Credem Futures, Crepaldi e Bega vanno di corsa

di - 6 Aprile 2016

Erik Crepaldi (foto Panunzio)

Il Credem Futures di San Carlo Canavese applaude gli azzurri Erik Crepaldi e Alessandro Bega, promossi fra gli ultimi 8. Il 25enne di Vercelli ha onorato il suo ruolo di quarta testa di serie con due comode vittorie a poche ore di distanza l’una dall’altra: nella serata di martedì 6-2 6-1 a Nicola Ghedin, nel terzo match odierno sul ‘Campo Inverno’ 6-1 6-4 al qualificato francese Hugo Voljacques, pericoloso solo nell’ultima parte dell’incontro. L’azzurro, seguito sui campi del “Gonetta Go” da papà Luigi, è salito agevolmente sul 6-1 3-1, e poi è stato abile a conservare il vantaggio malgrado la crescita dell’avversario, arrivato a un soffio dal riacciuffarlo. Al servizio sul 5-4, Crepaldi si è trovato sotto 0-30 ma non ha perso lucidità, prendendosi game, set e incontro con quattro punti di fila. “In questi primi due match – ha detto l’azzurro – ho cercato di trovare un giusto equilibrio nel mio tennis: ho un gioco piuttosto rischioso, che devo cercare di mettere in pratica al meglio. Ci sono stati degli alti e bassi, ma nel complesso è andata bene”. Come tanti colleghi, Crepaldi è stato piacevolmente sorpreso dalla qualità del torneo e della struttura, candidata a diventare un punto di riferimento per l’intera zona canavese. “Il club non è stato ancora completato, ma credo possa venir fuori qualcosa di splendido. Si respira tanta passione, si vede che gli organizzatori ci tengono. Vediamo spesso strutture ben fatte, ma quando a fianco ci sono persone con tanta voglia di far bene, la qualità del prodotto aumenta”.

Ai quarti di finale il vercellese sfiderà il croato Viktor Galovic, passato per 7-6 6-0 sul brasiliano Thales Turini. Ora il tennista nativo di Nova Gradisca e cresciuto a Milano difende la bandiera croata, ma in passato ha giocato a lungo per l’Italia. “Viktor – prosegue Crepaldi – è un giocatore che serve particolarmente bene: contro di lui sarà molto importante rispondere come si deve e cercare di prendere in mano il pallino del gioco. Mi aspetto una battaglia di nervi, con tanti game lottati. Vincerà chi sarà più bravo a gestire la situazione”. Malgrado il successo di Crepaldi, il duello a distanza fra Italia e Francia si è chiuso a favore degli ‘ospiti’, con Escoffier e Boutillier promossi dopo i successi su Pancaldi e Vavassori. C’è un po’ di rammarico proprio per quest’ultimo, torinese, k.o. per 6-4 7-6 malgrado un paio di chance per rimettere in piedi il primo set e un vantaggio di 3-0 nel secondo. Per la Francia, ai quarti anche la prima testa di serie Yannick Jankovits, passato senza problemi sul russo Kivattsev.  In serata, ha superato il secondo turno anche Alessandro Bega, che nell’ultimo incontro di singolare non ha dato scampo al tedesco Pascal Meis. Sul ‘Campo Primavera’ è finita 6-1 6-1 in 70 minuti di gioco, con il milanese sempre al comando delle operazioni. In chiusura di giornata, per l’Italia è arrivata una buona notizia anche dal doppio, firmata da Erik Crepaldi e Andrea Vavassori. La coppia piemontese l’ha spuntata per 7-6 5-7 11/9 contro il ceco Schmid e il tedesco Haenle, risalendo da 8-6 sotto nel match tie-break finale. In semifinale sfideranno gli altri piemontesi Bagarello/Capello. Domani, dalle 11, i quarti del singolare e le semifinale del doppio. L’ingresso sarà gratuito per l’intera manifestazione, informazioni e dettagli sul sito web www.gonetta.it e alla pagina Facebook “Gonetta Go”.

RISULTATI

Singolare. Secondo turno: Galovic (Cro) b. Turini (Bra) 7-6 6-0, Rousset (Fra) b. Oliveira (Por) 6-7 6-2 6-4, Escoffier (Fra) b. Pancaldi 6-4 6-3, Jankovits (Fra) b. Kivattsev (Rus) 6-3 6-2, Crepaldi b. Voljacques (Fra) 6-1 6-4, Boutillier (Fra) b. Vavassori 6-4 7-6, Niesten (Ned) b. Celebic (Mne) 6-3 6-4, Bega b. Meis (Ger) 6-1 6-1.

Doppio. Quarti di finale: Oliveira/Volante (Por/Ita) b. Becuzzi/Meehan (Ita/Gbr) 6-1 6-2, Bagarello/Capello b. Ghedin/Pancaldi ritiro, Jankovits/Roy (Fra) b. Giuliato/Tomasetto 6-3 6-2, Crepaldi/Vavassori b. Schmid/Haenle (Cze/Ger) 7-6 5-7 11/9.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *