La prima di Annalisa e la scalata di Julia..

di - 1 Settembre 2010

Annalisa Bona
(Annalisa Bona – Foto Nizegorodcew)

di Remo Borgatti

Undici tornei nella settimana che ha preceduto gli US Open.

Il principale era il 100.000$ del Bronx, che ha visto la partecipazione di diverse giocatrici impegnate a Flushing Meadows. Vittoria per Anna Chakvetadze, che prosegue la sua resurrezione iniziata con il trionfo di Portorose. La russa, che non era nemmeno testa di serie, ha messo in riga una dopo l’altra Chan, Safarova, Sevastova, Makarova e in finale la scandinava Sofia Arvidsson: 4-6/6-2/6-2 lo score dell’atto conclusivo in favore della Chakvetadze. Due le italiane in campo: Alberta Brianti ha perso al primo turno con la Makarova (6-3/7-5) mentre la Garbin ha sconfitto all’esordio la francese Cornet (7-6/6-4) per poi arrendersi alla finalista Arvidsson in tre partite combattute: 6-4/3-6/6-4.

Sulla terra rossa di Braunschweig, in Germania, successo della tedesca Scarlett Werner che si è imposta in finale sulla russa Kushkhova per 6-3/6-0. In tabellone c’era anche la giovanissima Blanka Szavay, sorella della più celebre Agnes; per lei eliminazione al primo turno.

A Portschach, in Austria, le sorelle Mayr hanno fatto il pieno. In finale Julia Mayr ha sconfitto la sorella Evelyn per la terza volta in undici confronti diretti. Era la seconda finale stagionale in famiglia, dopo che ad Antalya aveva vinto Evelyn. Netto il risultato a favore di Julya: 6-3/6-1. Non paghe, le Mayr hanno anche vinto il doppio. Tornando al singolare, in Austria c’erano altre otto italiane con Vivienne Vierin che ha raggiunto le semifinali, battuta da Evelyn Mayr mentre la sedicenne Martina Parmigiani si è arresa solo nei quarti.

Primo titolo in carriera per la genovese Annalisa Bona, che a Wanfercee-Baulet ha confermato il suo ottimo momento. Annalisa aveva centrato la finale sia a Horb che a Rebecq. Finalmente in Belgio è arrivato il successo, e che successo! In cinque incontri, Annalisa ha ceduto appena quindici giochi. In finale la belga Nicky Van Dyck si è dovuta accontentare di un game (6-0/6-1) ma peggio era andata al primo turno alla francese Maietti, sconfitta con un doppio 6-0.

Derby argentino a Buenos Aires e vittoria di Mailen Auroux su Vanessa Furlanetto in finale per 6-2/7-5.

Due le azzurre in tabellone a Doboj, in Bosnia Erzegovina. Male è andata a Martina Caciotti, sconfitta al primo turno; meglio invece si è comportata Nicole Clerico, semifinalista e battuta dalla Kajtazovic in tre set. La bosniaca ha poi perso la finale contro la slovacca Zuzana Zlochova con lo score di 7-6/7-5.

L’olandese Bibiane Schoofs ha vinto a Enschede battendo in finale la tedesca Geuer, numero uno del seeding, per 6-1/6-2. E’ andata male all’unica italiana in gara, Micaela Moroni, eliminata al primo turno dalla Van der Sar in due set.

Seconda vittoria stagionale per la slovacca Michaela Pochabova che ha trionfato a Praga, battendo in finale la ceca Lucie Kriegsmannova con un doppio 7-5.

A Saitama, in Giappone, finale tra una cinese e una taiwanese; ha vinto quest’ultima, Wen-Hsin Hsu, che ha battuto Ying-Ying Duan per 6-1/1-6/6-3. Successo della statunitense Macall Harkins a San Luis Potosi, in Messico; battuta in finale la bielorussa Khabibulina con il punteggio di 6-1/6-4.

Infine a Vinkovci, in Croazia, vittoria della ungherese Reka-Luca Jani, che si è imposta in finale sulla ceca Zuzana Linhova per 6-2/6-4.

© riproduzione riservata

6 commenti

  1. Nikolik

    Portschach, però, è un torneo da 10.000 $ appena e temo che Julia Mayr abbia battuto il record mondiale di partecipante ad un 10.000 con la classifica più alta.
    Scelta che non riesco a capire, ahimé.

    Ma, del resto, fa il paio con quella della Remondina che, da n. 261 del mondo, gioca questa settimana, nientemeno, il torneo di Bassano Del Grappa.
    E, se non sbaglio, quest’anno le hanno fatto anche vincere i campionati provinciali di Brescia (così ho letto sul Tennis Italiano, se non sbaglio).

    Mah…

  2. Alessandro Nizegorodcew

    @Nikolik
    Sai cosa Nicola, in effetti il tuo discorso non farebbe una piega, ma c’è da dire che Julia e Giulia stanno giocando questi tornei perché in questa settimana l’unico 25.000$ è in Giappone.. settimana scorsa unico torneo più grande era negli States (Bronx, 100.000$). Il calendario non da una mano e stare fermi due settimane non è probabilmente il caso

  3. Nikolik

    Hai ragione, nel caso di specie.
    Ma, in generale, tutta la programmazione di queste nostre ragazze under 21-22 mi lascia molto perplesso. Ma non solo la programmazione: le scelte, le decisioni…
    In teoria ed in potenza, tutte potrebbero entrare, negli anni, tra le prime 100, tutte, da un punto di vista di capacità e di tecnica.
    La differenza, però, la fanno le scelte, gli investimenti, il crederci sul serio, il progetto vero, prendere decisioni scomode.
    Invece, chi per una cosa, chi per un’altra, le trovo proprio mancanti e mi scoraggio.

  4. Stefano

    Giulia Remondina ha anche giocato l’Open di Bagnatica, settimana scorsa, perdendo oltretutto al primo turno dalla Bindi 🙂

  5. diego

    Ho visto che la Julia Mayr e’ iscritta in Francia ad un 25.000 dollari.
    Strano avendo a Biella un 100.000 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *