semifinale Claudio Grassi(2), ok anche Crepaldi(7) e Fioravante fuori ai quarti e il giovanissimo Napolitano fermato al secondo turno.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *