Lemon Bowl 2013, Qualità e Quantità…

di - 29 Dicembre 2012


(Foto Andrea Ranalli/Mosquitos)

dal Lemon Bowl, Alessandro Nizegorodcew

LEMON BOWL 2013: QUALITA’ E QUANTITA’

VINCENZO SANTOPADRE: “IL LIVELLO MEDIO E’ BUONO MA POCHI RAGAZZI SI MUOVONO NELLA GIUSTA MANIERA”    

Terza giornata di qualificazioni al Lemon Bowl Babolat 2013. Più di 250 gli incontri portati a termine con ancora due turni da superare per accedere al tabellone principale. Le qualificazioni termineranno infatti  il 31 dicembre, mentre dal 2 al 6 gennaio andrà in scena il main draw di ogni categoria, dai piccoli under 8 sino agli under 16. Molti ancora i giocatori in gara e livello medio sempre più interessante per un giusto mix di qualità e quantità. Nella giornata di domani, a partire dalle ore 9.00, in campo 200 incontri dislocati sui 33 campi di New Penta 2000, Polisportiva Palocco, Eschilo 2, Sporting Club Infernetto ed Eschilo 1.

Giovani da tutta Italia. I ragazzi arrivano da tutte le regioni d’Italia. Il circolo Montekatira di Catania è da anni protagonista del Lemon Bowl Babolat e anche nel 2013 è giunta una nutrita spedizione dalla Sicilia. “Siamo venuti al freddo” – racconta scherzosamente uno dei maestri – “Abbiamo lasciato una bella temperatura a casa nostra ma il Lemon Bowl è un appuntamento immancabile. Sono ben 11 i ragazzi che abbiamo accompagnato quest’anno e speriamo che qualcuno di loro possa qualificarsi. E’ una manifestazione bellissima che i ragazzi riescono a vivere al meglio confrontandosi fuori e dentro al campo con i coetanei.

Il parere dei maestri. Cresce giorno dopo giorno dopo la presenza di maestri di caratura nazionale e internazionale. Vincenzo Santopadre, ex davisman e attualmente coach di Flavio Cipolla, è al seguito del figlio Matteo e di alcuni ragazzi del Circolo Canottieri Aniene. “Il livello medio mi sembra discreto” – racconta l’ex numero 100 Atp – “anche se saltano agli occhi due difetti che caratterizzano quasi tutti i giovani presenti al torneo: il servizio piuttosto deficitario e una scarsa mobilità di piedi, in particolare negli appoggi e nella ricerca della palla, elementi che incidono negativamente sull’aggressività in campo. Credo che sarebbe opportuno lavorare su questi aspetti sin dai primi anni.” Santopadre è rimasto invece particolarmente colpito dalle ore che i ragazzi passano a giocare a “pittino” tra una partita e l’altra. “Non credo di esagerare dicendo che mi sembra molto importante. E’ un modo divertente per aumentare la sensibilità e il tocco, che purtroppo vedo sempre più raramente nei ragazzi giovani.” “Il livello in questi primi giorni mi sembra già piuttosto buono” – racconta Bobo Meneschincheri, maestro al Tennis Club Parioli – “Oggi ho potuto dare un’occhiata ai ragazzi classe 2003 e 2004 e ne sono rimasto piacevolmente colpito. Si iniziano a vedere incontri combattuti e di ottima qualità.

Radio Manà Manà Media Partner. L’edizione 2013 del Lemon Bowl Babolat sarà seguita giornalmente in diretta dalle emittenti capitoline Radio Manà Manà Sport (90.9 in Fm a Roma) e Radio Manà Manà All News 24 (89.10 in Fm a Roma). Il servizio fotografico è invece gestito dall’equipe di Andrea Ranalli, dislocata in tutti i circoli della manifestazione. Il sito per acquistare le foto è: www.sportsshots.it

Tutte le informazioni, le foto, le interviste, i podcast degli interventi di Radio Manà Manà e i commenti delle passate edizioni del torneo sono disponibili sul sito web ufficiale: www.lemonbowl.it

© riproduzione riservata

5 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *