Torna la terra: a Santiago Starace e Fognini

di - 31 Gennaio 2011

di Sergio Pastena

Smaltita la sbornia degli Australian Open il circo dell’Atp Tour riparte, ovviamente in modo “leggero” come è logico che sia. Questa settimana sono previsti tre tornei Atp 250 in tre continenti diversi: si gioca a Santiago, Zagabria e Johannesburg. I big ovviamente non ci saranno: per loro un turno di riposo, ma gli spunti interessanti non mancheranno.

Cominciamo proprio dal Cile, dove è previsto il Movistar Open, torneo giunto alla diciottesima edizione. Il detentore del titolo, nonché testa di serie numero 3, è il brasiliano Thomaz Bellucci, ma il primo favorito è David Nalbandian, protagonista a Melbourne di un’epica partita contro Hewitt che, purtroppo per lui, ha pagato nel turno successivo. Ovvio che gli italiani siano quasi tutti qui, visto che è il torneo che apre ufficialmente la stagione della terra battuta, e infatti troviamo due nostri rappresentanti tra le teste di serie. Al numero 5 c’è Potito Starace, che ha un primo turno all’apparenza abbordabile contro il giocatore di casa Paul Capdeville, ormai frequentatore abituale dei Challenger e in tabellone grazie a una wild card. Casca un po’ peggio Fabio Fognini, che si ritrova contro Lukasz Kubot, uno che sulla terra può dire la sua come dimostrano le finali colte a Costa do Sauipe e Belgrado. In tabellone anche Filippo Volandri, che però è stato davvero sfortunato nel sorteggio, visto che se la vedrà subito con Bellucci. Paradossalmente se facesse l’impresa il secondo turno sarebbe più morbido, visto che giocherebbe contro uno tra Machado e Rios, altra wild card. Il torneo cileno, come da tradizione, sarà il primo atto di un mese che vedrà i nostri giocatori in giro per il Sudamerica: dopo Santiago avremo Costa do Sauipe, Buenos Aires e, infine, l’Atp 500 di Acapulco, che chiuderà la prima tranche di tornei sulla terra, che poi riprenderanno ad aprile.

In Sudafrica, invece, ci sono buone probabilità di vedere una “prima volta”. Ben cinque delle otto teste di serie, infatti, sono giocatori senza titoli all’attivo: Lu, Tipsarevic, Anderson, Mannarino e Przysiezny. Il favorito principale è tuttavia Feliciano Lopez, che qui difende il titolo conquistato l’anno scorso. Punti pesanti in ballo anche per il francese Robert, finalista a sorpresa nel 2010. Anche in questo torneo ci sarà un po’ d’Italia: l’inossidabile Stefano Galvani, infatti, ha passato le qualificazioni facendo fuori prima il tedesco Thurner e poi l’austriaco Oswald, al quale ha lasciato solo quattro games. Per lui primo turno contro Rik De Voest: c’era di peggio in giro. Molta curiosità anche per Milos Raonic, grande sorpresa di Melbourne, che ha passato agevolmente le qualificazioni e al primo turno affronterà Yen-Hsun Lu. Il piatto più prelibato del menu del primo turno, tuttavia, pare essere la sfida tra Feliciano Lopez e Frank Dancevic, un duello a colpi di volèe che potrà servire anche a verificare le condizioni del canadese, che negli ultimi anni si è un po’ eclissato ma è apparso brillante (anche se perdente) contro Haase a Chennai.

Infine Zagabria, torneo il cui main draw non è ancora completamente definito anche per via di un tabellone di qualificazione affollatissimo (ben 32 partecipanti). Sicuramente è il torneo con più volti noti al via, a partire dal detentore Marin Cilic e da Ivan Ljubicic, seconda testa di serie. Ci saranno anche Gasquet, Florian Mayer e Petzschner. A proposito di Mayer, al primo turno ha pescato Franko Skugor, wild card locale, un altro che non ha certo la mano quadra. Italiani non ce ne sono, anche se nelle qualificazioni era presente tra i croati tale Antonio Lupieri, nome non proprio balcanico, che però ha perso subito. L’evento principale del torneo, tuttavia, non riguarda il tabellone del singolare ma quello del doppio: in coppia con Marin Cilic giocherà un tennista croato che qualcuno forse avrà sentito nominare. Si tratta di tale Goran Ivanisevic…

© riproduzione riservata

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *