Questo Città di Crema è più italiano che mai

di - 20 Giugno 2018
Alice Volpe

La quattordicesima edizione del Città di Crema avrà almeno un giocatore italiano nelle finali di singolare. Un verdetto che alla vigilia era una lecita speranza, data la massiccia partecipazione azzurra, ed è pian piano maturato con tante buone prestazioni dei nostri giovani, fino a diventare definitivamente certezza quando Giulio Perego ha battuto per 7-6 6-1 il lettone Daniils Snaiders, eliminando l’ultima bandiera straniera nella parte bassa del tabellone. Una sezione del draw in cui, curiosamente, erano straniere tre delle quattro teste di serie, tutte però sconfitte all’esordio. Nella parte bassa l’unico membro del seeding – n.4 – a salvarsi è stato proprio Perego, 15enne milanese allievo di Laura Golarsa all’Harbour Club, diventato il favorito per arrivare in fondo in quella sezione. Il prossimo avversario dell’azzurro sarà il qualificato Federico Serena, passato con un doppio 6-4 su Leonardo Biasiolo, mentre l’altro quarto di finale nella seconda metà del tabellone vedrà l’altoatesino Jonas Greif opposto a Filippo Botti. Allargando lo sguardo all’interno del tabellone maschile, gli stranieri ancora in corsa sono due. Uno è il primo favorito assoluto Daniel Linkuns-Morozovs, lettone passato per 6-1 6-3 su Guido Giovanni Becchis e avversario giovedì del giovane del Tc Crema Danny Ricetti (promosso ai quarti senza giocare per il forfait di Castelletti). L’altro è il croato Luka Mikrut, n.3 del seeding. Quest’ultimo l’ha spuntata in una durissima battaglia contro Alessio Tramontin: il friulano tesserato per il Tc Crema l’ha impegnato per tre ore, strappandogli il primo set e arrivando vicino al successo prima di arrendersi per 5-7 7-5 6-4.

Mentre il tabellone maschile sembra molto aperto, quello femminile sta rispettando alla lettera le gerarchie imposte dalle classifiche, tanto che l’unica giocatrice non compresa fra le teste di serie ad aver messo il naso nei quarti di finale è Alice Volpe, ultima giocatrice ammessa di diritto nel main draw. La bergamasca, classe 2002, si è creata una chance battendo al primo turno la n.7 Carlotta Mencaglia, e si è guadagnata un posto fra le ultime otto dopo una laboriosa rimonta contro la croata Klara Vukicevic, superata per 7-4 nel tie-break del terzo set. Per l’Italia promosse anche Greta Schieroni, Beatrice Stagno (una contro l’altra giovedì), Giorgia Pedone e Anastasia Abbagnato, tutte a segno in tre set. Restano in corsa anche le prime due teste di serie: la bielorussa Falei (6-2 6-1 a Francesca Petracchi) e la croata Wurth, passata per 6-2 7-5 su Chiara Fornasieri. Giovedì dalle ore 10 in programma tutti i quarti di finale dei singolari e le semifinali dei doppi (ingresso gratuito).

RISULTATI

Singolare maschile. Secondo turno: Linkuns-Morozovs (Lat) b. Becchis (Ita) 6-1 6-3, Ricetti (Ita) b. Castelletti (Ita) per ritiro, Mirkut (Cro) b. Tramontin (Ita) 5-7 7-5 6-4, Trippetti (Ita) b. Pasquariello (Ita) 6-1 6-4, Serena (Ita) b. Biasiolo (Ita) 6-4 6-4, Perego (Ita) b. Snaiders (Lat) 7-6 6-1, Greif (Ita) b. Di Perna (Ita) 6-2 3-6 7-5, Botti (Ita) b. Lagasio (Ita) 6-1 6-3.

Singolare femminile. Secondo turno: Volpe (Ita) b. Vukicevic (Cro) 3-6 6-1 7-6, Schieroni (Ita) b. Fontana (Ita) 4-6 6-0 6-2, Stagno (Ita) b. Zagnolini (Ita) 6-2 5-7 6-4, Abbagnato (Ita) b. Vican (Cro) 1-6 6-4 7-6, Pedone (Ita) b. Massetti (Ita) 6-1 6-1, Wurth (Cro) b. Fornasieri (Ita) 6-2 7-5, Falei (Blr) b. Petracchi (Ita) 6-2 6-1, Laskevic (Blr) b. Caldera (Ita) 6-3 6-7 6-3.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *