Pre-Quali: Al via i “torneini” il 6 aprile

di - 19 Marzo 2013


(Adelchi Virgili)

(Fonte Federtennis)

Anche quest’anno tutti avranno la loro chance di partecipare agli Internazionali BNL d’Italia, l’appuntamento tennistico più prestigioso della stagione. La FIT, come già nel 2011 e nel 2012, organizzerà infatti i tornei open BNL di pre-qualificazioni per gli Internazionali BNL d’Italia (11-19 maggio). Per gareggiare basta avere la tessera FIT e possono iscriversi anche i non classificati.

Saranno 14 i tornei maschili e 14 quelli femminili che si svolgeranno in contemporanea dal 6 al 14 aprile 2013 in diversi circoli in tutta Italia.
Il vincitore e la vincitrice di ogni torneo verranno invitati a partecipare al torneo di pre-qualificazioni degli Internazionali BNL d’Italia che si terrà a Roma dal 7 al 9 maggio 2013. Ai 14 vincitori si aggiungeranno 2 giocatori e 2 giocatrici sorteggiati tra quelli perdenti nei quarti di finale dei vari tornei. Inoltre verranno invitati dal Settore Tecnico Nazionale 8 giocatori e 8 giocatrici.
La FIT regalerà un biglietto (strettamente personale) per gli Internazionali BNL d’Italia per domenica 12 o lunedì 13 maggio a tutti i partecipanti. Per i partecipanti ai tornei di Roma il biglietto sarà valido per sabato.

L’iniziativa, adottata anche dall’USTA (la federazione americana), che ogni anno lancia tra aprile e giugno dei tornei di pre-qualificazione allo Slam americano aperti a tutti i tesserati senza vincolo di livello o classifica, sia nel 2011 che nel 2012 ha riscosso grandissimo successo.

di Alessandro Nizegorodcew

Rispetto agli scorsi anni aumenta dunque il numero dei tornei di pre-qualificazioni che diventeranno ben 14 maschili e 14 femminili. Saranno 16 i tennisti ad uscire dai “torneini” e presumibilmente la formula vedrà 3 turni. A nostro avviso il primo turno verrà disputato esclusivamente dai 16 pre-qualificati, mentre dal secondo turno entreranno in gioco le 8 teste di serie scelte dal settore tecnico nazionale. Si giocherà infatti per tre giorni (dal 7 al 9 maggio) e non più per due; ciò avvalora la nostra tesi.

© riproduzione riservata

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *