Alessandria: Avanza Di Mauro

di - 24 Maggio 2011


(Alessio Di Mauro – Foto Julia Vitkovska)

ALESSANDRIA CHALLENGER: L’ITALIA RESISTE CON LA VECCHIA GUARDIA
Il 33enne di Mauro al secondo turno, fuori Trevisan e Giannessi. Passano anche il n°1 Junqueira e il n°4 Fischer

Tanta Italia in campo oggi al Challenger di Alessandria (€ 30.000, www.alessandriachallenger.it), nella giornata più “densa” del torneo, con tutti i primi turni del singolare in programma e un bel pubblico a riempire le tribune del Borsalino. Il bilancio complessivo per i nostri colori, in attesa dei match pre-serali di Paolo Lorenzi contro l’argentino Andres Molteni e di Gianluca Naso contro Roberto Batista Agut, è di 2-1 per il resto del mondo, senza contare l’impresa compiuta ieri sera da Matteo Viola contro il n°2 del seeding Joao Souza.

A tradire purtroppo sono soprattutto i giovani italiani, anche se tra le sconfitte di Alessandro Giannessi e Matteo Trevisan ci sono sostanziali dissomiglianze. Il 21enne spezzino Giannessi ha sfiorato la vittoria contro Peter Luczak. La differenza di classifica (417 al mondo contro la 185esima posizione dell’australiano) e di esperienza (Giannessi si sta affacciando solo ora ai tornei che contano, Luczak ha 31 anni ed è stato a lungo tra i top-100) facevano pendere il pronostico nettamente dalla parte dell’avversario: Giannessi a tratti ha sovrastato nel gioco l’australiano, con ottime rotazioni mancine sul servizio, un diritto pesantissimo e un rovescio ancora da aggiustare, ma alla lunga la solidità di Luczak è venuta fuori facendo emergere i limiti attuali dell’azzurrino, che ha comunque grandi margini di crescita. Ben più deludente il ko di Matteo Trevisan, che ha subito un duplice 63 dal danese Frederik Nielsen ed è sembrato scarico sia fisicamente che mentalmente, in involuzione rispetto alla scorsa stagione quando possedeva cento posizioni nel ranking mondiale e qualche certezza in più rispetto a adesso.

Passa il turno invece Alessio Di Mauro. Il trentatreenne siciliano come sempre si è battuto come un leone ed ha superato lo svizzero, con chiare origini italiane, Marco Chiudinelli (63 76). Una vittoria prestigiosa, ottenuta con le classiche armi di regolarità e grinta, contro un avversario che appena un anno fa stazionava attorno alla cinquantesima posizione nelle classifiche mondiali: tuttavia il compagno di Davis di Roger Federer nel 2011 è incappato in un periodo di black-out assoluto (compresa quella odierna, è alla ottava sconfitta di fila al primo turno) e, anche quando ha recuperato dal 5-3 al 5-5 nel secondo set, ha reagito più per rabbia che attraverso un reale progetto di gioco.
.
Esordio vittorioso infine per la testa di serie n°1, l’argentino Diego Junqueira, numero 105 al mondo (67 61 60). Per un lunghissimo set durato quasi due ore il mancino di Tandil ha visto i sorci verdi contro la giovane speranza Peter Polansky, uscito dalla qualificazioni e seguito dall’ex terraiolo iberico Fernando Vicente, ma lo sforzo del primo parziale vinto al tie-break è costato caro al canadese, che ha racimolato appena un game nei due set successivi. Sono approdati agli ottavi anche il quarto favorito del singolare, l’austriaco Martin Fischer, e il rumeno Adrian Ungur. Nel serale, dopo le fatiche di Naso e Lorenzi, scenderanno in campo Evgeny Korolev contro Andrej Martin.

RISULTATI 1° TURNO SINGOLARE
P. Luczak (AUS) b. A. Giannessi (ITA, wc) 26 64 64
M. Fischer (AUT, 4) b. I. Navarro (ESP, q) 64 76
F. Bagnis (ARG) b. J. Witten (USA, q) 36 64 63
A. Ungur (ROU) b. R. Dutra da Silva (BRA, 8 ) 76 63
A. Di Mauro (ITA, 7) b. M. Chiudinelli (SUI) 63 76
F. Nielsen (DEN) b. M. Trevisan (ITA) 63 63
P. Carreno Busta (ESP) b. K. Kravchuk (RUS) 61 62
D. Junqueira (ARG, 1) b. P. Polansky (CAN) 67 61 60

RISULTATI 1° TURNO DOPPIO
P. Capdeville/J. Silva (CHI/BRA) b. J. Kerr/D. Skoch (AUS/CZE, 3) 61 64
S. Kadir/P. Raja (AUS/IND, 4) b. A. Ungur/L. Zovko (ROU/CRO) 63 63

ORARIO DI MERCOLEDI 25 MAGGIO
Saranno pubblicati sul sito ufficiale www.alessandiachallenger.it dopo le ore 20.00

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *