Italy F3B Ct Eur: Il Resoconto del 05-03-08 (Ottavi di Finale) – II Parte

di - 6 Marzo 2008

Seconda parte del resoconto degli ottavi di finale del torneo Itf da 10.000$ del Ct Eur

di Alessandro Nizegorodcew

Matteo Marrai

Marrai b. Prpic 63 64

Grande prestazione di Matteo Marrai, che elimina la tds n.1 Prpic, dando l’impressione  di grande solidità e fiducia nel proprio tennis. Marrai parte subito fortissimo portandosi avanti 3-0. Prpic non riesce a sostenere lo scambio sulla diagonale di rovescio, nella quale Marrai è nettamente più forte, e tenta quindi molte palle corte, alcune molte ben fatte; ma tatticamente l’incontro appare nelle mani dell’azzurro, che regala pochissimo ed è sempre molto propositivo, anche con il suo colpo meno consono e cioè il diritto, con il quale mette a segno numerosi vincenti. Prpic dopo aver perso il primo set riesce a mantenere l’equilibrio nel secondo parziale fino al 4-4, quando Marrai effettua il break decisivo. Nel gioco successivo Marrai non trema e porta a casa l’incontro. Matteo ha dimostrato grande maturità tennistica e si nota come le esperienze di questi mesi, una fra tutte la trasferta in Cile e Colombia, lo abbiano molto rafforzato mentalmente: “quando il momento è importante comando io il gioco” ci ha detto subito dopo il match point.  Queste le dichiarazioni di Marrai nell’immediato post partita: “Sono molto contento perchè sono entrato in campo con l’idea di spingere e fare la partita e ci sono riuscito; Prpic è un giocatore che si appoggia molto bene alla palla ed io ho cercato di spostarlo molto trovando anche traiettorie alte per dargli meno ritmo possibile; anche con il servizio ho evitato il kick per non dargli la possibilità d appoggiarsi. Prpic per fortuna non serve molto bene e sul suo servizio i punti erano tutti combattuti. Io ho giocato molto bene di rovescio. Per fortuna la piccola contrattura che avevo avuto ieri contro Di Vuolo non mi ha dato fastidio e ho portato a casa l’incontro, giocando molto bene gli ultimi 2 giochi dal 4-4. Ho provato ad essere io a comandare il gioco, perché è questo che fa la differenza, cioè cercarsi il punto importante nei momenti decisivi degli incontri. Sul 5-4 15-15 ho servito bene e tirato due vincenti con il diritto, colpo con il quale ho sempre avuto paura a spingere; ma l’esperienza accumulata nella trasferta sudamericana, giocando contro giocatori del calibro di Ramirez Hidalgo, mi ha fatto capire come la differenza sia proprio nei momenti clou del match. E’ quello che io e Trusendi stiamo provando a fare: comandare lo scambio nei momenti importanti.

Giorgini b. Karatchenia 16 62 76(4)

Partita a cui ho assistito fino al 4-4 al terzo set. Giorgini, debilitato dal cronico infortunio al tendine del ginocchio, ha lottato molto, nonostante una partenza a dir poco lenta. Karatchenia ha dimostrato grande tenuta mentale, non  mollando mai un 15 e rimanendo sempre attaccato alla partita. Nel terzo set Giorgini si è portato anche 4-2, ma Andrej non si è dato mai per vinto. La palla di Karatchenia non cammina di certo come quella di Giorgini, ma il bielorusso sembra veramente un ragazzo dall’ottimo futuro, visto il grande acume tattico con il quale affronta ogni punto di ogni match. Giorgini dal canto suo ha mostrato il solito, ottimo e devastante diritto, ma anche una tenuta atletica, causata dall’infortunio al ginocchio, davvero insufficiente; alcune soluzioni del tennista italiano sono comunque da sottolineare, come alcune discese a rete chiuse con ottime volè.

Mesaros b. Piccari 66 (43) rit.

Partita molto sfortunata quella tra il giovane croato ed il bravo tennista di Anzio. Piccari parte bene conquistando un break al terzo gioco, però subito resituito. Francesco ha giocato un match troppo frettoloso, cercando di chiudere i punti con largo anticipo; Mesaros, come ieri con Semrajc, lotta su ogni 15 cercando ogni tanto l’accelerazione. Piccari si procura anche un break contestatissimo dal croato che lo porta a servire per il set sul 6-5, ma perde il servizio a 15. Nel tie-break dopo l’iniziale 3-0 dell’italiano arriva l’infortunio muscolare; Piccari prova a giocare altri 4 punti, tutti persi, ed è costretto al ritiro. Una stagione davvero sfortunata per ora per il tennista di Anzio.

Mesaros
(nella foto Mesaros)

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *