Robin Soderling annuncia il ritiro

di - 23 Dicembre 2015

Soderling credits to Giubilo

di Michele Galoppini (@MikGaloppini)

foto di Ray Giubilo

Robin Soderling ha annunciato il ritiro dall’attività professionistica. Con una lettera pubblicata dal sito tennis.se ha appena spiegato le ragioni della sua decisione, originata naturalmente dalla malattia che lo blocca addirittura dal 2011. Il 31enne svedese ha raggiunto nella sua carriera la posizione numero 4 del ranking, ha conquistato 10 tornei ATP ma soprattutto raggiunto ben due volte la finale del Roland Garros, nel 2009 e nel 2010, addirittura bloccando Rafael Nadal in un match dalla portata simile a quello tra Roberta Vinci e Serena Williams nei recenti Us Open.

Ecco la lettera da lui scritta, pubblicata dal sito tennis.se

Con questa lettera desidero informarvi che ho deciso di chiudere la mia carriera come giocatore di tennis. Poche settimane prima dell’ATP di Bastad nel 2011, mi sono ammalato di febbre ghiandolare. Dal momento che non mi sono reso conto della gravità della malattia, ho fatto l’errore di continuare ad allenarmi e competere, con il virus nel corpo, che ha poi portato ad una sindrome da sovrallenamento. Da allora ho lottato per recuperare completamente. Con la malattia mi è però stato impossibile allenarmi al cento per cento e più volte ero costretto al riposo dopo un semplice sforzo fisico. In alcuni periodi ho sentito così male che ero costretto a stare a letto. Lo scorso anno, tuttavia, la mia salute è migliorata e sono stato in grado di aumentare la mia dose di esercizio, ma ancora il mio recupero dopo l’esercizio non funzionava, purtroppo, come avrebbe dovuto. Poter giocare i tornei, che richiedono sforzo fisico per un periodo prolungato, è qualcosa che ho quindi dovuto escludere. In tutti gli anni ho creduto che sarei stato in grado di riprendermi, per tornare nell’élite mondiale del tennis, ma ora ho capito che non sarò abbastanza sano, che non sarò in grado di giocare a tennis al livello che esigo da me stesso. La ragione per cui ho deciso di chiudere la mia carriera come giocatore professionista è proprio questa.

Naturalmente questa è per me una decisione molto triste. Col senno di poi, credo che avrei dovuto ascoltare meglio il mio corpo, e quindi evitare che la malattia diventasse così grave, ma d’altra parte non è sempre facile prendere la decisione giusta ed il tennis è uno sport che richiede massimizzazione degli allenamenti, se si vuole mantenere una posizione tra i migliori. So che ho fatto tutto quanto in mio potere negli ultimi anni per debellare la malattia, e posso senza rimpianti prendere questa decisione. Invece di essere infastidito da quello che ho passato, mi ritengo fortunato e posso orgogliosamente guardare indietro alla mia carriera di grande successo. Ho raggiunto e vissuto momenti che pochi hanno potuto.

Anche se la mia carriera di giocatore di tennis è finita, vedo un futuro luminoso ed i miei programmi per i prossimi anni li ho già pensati. Prima di tutto ho la mia compagna meravigliosa e due bambini che meritano molto del mio tempo. Inoltre potrò occuparmi dell’azienda RS-tennis, dove produciamo palle da tennis ed altre attrezzature per il tennis, che vende già in più di quaranta paesi nel mondo. Potrò dedicarle ancora più tempo a cercare di migliorarla e svilupparla ulteriormente.

In primo luogo, voglio ringraziare la mia famiglia, che mi ha sostenuto e dimostrato tanto amore in tutti questi anni. Voglio anche ringraziare i miei fan, che hanno dimostrato grande supporto, sia durante la mia carriera che negli ultimi anni, che sono stati molto difficili per me. Senza questo sostegno non sarei mai stato in grado di continuare e di tornare a sentirmi meglio.

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *