ITF: primo acuto azzurro con Angelica Moratelli

di - 18 Gennaio 2016

majeric

Di Giacomo Bertolini

Parte ufficialmente, dopo la “tappa zero” della scorsa settimana, la stagione Itf 2016 inaugurata dai primi risultati positivi in casa Italia.

E’ di Angelica Moratelli il primo sprint azzurro del 2016, dopo che la nostra speranza classe 1994 ha interrotto un digiuno che durava da ben 3 anni nel 10k tunisino di Hammamet, terra. Settimana di ritrovata fiducia per la tennista azzurra che, scivolata fuori dalle prime 1000 Wta, si riscatta aggiudicandosi il secondo titolo in carriera, al termine di una finale vinta in due set per 63 63 contro la svizzera Karin Kennel. Buon esordio stagionale anche per Corinna Dentoni che si regala la semifinale in singolare e il trofeo di doppio in coppia con la bielorussa Kremen. Risultati azzurri a parte c’è da segnalare il primo colpo stagionale della promettente speranza tunisina Ons Jabeur, che riparte da dove aveva interrotto aggiudicandosi, dopo un avvio shock di finale, il 25k di Daytona Beach (06 62 64 alla Fridman), la slovena Tadeja Majeric va a segno invece in India nel 25.000 su terra di Aurangabad. Tra le sorprese settimanali a livello femminile infine si registra l’ottima prova della moscovita classe 1998 Anna Blinkova, al primo sigillo in assoluto in singolo e doppio in quel di Stuttgart, cemento (76 26 62 alla greca Grammatikopoulou).

E aria di giovani imprese tira anche nel settore maschile con il terzo titolo Future complessivo per l’ottimo tennista americano Tommy Paul (classe ’97) che, da testa di serie numero 1 del torneo su terra di Plantation, non lascia scampo alla concorrenza faticando solo un set in finale contro il francese Puget (ko 76 60), brilla anche il suo coetaneo Vadym Ursu, 19enne ucraino numero 1042 Atp protagonista sul duro del 10k di Antalya. Inizio di annata col botto anche per il team tedesco, che parte subito con una doppietta grazie a Daniel Masur e Yannick Hanfmann. Per il primo maratona thrilling nella finale di Scwieberdingen (10k carpet) nel derby con Andrea Beck arresosi solo 76 67 76, ben più comodo il successo a Long Beach (25.000$, cemento) per Hanfmann, che schianta 64 60 Michael Mmoh facendo così suo il terzo trofeo della carriera. Capitolo azzurri: migliore della settimana Marco Bortolotti semifinalista ad Hammamet, dove si fermano ai quarti Riccardo Bonadio e Fabrizio Ornago, quest’ultimo partito dalle qualificazioni e da numero 1691 Atp.

TENNISTA ITF DELLA SETTIMANA: ONS JABEUR (TUN)

MIGLIOR AZZURRA: ANGELICA MORATELLI

TENNISTA FUTURE DELLA SETTIMANA: TOMMY PAUL (USA)

MIGLIOR AZZURRO: MARCO BORTOLOTTI

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *