Itf Siena: Molto bene il giovane Giustino, “Sono riuscito a imporre il mio tennis”

di - 8 Settembre 2010

Federico Torresi
(Federico Torresi)

di Renato Lugarini (inviato a Siena)

Già alla vigilia le previsioni meteo non promettevano nulla di buono per lo svolgimento della giornata dedicata agli ottavi di finale del torneo Itf Città di Siena. In mattinata però, dopo un forte scroscio notturno, la presenza del sole e un clima piuttosto caldo hanno permesso di iniziare regolarmente il programma, con due match piuttosto interessanti. Nel primo il giovane Lorenzo Giustino, classe ’91, ha avuto la meglio per 64 63 sul qualificato croato Alberto Lupieri, uno dei giocatori che aveva maggiormente impressionato in questi primi giorni di torneo. Per Lorenzo, quindi, può dirsi superata la prova del nove, dopo la facile e sorprendente vittoria ottenuta al primo turno contro la testa di serie n. 3 del tabellone senese, Wiltschnig. “Oggi, a differenza del primo turno, non ho giocato al meglio. In campo ero teso, ma alla fine sono riuscito a imporre ugualmente il mio tennis”. Nei quarti l’italiano affronterà il forte francese Gleb Sakharov, che sul campo adiacente ha impiegato un set ma solo pochi minuti in più per piegare la resistenza di un tignoso Marco Bortolotti. “So che questo francese tira forte – commenta Giustino – domani vedremo chi lo farà di più”. Proprio mentre il pensiero dell’annunciato pericolo pioggia iniziava a essere messo da parte, ecco alzarsi improvviso un forte vento e, nel giro di mezz’ora, sui campi del Ct Vico Alto si è scatenato un vero e proprio nubifragio. L’acquazzone ha interrotto dopo pochi games i match Torresi-Capone e Vanni-Picco, che hanno dovuto aspettare le 15,00 per rientrare in campo. Buona la prestazione di Federico Torresi, testa di serie n. 2, che ha imposto il suo gran bel tennis con un periodico 63. “Ho gestito bene l’incontro. Capone, che avevo già avuto modo di affrontare in altre occasioni, sembra sempre svogliato in campo ma, in realtà, è un avversario difficile, che di solito riesce a farmi giocare male”. Adesso, nella parte di tabellone rimasta più competitiva, Torresi affronterà il redivivo Tomas Tenconi, ex numero 141 del mondo e protagonista del big match della giornata contro Federico Gaio. In realtà l’incontro non ha mantenuto le aspettative, tranne un buon primo set vinto 75 dall’italo-argentino. Nel secondo set Gaio s’è sciolto completamente, mentre a Tenconi è bastato il minimo sforzo per chiudere 61. Sugli altri campi Luca Vanni è stato costretto a faticare più del previsto per avere la meglio 76 75 sul grintosissimo Francesco Picco, altro ragazzo del ’91 in ascesa e proveniente dalle qualificazioni, mentre il suo prossimo avversario, Marco Viola, ha battuto piuttosto facilmente Federico Raffaelli 64 62, confermando una buona forma e mettendo in mostra un bel gioco a tutto campo.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *