La Storia è Servita

di - 9 Luglio 2012

di Sergio Pastena

Roger Federer: gli aggettivi per lui sono finiti, l’aggetivo per il voto è uno solo: obbligato. Voto: 10 e lode

Andy Murray: stavolta niente bastonate. Non ha perso l’occasione di vincere Wimbledon, ha colto quella di arrivare in finale sull’erba londinese e si è battuto bene in finale. Applausi. Voto: 9

Jo-Wilfried Tsonga: sulle due palle break del 4-4 al quarto contro Murray, muore anche la sua possibile finale. Stabilmente dietro i Fab Four, tanto di cappello. Voto: 8

David Ferrer: sulla terra è superiore al Murray, sul veloce lo fa patire. Come a Melbourne 2011, non coglie l’occasione per andare avanti di due set e finisce lì. Da ammirare. Voto: 8

Philipp Kohlschreiber: la risposta a chi si chiede perché l’erba sia così apprezzata da chi ama la tecnica. Voto: 7,5

Florian Mayer: vedi Kohlschreiber, aggiungendo che contro Djokovic poteva molto poco. Voto: 7,5

Mikhail Youzhny: chiudiamo il trittico dei rovesci di pregio (lo è anche quello di Mayer, seppur bimane) col russo pazzo che si schianta contro Federer. Voto: 7,5

Mardy Fish: considerando quello che ha passato, era molto difficile chiedergli di più. Voto: 7,5

Brian Baker: chiude la comitiva dei sette e mezzo e si conferma di livello assoluto. Voto: 7,5

Lukas Rosol: ingeneroso? Forse, ma una giornata di grazia e un terzo turno Slam valgono un sette. Voto: 7

Jerzy Janowicz: uno di quelli attesi, fa vedere di cosa è capace e quasi fa fuori Mayer. Voto: 7

Sam Querrey: si sta ritrovando, e per gli americani è una buona notizia. Voto: 7

Xavier Malisse: un altro del clan dei rimpianti, contro Federer è stato un bel vedere. Voto: 7

Andy Roddick: difende il terzo turno, le forche caudine lo attendono agli Us Open. Voto: 6,5

Ernests Gulbis: stavolta non ha fallito la prova del nove, è che Janowicz era proprio un avversario tosto. Voto: 6,5

Novak Djokovic: sul velluto fino alla semifinale, eccetto che per un paio di set contro Stepanek. Contro Federer, però, la sua prestazione è stata decisamente rivedibile. Voto: 6

Fernando Verdasco: cedere a Malisse sull’erba ci può stare, niente drammi. Voto: 6

Marin Cilic: mezzo voto in meno. Così, perché è Cilic. Voto: 5,5

Juan Martin del Potro: contro Ferrer non vede palla, sempre più dubbi sul fatto che possa tornare quello di prima. Voto: 5,5

Andreas Seppi: ok le frignate di Istomin, ma è lecito dire che ci si attendeva di più. Voto: 5

Janko Tipsarevic: torneo anonimo, ancora meno giustificabile per chi, come lui, la tecnica ce l’ha. Voto: 5

Rafael Nadal: è umano anche lui e come tale può cadere. Ultimamente cade un po’ più spesso. Stagione sull’erba disastrosa. Voto: 4

Tomas Berdych: dimesso, quasi stordito da un avversario che non si attendeva così in palla. Voto: 4

John Isner: Falla, come l’avversario che l’ha eliminato. Falla, come il buco nell’acqua fatto a Wimbledon. Falla, come quello che penso quando lo vedo in campo, aggiungendo la parola “finita”.  Voto: 4

Nikolay Davydenko: toc, toc! Chi è? Il funzionario dell’Inps. Voto: 4

Il tetto di Wimbledon: se le flebili lamentele di Nadal sono sembrate pretestuose, bisogna anche dire che un tetto che ci mette più di mezz’ora a chiudersi lascia perplessi e spacca in due le partite. I cinesi, in mezz’ora, un tetto lo costruirebbero. Voto: 1

© riproduzione riservata

6 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *