Cronache da Montecarlo – Volume 9 – “Non un bel Fognini”

di - 13 Aprile 2010

Fabio Fognini
(Fabio Fognini – Foto Nizegorodcew)

di Alessandro Nizegorodcew (inviato a Montecarlo)
(articolo in partnership con Tennis.it)

Montecarlo, 13 Aprile 2010 – Fabio Fognini è stato subito eliminato al primo turno del primo Masters 1000 sulla terra della stagione. Il ligure, classe 1987, era al rientro da un infortunio al polso (che ancora gli da un po’ di fastidio). Llodra, dal canto suo, ha disputato un match convincente, uscendo dal campo senza aver mai perso il servizio.

Partenza Falsa. Fabio ha cominciato il match nel peggiore dei modi, subendo un parziale di 6 punti a 0 e ritrovandosi subito indietro di un break. Sul 3-0 per il transalpino, “Fogna” ha iniziato a giocare, gestendo piuttosto bene i propri turni di servizio, senza però riuscire ad impensierire Llodra nei game di battuta del francese. In pochi minuti Mika (così chiamato in patria) ha chiuso tranquillamente 6-3.

Sveglia Fognini, ma non basta. Nel secondo parziale Fognini è sembrato più concentrato e attivo sulle gambe, comandando agevolmente sul proprio servizio. Sull’unica palla break in favore del ligure però, Llodra è stato molto bravo. Fabio ha perso il servizio sul 3-3, in una game in cui l’azzurro ha molto da recriminare. Llodra ha poi chiuso il match con un secondo break. Punteggio finale 6-3 6-3.

L’analisi tattica. Poco da dire dal punto di vista tattico. Llodra ha giocato benissimo sul proprio servizio e Fognini ha potuto davvero poco in quelle circostanze. C’è da recriminare invece (e molto!) sui turni di battuta del ligure, che ha gestito male il più delle volte lo scambio. Le ovvie difficoltà di un giocatore che non ti da ritmo sono state affrontate, tatticamente e mentalmente, nel peggiore dei modi. Va dato atto a Fognini di avere una attenuante che deriva dal problema al polso, ormai più mentale che davvero fisico e soprattutto di aver ripreso ad allenarsi seriamente da pochissimi giorni. Ci aspettavamo comunque qualcosa di più. Ora ci si attende una pronta rivalsa di Fognini in quel di Barcellona e quindi Roma.

La soddisfazione di Mika. Queste le parole di Michael Llodra in conferenza stampa, subito dopo il match: “Sono contento, perché ero venuto a Montecarlo senza grandi aspettative, appena rientrato da un infortunio. E’ stato in parte un bene, perché ho giocato molto sciolto e rilassato in campo, senza alcuna pressione. Il mio obiettivo era di tenere il più possibile il pallino dello scambio, togliendo ritmo a Fognini, cercando di farlo impazzire. Devo dire che ci sono riuscito bene. Non ho niente contro i giocatori italiani (un collega gli ha ricordato che l’ultimo match sulla terra a livello Atp era stato a Parigi contro Bolelli; incontro vinto dal francese; ndr), anzi posso dire che sono piuttosto amico di Seppi e Bolelli.”

© riproduzione riservata

14 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *