La Grande Abbuffata post Wimbledon

di - 9 Luglio 2012

di Sergio Pastena

Quattro tornei in un colpo solo, giusto per non rimpiangere troppo la fine di quello più importante al mondo. Il menù Atp di questa settimana propone la classica coda della stagione erbivora a Newport e l’inizio della seconda tranche di terra con Stoccarda, Bastad e Umago.

Partiamo dal verde dell’Hall of Fame tennis Championships, torneo tradizionalmente teatro di grandi sorprese. A dominare il tabellone sono gli americani (e dintorni) con Isner, Young, Harrison, Bogomolov e Raonic tra le teste di serie. A completare il seeding Nishikori, Istomin e il lussemburghese Muller. Tra i partecipanti troviamo l’ex campione Ram, il giovane Jack Sock e, soprattutto, Lleyton Hewitt, che sta provando a rientrare nel giro che conta. Ci sono anche Mahut (possibile secondo turno contro Isner), Querrey, Sela, Rochus, Goffin: insomma, i nomi non mancano.

A Stoccarda il tabellone è dominato da Janko Tipsarevic che però, vista la forma approssimativa mostrata a Wimbledon, potrebbe avere più di un problema con gente come Juan Monaco in giro. Andujar e Tomic tra i favoriti, ma attenzione al veterano Haas e a un paio di mine vaganti non comprese tra le teste di serie come Bellucci e Garcia-Lopez. Presente a rappresentare i nostri colori Flavio Cipolla.

Passiamo a Bastad, torneo dall’organizzazione impeccabile che quest’anno può contare sulla presenza dei due spagnoli Ferrer e Almagro, che partono ovviamente come favoriti. In tabellone anche Robredo, sorteggiato al primo turno contro Ungur, mentre tra le teste di serie troviamo Filippo Volandri. C’è anche Bolelli, che ha un primo turno fattibile contro Capdeville ma poi si troverà eventualmente di fronte a Ferrer. Qualche novità potrebbe arrivare dalle qualificazioni, dove Giannessi ha superato il primo turno contro Arvidsson e al secondo ha un altro svedese, Sekulic: nell’ultima e decisiva sfida troverebbe probabilmente il polacco Przysiezny, quindi la missione non appare impossibile. Fuori subito Portaluri contro l’atleta di casa Pallin.

Infine c’è Umago, altro torneo bazzicato molto dagli azzurri che quest’anno non fanno eccezione: ad opporsi ai favoriti Verdasco, Cilic, Dolgopolov e Granollers ci saranno anche i nostri Fognini (primo turno contro Karol Beck), Starace e Lorenzi (due qualificati per loro). Altra possibile mina vagante Ernests Gulbis, che avrebbe Verdasco al secondo turno. Buone notizie anche dalle qualificazioni, che vedono ancora in campo Viola e Trusendi, peraltro contro avversari non impossibili: per loro Ivo Klec e Bastian Trinker, che al secondo turno ha superato Simone Vagnozzi. Fuori anche Galovic, battuto da Lajovic.

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *