Il bilancio delle nostre giovani tenniste a metà stagione

di - 28 Maggio 2016

Ludmilla Samsonova (Foto Panunzio)

di Paolo Angella

Siamo quasi a metà stagione ed è tempo di fare un bilancio per quello che riguarda il tennis giovanile. Iniziamo dal femminile, analizzando i risultati e i progressi ottenuti della nostre ragazze da gennaio fino ad oggi. Cercheremo di presentarvi i risultati ottenuti e di provare a capire le potenzialità di queste ragazze di cui scriveremo sempre anche la data di nascita, fattore ovviamente molto importante nell’analisi del tipo di tornei fatti.

Tatiana Pieri (29/03/1999): sorella di Jessica, figlia di Ivano, si allena a Lucca con il papà. A marzo 2014, appena quindicenne arriva a sorpresa in finale al 10.000 dollari di Santa Margherita di Pula. E’ stata la prima affermazione importante di questa ragazza, che ha saputo crescere con calma, senza farsi sopraffare dalle eccessive pressioni dell’opinione pubblica. Ora sta giocando soprattutto tornei Junior, ha fatto un’ottima turnée sudamericana a inizio anno, dove ha conquistato due titoli in doppio (assieme a Federica Bilardo), una finale e due quarti di finale in singolare. Molto buona la semifinale ottenuta al G1 di Santa Croce quindici giorni fa, dove è arrivata in finale anche in doppio in coppia con Lucrezia Stefanini. E’ stata l’unica italiana ammessa di diritto al main draw del Roland Garros Junior che parte domani. Attualmente è la migliore giocatrice italiana Junior alla posizione numero 38 del ranking mondiale. Gioca un tennis completo e molto bello tecnicamente, le manca forse la capacità di chiudere al momento giusto e di non demoralizzarsi al primo momento negativo. Papà Ivano certamente l’aiuterà a cresce anche in questo senso.

Liudmila Samsonova (11/11/1998): in foto, nata in Russia, ma vissuta da sempre in Italia, è balzata agli onori della cronaca nel 2014, quando ha vinto, tra la sorpresa generale, il 10.000 dollari di Roma. Fisico possente e colpi molto pesanti, soprattutto col dritto. Ha anche un buon senso tattico e tiene bene la posizione in campo. Anche per lei, ampi margini di miglioramento che il team di Riccardo Piatti e Massimo Sartori, con cui sta lavorando riusciranno sicuramente a mettere a frutto. Attualmente è alla posizione numero 76 del ranking ITF Junior. Ha ottenuto i risultati più importanti tra marzo e aprile vincendo i due tornei di grado 2 di Cap D’Ail in Francia (dove ha vinto anche in doppio in coppia con Tatiana Pieri) e di Firenze. Agli Australian Open ha fatto la grande impresa di battere al primo turno la testa di serie numero 3 Robillard-Millette, ma poi ha perso al secondo turno contro una wild card australiana. Non partecipa al Roland Garros per motivi di studio, ma sarà al via (probabilmente partendo dalle qualificazioni) a Wimbledon Junior.

Lucrezia Stefanini (15/15/1998): toscana, a inizio anno era la tennista italiana meglio classificata a livello Junior, ha disputato il primo Slam della stagione, in Australia. Attualmente è al numero 77 del ranking. I risultati più significativi della stagione in corso sono stati le semifinali all’Open d’Istres (G2) in Francia ad aprile e i quarti di finale a Santa Croce (G1) due settimane fa. Al G2 di Prato, ha vinto il doppio. Ha superato brillantemente le qualificazioni al Roland Garros superando tra l’altro la testa di serie numero 1, la britannica Burrage e da domani sarà impegnata nel main draw. Ha subito diversi infortuni che ne hanno rallentato la crescita, quindi ha sicuramente molti margini di miglioramento in tutti i colpi che sono puliti e ben impostati. Caratteristica particolare sia dritto che rovescio bimani.

Federica Bilardo (06/07/1999): palermitana, ragazza solare e sempre sorridente, E’ molto alta (180 cm) e sfrutta la potenza dei colpi e un servizio che a volte segue anche direttamente a rete. Probabilmente la migliore giovane tennista italiana a giocare a rete, per questo predilige le superfici veloci. Anche lei ha disputato un’ottima turnée sudamericana a inizio anno ed è entrata nelle prime 100 al mondo del ranking Junior. Ora occupa la posizione numero 85. Ha fatto semifinale al grado 1 in Venezuela a inizio anno e finale al G2 di Salsomaggiore ad aprile. E’ un’ottima doppista, ha vinto tre tornei itf junior in doppio, due assieme a Tatiana Pieri a inizio anno in Sud America e l’altro a Salsomaggiore in coppia con la britannica Burrage. Ha anche già vinto un titolo pro in doppio assieme alla russa Pervushina. Ha superato brillantemente le qualificazioni al Roland Garros superando tra l’altro la forte belga Lara Salden e da domani sarà impegnata nel main draw.

Maria Vittoria Viviani (24/11/1999): è stata la grande sorpresa di inizio anno nei tornei Junior. Partendo dalle qualificazioni è arrivata in finale nell’importante G1 disputato in Colombia ed è la tennista che ha fatto il balzo più grande nel ranking, passando in pochi mesi dalla posizione numero 386 con cui aveva concluso il 2015 ad arrivare a un soffio dalle prime 100 del mondo, con il best tanking al numero 102, attualmente è al numero 111. Dallo scorso anno lavora alla San Marino Tennis Academy di Giorgio Galimberti.

Monica Cappelletti (07/01/1999): grande protagonista lo scorso anno assieme a Tatiana Pieri e Federica Bilardo nelle qualificazioni e nella fase finale della Junior Fed Cup, la tennista che si allena al TC Trento, è stata ferma molti mesi per un infortunio. Da aprile di quest’anno ha ripreso a giocare e i quarti di finale del G2 di Salsomaggiore sono stati un momento importante per dimostrare che è pronta a tornare tra le più brave della sua età.

Lisa Piccinetti (22/11/2000): toscana, è cresciuta tennisticamente grazie a papà Stefano e poi è andata ad allenarsi al Tennis Training Villa Candida di Foligno. E’ sicuramente la più forte ragazza italiana nata nel 2000 e, tra quelle del suo anno, è tra le più brave al mondo. Attualmente è al numero 54 delle classifiche ETA under 16 e soprattutto al numero 138 del ranking ITF Junior. In questo inizio di 2016 ha fatto una striscia di successi incredibile con 32 vittorie consecutive tra singolo e doppio in tornei ITF di grado 4 tra Grecia e Emirati Arabi con un record di 24 vittorie su 25 partite giocate consecutivamente in singolare. Dalla primavera ha iniziato a giocare tornei di livello superiore e sono arrivate subito delle soddisfazioni come le semifinali dei tornei di grado 2 di Salsomaggiore e Prato. Un piccolo infortunio non le ha permesso di disputare il torneo di Santa Croce e di non presentarsi al meglio al Bonfiglio, per cercare i punti per qualificarsi per Wimbledon junior. Lisa gioca bene tecnicamente e tatticamente e sa usare al meglio tutti i colpi. Impossibile non sperare in un futuro roseo per questa ragazza semplice e solare.

Giulia Peoni (18/06/2000): ragazza di grandi prospettive, aveva iniziato bene l’anno negli Emirati Arabi con una semifinale, ma proprio in quella trasferta si è infortunata gravemente. Costretta all’intervento chirurgico riprenderà l’attività a fine estate. Il talento innato della ragazza ci lascia credere che nella prossima stagione sarà sicuramente tra le protagoniste.

Federica Rossi (07/06/2001): protagonista lo scorso anno del quarto posto finale all’ITF World Junior Tennis Finals, campionato del mondo a squadre under 14, ha iniziato quest’anno a giocare tornei junior under 18 subito con grande prove. E’ stata l’italiana più brava al recente “Trofeo Bonfiglio”, dove ha superato i tre turni di qualificazione e poi anche il primo turno, prima di arrendersi solo a Sofya Zhuk. Secondo turno anche a Prato e Salsomaggiore.

Elisabetta Cocciaretto (25/01/2001): assieme a Federica Rossi è stata protagonista in nazionale, giocando alla pari contro Potapova e Pervushina, è attualmente al numero 60 della classifica ETA under 16, dopo aver raggiunto la posizione numero 42 a inizio anno. Ferma da alcuni mesi per un infortunio che ha ritardato il suo debutto nei tornei junior, è ormai prossima al rientro.

Melania Delai (15/10/2002): protagonista nell’ultimo mese per aver debuttato in modo molto positivo nei tornei junior con un record di 10 vittorie e 3 sconfitte e le qualificazioni superate nel tre tornei junior di Salsomaggiore, Prato (dove ha superato anche il primo turno) e Santa Croce. La scorsa settimana ha vinto in singolo e doppio al torneo under 16 di Maribor. E’ al numero 15 delle classifiche under 14, al numero 106 di quelle under 16 ed è entrata in classifica anche tra le junior.

Federica Sacco (20/04/2002): altra grande speranza per il futuro del tennis italiano, è stata anche numero 16 delle classifiche ETA under 14, ora è alla posizione numero 27, e al ranking numero 132 tra le under 16. Anche Federica ha debuttato tra le under 18. A febbraio ha vinto in Romania un torneo under 14 di categoria 2.

Martina Biagianti (22/01/2001) è arrivata in finale a marzo nell’under 16 di Rotterdam partendo dalle qualificazioni e ha anche vinto un doppio nell’ITF Junior del Qatar.

Tra le altre under 14, buone prove in questa prima parte dalla stagione anche da parte di Matilde Paoletti (04/03/2003) che ha vinto l’under 14 di Brindisi, Lisa Pigato (21/06/2003), che è arrivata in finale a Pavia, Sara Ziodato (08/02/2002), in finale a Correggio con Matilde Paoletti, Chiara Girelli (14/12/2002), arrivata in finale in Grecia.

© riproduzione riservata

4 commenti

  1. Pingback: Il bilancio dei nostri giovani tennisti a metà stagione | SPAZIO TENNISSPAZIO TENNIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *