A.A.A. Cercasi Gast Disperatamente

di - 13 Febbraio 2012


(Ricardas Berankis)

di Sergio Pastena

Ricardas Berankis batte Jeff Gast 6-4 6-1. Beh, che c’è di strano, direte voi: qualificazioni Atp, l’atleta bravo batte la wild card di casa, un classico. Qualcosa di strano, però c’è: il lituano ha tenuto 12 punti su 12 con la prima e 20 su 20 con la seconda per un totale di 32 punti su 32.

Molto strano. Ricorda il golden set di Bill Scanlon contro Ricardo Hocevar (24 punti su 24), ma l’americano sul suo servizio ha tenuto botta decentemente servendo otto aces. Berankis, al contrario, ne ha messi solo quattro. Jeff Gast, 22enne che pure è stato Top 20 nel ranking NCAA, aveva un solo precedente nel circuito maggiore: sempre San Josè, qualificazioni del 2007, sconfitta 6-3 6-1 contro James Auckland, uno che in carriera è stato a stento nei 300. Allora fu più o meno la stessa storia: 4 punti su 24 sulla prima dell’avversario, 3 su 18 effettivi sulla seconda (Auckland fece tre doppi falli).

Insomma, non conosciamo questo Gast (nella foto a sinistra) ma l’altezza notevole (6 feet e 3 inches, oltre 1.90), la formazione tennistica e le poche statistiche a disposizione sembrerebbero indicare un Isner venuto male. Berankis, in fondo, nel turno successivo ha avuto la meglio su Ram, ma con statistiche normali al servizio e prendendo due break. Vi alleghiamo la foto segnaletica del nuovo fenomeno di Saratoga, se qualcuno è in grado di fornirci informazioni utili per ricostruire il profilo di colui che assassinò la risposta, offriamo come ricompensa un plastico di Karlovic a grandezza naturale.

 

Vi ringraziamo per la collaborazione.

© riproduzione riservata

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *