Amritraj dà il via alla Champions Tennis League

di - 17 Novembre 2014

champions tennis league

di Daniele Sforza

L’India è uno di quei paesi che in questo periodo storico si sta sviluppando sempre più in tutti i settori. Qualche novità ha riguardato anche il tennis visto che quest’anno in India si sono organizzati diversi tornei e diverse nuove competizioni, una di queste è la Champions tennis League che comincerà il 17 Novembre e durerà 10 giorni. Ne parliamo con l’aiuto di Jeevan Nedunchezhiyan, attuale numero 368.

La competizione è stata promossa da Vijay Amritraj, ex tennista che in carriera ha raggiunto come best ranking il numero 23 nel lontano 1980, e verrà disputata in 6 diverse città: Mumbai, Hyderabad (che ha sostituito Chennai), Delhi, Pune, Bangalore e Chandigarh (la più piccola con “solo” 800 mila abitanti).

A questo punto ci si chiede la ragione per la quale Vijay ha organizzato una cosa del genere. “Innanzitutto vogliamo distinguere questa lega dalla IPTL che si disputa prevalentemente in Asia. Tutto questo serve ad aiutare il movimento tennistico indiano, specialmente per i ragazzi junior”.

teniAmritraj ha rilevato le ragione dell’importanza di questa competizione. “Questa competizione ci aiuterà a sponsorizzare il tennis nel nostro paese, visto che avremo giocatori internazionali che parteciperanno all’evento. È importante avere la città di Hyderabad impegnata in questa competizione perché è sempre stata una città “da tennis” ed è importante che i giocatori internazionali che partecipano a questa competizione possano visitare il nostro paese e avere meravigliosi ricordi di esso visto che siamo anche famosi per la nostra ospitalità”. A questo si aggiunge il commento del tennista indiano Jeevan Nedunchezhiyan che dice: ”E’ ottimo per il tennis in India in quanto aiuta i tennisti indiani ad essere riconosciuti, ogni squadra ha un junior insieme quindi è un’ottima esperienza anche per loro per essere circondati da persone come Hingis,Ferrero,ecc.”. Ci illumina anche sullo svolgimento della competizione: “Si gioca un set di singolare femminile, un set di singolare maschile, un set di singolare per le leggende, un set di doppio maschile e un set di doppio misto. A questo si aggiungono altre regole (metti foto) La squadra con il numero maggiore di game vinti nel gruppo giocherà contro l’altra nella finale per vincere il montepremi di Rs 1 Crore (10 milioni). Al finalista invece andranno 50 lakh (5 milioni).

Per quanto riguarda le squadre, sono le seguenti a seguito del forfait di Ferrer(che ha dichiarato di aver avuto un calendario troppo fitto nelle ultime settimane che gli ha provocato una forte infiammazione alla zona lombare) e che avrebbe dovuto giocare nella squadra di Chandigarh ed è stato sostituito da Paes: (metti immagine)

Il tennista indiano,posizionato al numero 368 del ranking Atp ci parla anche della situazione attuale del movimento indiano :” L’India finalmente ha dei tornei Challenger per quanto riguarda il circuito maschile, abbiamo la possibilità di giocare tornei di alto livello e scalare più facilmente il ranking. Solitamente non possiamo viaggiare molto per sostenere le spese e ora che abbiamo 5 tornei qui “ a casa” stiamo facendo bene e presto ci saranno molti indiani nelle qualificazioni degli slam (ne abbiamo già 4!)”. Infine concludiamo con un obiettivo dichiarato dall’organizzatore: “In futuro vedremo anche se si potrà migliorare questa competizione includendo non 6 ma ben 8 città dell’India”.

ctl rules

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *