Tennis Europe: sorpresa Zampoli, schiacciasassi Hepburn

di - 1 Dicembre 2014

Nicolò Zampoli

(Nicolò Zampoli, che si è imposto all’HusmanHagberg Open under 14 a Stoccolma)

di Salvatore Petrillo

Dmitrov Cup, TEJT 16&U, Dmitrov (RUS)

Egor Noskin fa fruttare al meglio la Wild Card ottenuta dagli organizzatori, e facendo valere anche i suoi gradi (numero 42 del ranking e prima tds) si impone nel torneo di casa, conquistando il quinto titolo in carriera. Cammino immacolato quello del russo fino all’atto finale, dove ha avuto bisogno di tre set per imporsi sul bulgaro Sheyngezikht (96 del ranking e tds 2). Da segnalare il bel cammino di Myagkov, classe 99 e oltre la 800sima posizione prima del torneo, eliminato solo in semifinale proprio da Noskin.

Tra le ragazze, la Krupchenko(numero 88, tds 1) sembrava avviata ad una facile vittoria, ma in finale ha dovuto arrendersi alla sorprendente connazionale Vlada Koval, ora al numero 363 ma oltre la 600sima prima della Dmitrov Cup, capace di eliminare anche la Makarova, 187 in classifica e tds 2, nel cammino verso il suo primo titolo della sua giovane carriera.

HusmanHagberg Open, TEJT 14&U, Stoccolma (SWE)

In un tabellone pieno zeppo (giustamente) di svedesi, ad imporsi è il nostro Nicolò Zampoli, under 14 azzurro molto promettente. Accreditato della sesta testa di serie, ha dovuto sudare parecchio già dal primo turno, contro il qualificato svedese Brungs, ma dopo aver sofferto anche nei quarti e in semifinale, ha dato il meglio in finale, battendo il numero 120 (tds 5), il finlandese Pohjola, con il punteggio di 6-3/7-6. Prima, prestigiosa vittoria in carriera per il giovane Nicolò.

Tra le donne sorprende tutte la padrona di casa Lisa Zaar, 412 del ranking, capace di mettere in fila, nell’ordine, Sokovic (numero 84 e tds 2), la connazionale Tilander (207 e tds 5) e l’ucraina Skorokhodova (numero 103 e tds 3), prima di battere in finale l’altra sorpresa del torneo, l’estone Sepman, 266 e ottava testa di serie, giustiziera nei quarti di finale della favorita del seeding, la russa Domnina.

Stavanger TE 2014, TEJT 14&U, Stavanger (NOR)

Il britannico Aaron Hepburn mostra a tutti di essere un giovane davvero promettente e si impone in scioltezza nel torneo norvegese di Stavanger. Qualche grattacapo solo in finale per il giovane inglese, che ha comunque battuto in due set il francese Tepmahc, quarto favorito del seeding. Delude il padrone di casa Groener, 176 del ranking e 2 del seeding, eliminato a sorpresa nei quarti dal qualificato danese Gormsen.

E’ invece la qualificata russa Maria Novikova a imporsi nel tabellone femminile, brava soprattutto a eliminare la danese Moller in semifinale. In un torneo che ha visto una vera e propria ecatombe di teste di serie, la russa ha approfittato di una porzione di tabellone molto aperta per arrivare in finale e imporsi in due combattuti set sulla giovane Wild Card locale Emilie Elde.

Gothenburg 14&U, TEJT 14&U, Goteborg (SWE)

In un torneo dominato dai padroni di casa (19 in tabellone, 7 su 8 ai quarti, 4 su 4 in semifinale) a imporsi è Johan Garpered, 130 del ranking e 3 del seeding, che, dopo aver eliminato in semifinale il numero 1 Grevelius, si è imposto con facilità sul sorprendente Nilsson (389 del ranking) con l’eloquente punteggio di 6-2/6-2. Bravo a qualificarsi il nostro Amedeo Centofanti, 1014 del ranking, alla seconda apparizione in un torneo U14.

Azzeccatissima la Wild Card nel tabellone femminile concessa alla russa Daria Frayman, nota in Italia per la vittoria di Padova e la finale nel Roland Garros U12 persa contro la nostra Rossi. La giovane russa elimina con una superiorità disarmante tutte le più quotate (sulla carta) avversarie, perdendo la miseria di 10 games in 4 match prima della finale, vinta in tre set sulla danese Olga Helmi. Quinta vittoria su otto tornei disputati, dunque, per una delle più promettenti tenniste del panorama mondiale.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *