Tennis Europe: grande Italia in Winter Cup

di - 23 Febbraio 2016
Perin, Bosio e Arnaboldi con il capitano Pescosolido, terzi nella Winter Cup U16

Perin, Bosio e Arnaboldi con il capitano Pescosolido, terzi nella Winter Cup U16

di Salvatore Petrillo

TEJT14&U, Winter Cups by Head, Bucharest (ROU)/Rakovnik (CZE)

Splendida affermazione della nazionale azzurra maschile U14. La rappresentativa italiana, capitanata da Massimo Valeri e composta da Lorenzo Rottoli, Lorenzo Musetti e Fausto Tabacco, ha vinto la Winter Cup U14, con uno straordinario percorso che ha visto i nostri ragazzi eliminare, nell’ordine, Russia, Francia e Repubblica Ceca. Nei quarti di finale, dopo l’iniziale vantaggio russo con Agafonov su Tabacco, prima Musetti e poi Musetti/Rottoli hanno ribaltato il risultato, portando l’Italia, terza testa di serie, alla semifinale con la Francia (2). Qui, dopo i punti portati da Musetti, da sfavorito, e dal numero 3 d’Europa Mayot, è arrivata la bella vittoria in doppio di Musetti/Rottoli, che ha permesso all’Italia di raggiungere la Repubblica Ceca (1) in finale. Nell’ultimo atto, non c’è stata storia: l’Italia ha battuto i cechi con un sonoro 3-0, in cui va sottolineata la vittoria  di Rottoli sul numero 4 d’Europa, Svrcina, in tre set e in rimonta. Terza posizione per i francesi, vincenti nella finalina con la Romania. Per quanto riguarda, invece, il torneo femminile, la vittoria è andata all’Ucraina, favorita numero 1 del seeding. Perfetto il cammino delle ragazze ucraine Snigur, Kostyuk e Lopatetskaya, che hanno perso un solo match, in finale con la Slovacchia, e in generale perdendo 3 set in 9 match. Terzo posto per la Repubblica Ceca, eliminata proprio dall’Ucraina in semifinale.

TEJT16&U, Winter Cups by Head, Ronchin (FRA)/Veska (CZE)

Arriva anche un ottimo terzo posto dalla Winter Cup U16 per l’Italia, che lascia comunque qualche rimpianto. Dopo la vittoria all’esordio sulla Repubblica Ceca, Riccardo Perin, Gabriele Bosio e Federico Arnaboldi si sono dovuti arrendere all’Olanda, impostasi 2-1 grazie alla vittoria nel doppio finale al super tie-break. Gli azzurri, capitanati da Stefano Pescosolido, non si sono comunque scomposti, e nella finale per il terzo posto hanno battuto il Belgio per 2-1. La vittoria è andata alla Russia, guidata da Timofey Skatov e capace di imporsi con un eloquente 3-0 sui ragazzi olandesi. Russia capace di fare il bis nel torneo femminile: il “Dream Team” composto da Pervushina, Potapova e Gracheva ha infatti dominato il torneo, battendo in finale la Repubblica Ceca per 2-1. Terzo posto per la Svizzera, che ha battuto la Gran Bretagna nella finale per il terzo gradino del podio.

Ci sono stati anche alcuni tornei in giro per l’Europa, con gli azzurri impegnati soprattutto in Svizzera. Nell’U14 di Oetwil am See, ottima finale per l’azzurro Biagio Gramaticopolo, partito dalle qualificazioni e arresosi solo a Jerome Kym. Quarti di finale per Samuele Pieri, primo turno per Mattia Bernardi. Nel torneo femminile, nessuna azzurra oltre il secondo turno, nel torneo vinto dalla russa Bondarenko nel derby con la Vidmanova.

 

© riproduzione riservata

10 commenti

  1. Bernie

    Complimentissimi agli azzurri. Bravissimi. U14 eccezionali.
    Piccola nota per Mattia dato che lo nomini Salvo, ha perso si al primo turno ma dal vincitore svizzero del torneo Jerome Kym, davvero un bel giocatore, impegnandolo.
    Sorteggio sfortunato considerando che era la tds 2. Ci stà.

    Nota di demerito per gli organizzatori dello Stork international.
    Oltre al cambio sfavorevole svizzero che ci impone prezzi mostruosi per mangiare e dormire, chiedono 50 euro per incordare la racchetta con le tue corde al circolo e 70 euro per prenotare un’ora di allenamento oltre alla mezzora concessa gratuitamente.

  2. Safin68

    Prima Musetti con Devald n.2 d’Europa nel girone a Trieste poi Rottoli con la 4 Svrcina alle finali Tabacco che lotta con tutti insomma una gran bella nazionale 👏👏👏

  3. Bernie

    Così era Ale. Possono confermarlo gli altri italiani presenti. Poco affabili questi zurighesi, perché comunque gestiscono un torneo internazionale per ragazzini. Il maestro che accompagnava Mattia la settimana prima era a Taverne U16 e là mi ha detto che, pur con tariffe alte ma non impossibili, si respirava altra aria.

  4. Bernie

    Devi chiederlo a satin Cata. Dalle foto non mi pare. Il mio Mattia è 166 cm ma sta buttando. Comunque fausto ha genitori ben strutturati e prima o poi si alza. Il Jerome di cui sopra, febbraio 2003, più di 180 cm è nell’intorno dei 185

  5. Jho

    Oltre ai 50 per le corde anche i 4 Euro per 1/2 di acqua non era male 🙂
    (Svizzera cancellata)

    Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *